Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalitÓ illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Venerdì 09 Dicembre 2016 - Ore 14:26


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
L'OPINIONE
Onofri

Metro, una riflessione sulla rinegoziazione del mutuo del Comune

di Francesco Onofri - Sui giornali degli ultimi giorni sono comparse alcune notizie, in alcuni passaggi con toni quasi celebrativi, sulle nuove condizioni del mutuo con Cassa Depositi e Prestiti che attanaglia Brescia Infrastrutture S.r.l. (la società al 100% del Comune di Brescia, e proprietaria della metro) ad un tasso fisso oggi esorbitante del 5,69% e per un capitale residuo ancora da pagare di quasi 115.000.000 euro.

Chi ha letto le notizie, avrà visto che la Giunta – il Consiglio dovrà dire di sì venerdì 17 - ha concordato con Cassa Depositi e Prestiti di “spalmare” nel tempo le 42 rate semestrali mancanti, aggiungendo otto anni in più di pagamenti in coda all’attuale scadenza, che non sarà più quella originaria del 31.12.2037, ma sarà prolungata sino al 31.12.2045. In cambio avremo la riduzione del tasso dal 5,69% attuale, sino al 5,33% (comunque altissimo e fuori mercato).

In questo modo l’importo della rata annuale (attualmente 9.338.000,00, euro) scenderà di oltre un milione e mezzo all’anno, dando ossigeno alle nostre casse, così gravate dai costi della metro (meno 28,3 milioni come differenza tra costi di gestione totali e ricavi di esercizio nel 2015, vedi qui).

Tutto vero. Manca però un pezzo. Che vale 28 milioni in più di spese totali “a fine corsa” (curiosa coincidenza con lo sbilancio della metro nel 2015).

Quello che non è stato detto, infatti, è che per poter diluire nel tempo lo sforzo del rimborso, se si lascia un tasso così alto (Cassa e Depositi non fa sconti a nessuno) la cifra totale pagata nel 2045 dalla città alla fine sarà aumentata di ben 28 milioni di euro. Tutti spostati sulle spalle dei contribuenti delle future generazioni, dei nostri figli. Se ne avremo messi al mondo e se non se ne saranno andati all’estero a lavorare e a pagare altrove le loro tasse.

Per chi vuole fare il confronto, questo è il piano di ammortamento attuale (totale rate residue dall’1.1.2017 euro 196.101,00 circa, vedi prospetto) e questo è il link a un sito dove è possibile simulare quello del nuovo mutuo (con questi dati: capitale 113.586.796, durata 29 anni dall’1.1.2017, rate semestrali, tasso 5,33%: totale rate 224.377,00 circa).


È una decisione saggia rimandare al futuro il problema?

Possiamo ancora una volta “spazzare la polvere sotto il tappeto”?

La sostenibilità economica dell’immediato fa rispondere di sì. Lo hanno fatto i nostri padri con noi (sistema pensionistico, ambiente, debito pubblico, ecc.). Lo facciamo anche noi con i nostri figli: noi avremo qualche soldo in più subito, e loro si arrangeranno, come stiamo facendo noi per far funzionare la metro voluta vent’anni fa.

Abbiamo invece seri dubbi sulla sostenibilità nel senso vero, che vuol dire soprattutto sostenibilità intergenerazionale, e che significa - secondo la definizione della legge regionale n. 12 del 2005 - “garanzia di uguale possibilità di crescita del benessere dei cittadini e di salvaguardia dei diritti delle future generazioni”.

I diritti delle future generazioni questa rinegoziazione del mutuo non li ha considerati. Ci vorrebbe al tavolo il “garante dei diritti dei non nati”, ma pare che non esista. Se esistesse e avesse un minimo di capacità retorica direbbe: “Cari padri, le vostre campagne elettorali non ve le pagate con i nostri soldi”.

E poi c’è un’altra conseguenza negativa di questa rinegoziazione: con l’aumento della cifra totale del piano del mutuo di 28 milioni, la famosa penale mostruosa che Cassa e Depositi chiede per poterne concedere l’estinzione anticipata (che ammonta a ben 65 milioni, a fronte di un residuo debito di 115) anziché diminuire pure essa aumenterà. E sarà quindi ancora più difficile iniziare una causa con la Cassa per tentare, anche con una transazione, di ricondurre ad equità un mutuo a tassi oggi improponibili e che ci sta soffocando.

La nostra opinione è che non c’è fretta. Che le future generazioni e il contribuente esigono rispetto. Che vale la pena rimandare ogni possibile decisione alla scadenza della rata del 31.12.2016.

E, visto che la via parlamentare della modifica legislativa auspicata dalla Giunta non sta funzionando, dobbiamo tentare in parallelo la via giudiziale, previo un parere superqualificato di chi sia in grado di dirci:

(1) se un costo dell’estinzione anticipata così elevato finisca – come hanno detto alcuni Tribunali – per fare diventare questo mutuo usurario, con conseguente nullità della penale (un parlamentare bresciano cinquestelle ci ha fatto anche un’interrogazione, ma senza esito);

(2) se sia valido un contratto stipulato da un soggetto pubblico come Cassa Depositi, la quale nasce e vive per legge per agevolare l’accesso al credito da parte dei Comuni, quando quel contratto all’atto pratico invece li strangola: un soggetto pubblico non può tradire se stesso e la legge in cui è scritto il suo DNA di “mamma”, e se per caso lo fa e diventa invece “matrigna”, allora agisce “senza potere” e quindi in modo “invalido”.

Questa è la nostra opinione. Pensiamoci bene. I nostri figli ci guardano e ci giudicheranno.



Fonte: Opinione mar 14 giu 2016, ore 14.02
L'editore si riserva la possibilitÓ di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
13:52 @1030
09 dic - Vai alla news »
Guarda che non sono mica criminali, sono persone che cercano una speranza. E' molto pi¨ pericoloso chi, come te, sparge paure ed odio, cont
13:46 a 12.51
09 dic - Vai alla news »
Fino al 1995 tutti avevano il retributivo. Di sbagliato e in dubbio di costituzionalitÓ Ŕ che con legge 335/1995 hanno inserito il contribut
12:51 @5 stelle
09 dic - Vai alla news »
Meno male che ai genitori hanno lasciato una parte di retributivo. Cosi almeno riescono ancora ad aiutare i propri figli disoccupati. Altrim
12:27 5 STELLE
09 dic - Vai alla news »
Cosi' come alla Corte Costituzionale hanno portato la legge Madia non si capisce attraverso quale strada. ebbene si dovrebbe seguire la stes
12:09 Sandro
09 dic - Vai alla news »
Anche nel movimento 5 stelle c'Ŕ bisogno, se non proprio di rifondarlo, almeno di chiarezza e coerenza. In senso generale penso che la Web-d
11:07 beppe
09 dic - Vai alla news »
Finalmente arriveranno i grillini salvatori della patria. Speriamo ci sia solo da ridere.
10:30 CIE?
09 dic - Vai alla news »
Se Ŕ stato indicato come centro di identificazione ed espulsione, allora da quel centro non devono proprio uscire per strada e tra la gente
10:24 VITALIZI?
09 dic - Vai alla news »
aDESSO STANNO DICENDO IN tv CHE STANNO TERGIVERSANDO SULLE ELEZIONI PERCHŔ QUALCHE DEPUTATO SE NON SI ARRIVERÓ A SETTEMBRE NON MATURERÓ IL
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La pi¨ grande comunitÓ italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...