Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Giovedì 08 Dicembre 2016 - Ore 01:06


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
LA FIRMA
La firma

Turismo, Brescia ora è gemellata anche con la francese Troyes

Brescia e Troyes sono città gemelle. Il Giuramento della fraternità è stato sottoscritto dai sindaci Emilio Del Bono e Francois Baroin nel pomeriggio di venerdì 10 giugno nel salone delle Feste del municipio della città francese. Alla cerimonia, oltre a diversi cittadini e personalità locali, ha partecipato anche la vicesindaco del Comune di Brescia, con delega ai Gemellaggi, Laura Castelletti. 

Entrambi i primi cittadini hanno ribadito l’importanza del momento, che promuove un concetto di Europa non burocratico, ma come luogo di incontro tra culture. Il sindaco Emilio Del Bono ha sottolineato i molti punti in comune tra le due città dal momento che entrambe “hanno un passato romano, hanno dato i natali a un Papa, hanno una provincia che produce vini rinomati, lo Champagne e il Franciacorta, hanno una storia industriale che anche oggi porta a interessanti scambi commerciali”. Tutti spunti da cui partire per creare una fitta collaborazione che passi “dallo sport, dai giovani, ma anche dall’arte e dalla cultura, dato che entrambe le città sono siti Unesco”. 

Al termine dei discorsi ufficiali i due sindaci si sono scambiati alcuni doni tra cui la Vittoria Alata, simbolo di Brescia, che da oggi sarà esposta nel municipio di Troyes a ricordare questo importante momento.
Quello con Brescia è per Troyes il primo gemellaggio dopo 21 anni. La collaborazione tra le due città è stata favorita, come già quella con Logroño, dall’intermediazione di Darmstadt - il primo gemellaggio cittadino - città gemellata con Troyes da oltre 50 anni. L’occasione è stata l’incontro avvenuto a Darmstadt, nel 2006, tra la delegazione bresciana presente alla locale Heinerfest e il vice presidente e responsabile delle relazioni internazionali del Centro per l’Unesco di Troyes. I primi scambi hanno visto protagoniste le scuole bresciane, dalle materne alle superiori, invitate - a partire dall’anno scolastico 2006/2007 - a partecipare a un concorso di arti plastiche indetto dal Centro per l’Unesco. Ben cinque scuole bresciane, tra cui la materna “Caionvico”, sono state riconosciute tra le prime classificate su oltre 6.000 opere pervenute da 82 Paesi del mondo.

L’attività di scambio sul piano artistico/educativo promossa dal Centro per l’Unesco si è via via consolidata; nel corso del 2009 una studentessa dell’Università Cattolica vi ha svolto uno stage e nel maggio dello stesso anno Brescia è stata la città ospite d’onore a Troyes in occasione delle premiazioni del concorso “Graines d’Artistes”. In tale circostanza, la delegazione bresciana – in particolare rappresentanti  dell’Area  Pubblica Istruzione, Cultura, Musei e Turismo - ha  avuto i primi contatti con l’Amministrazione del Comune di Troyes, in particolare con la vicesindaco Lise Patelli.

Dando seguito ai primi contatti, la mostra realizzata dal Centro per l’Unesco di Troyes, “Semi d’artista”, è stata allestita a Brescia negli spazi del Piccolo e Grande Miglio in Castello dal 31 marzo al 2 giugno 2010. 

L’interesse di Troyes per un gemellaggio con Brescia è stato nuovamente dichiarato nel settembre 2010, in occasione della Giornata Europea delle Lingue, quando i rappresentanti francesi sono tornati a Brescia accompagnando un coro di otto elementi che si è esibito sia a San Barnaba sia al Teatro Sociale. La partecipazione alla giornata Europea delle Lingue si è ripetuta nel settembre 2011. Nel mese di ottobre 2011, il Comune di Troyes ha trasmesso l’invito al Consiglio Comunale dei Ragazzi di Brescia per un incontro - realizzato anche grazie ai finanziamenti europei - in Francia alla fine del mese di giugno 2012. 

Un ulteriore invito è stato rivolto ad illustratori bresciani di libri per ragazzi, per la partecipazione al “Salon du livre pour la jeunesse”, che ha avuto luogo dal 18 al 22 ottobre 2012 a Troyes.

Dal 30 giugno al 6 luglio 2014 una delegazione bresciana, composta da una rappresentanza istituzionale (Laura Parenza) e una rappresentanza giovanile (sei studenti degli istituti superiori bresciani e un’accompagnatrice) è stata ospite del Comune di Troyes, nell’ambito di un progetto europeo.

Dopo dieci anni dal primo incontro il progetto di gemellaggio si è realizzato.



Fonte: Comunicato stampa sab 11 giu 2016, ore 11.50
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
@gemel
(UTENTE NON REGISTRATO)
se grinta non significa determinazione, ma grossolanità , concordo: vedi la rozza polemica nei confronti di un sacerdote mossa da una persona che non si è dimostrata capace di argomentare, ma solo di offendere. Del resto la botte dà il vino che ha. O no?
dom 12 giu 2016, ore 09.54
Immagine profilo
Gemellaggio
(UTENTE NON REGISTRATO)
C'era, ma si sente e si vede molto meno la grintosa Vicesindaco Castelletti sia ufficialmente che non. Sarà magari rammaricata per la scomparsa ufficiale dalla scena pubblica dei vecchi amici sociaisti di sempre Guindani e Fermi. Oppure per qualcosa che non è dato conoscere. Ce ne faremo una ragione: non ci sono più i craxiani di una volta.
sab 11 giu 2016, ore 23.21
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
23:56 @@Sandroschi
07 dic - Vai alla news »
Ascolti Sandro, si iscriva al Partito Democratico, si faccia un selfie con la Boschi e la faccia finita. Era quello che aspettava da quando
23:40 basta cagate
07 dic - Vai alla news »
bresciani che costringono donne cinesi a prostituirsi,esiston o appena nella tua mente malata !
23:34 BRESCIANI FATTI
07 dic - Vai alla news »
C'è molta fame di droga nel bresciano. Meno male che qualcuno gliela procura.
23:31 NOI POCHI
07 dic - Vai alla news »
Eccezioni, ovviamente. Come quei pochi bresciani che stuprano bambini, anche pagandoli, evadono il fisco, inquinano, godono con le extracomu
23:05 prodigi
07 dic - Vai alla news »
Sono prodigi dei puttanieri bresciani, razzisti commentatori di giorno e frequentatori di ragazze stranieri costrette a prostituirsi di nott
23:02 falso
07 dic - Vai alla news »
I furti sono diminuiti. Chi dice il contrario o é in malafede o male informato o entrambi.
22:59 truffa
07 dic - Vai alla news »
C'é anche la notizia di bresciani arrestati per truffa gigantesca ai danni di cittadini di Dubai, oppure l'arresto di bresciani che costring
21:04 RISORSE
07 dic - Vai alla news »
giovani profughi in cerca di lavoro e di una vita migliore vittime di una cospirazione a sfondo razziale
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...