Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Venerdì 02 Dicembre 2016 - Ore 21:02


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
DAL BROLETTO
Mottinelli

Mottinelli: la Valcamonica esca dall’Ats di Montagna

Il Presidente della Provincia di Brescia, Pier Luigi Mottinelli, interviene in merito alla riforma sanitaria e alla situazione della Valle Camonica, dopo la deposizione di una mozione da portare in Conferenza dei Sindaci ASST, dove si chiede l’autonomia della stessa ASST, con il suo passaggio direttamente sotto l’Assessorato alla Sanità di Regione Lombardia, stralciandola dunque dall’ATS della montagna.

“Ricordo che con Legge Regionale n. 15 del 10.8.1998, a seguito di una petizione popolare sottoscritta da migliaia di cittadini, di cui, in qualità di Presidente della Comunità Montana mi ero fatto promotore, era stata istituita sperimentalmente l'ASL Vallecamonica-Sebino, unica realtà lombarda comprendente sia le funzioni di ASL sia la gestione diretta di due presidi ospedalieri. Una sperimentazione durata 18 anni, che ha consentito di implementare un modello organizzativo ampiamente soddisfacente per un territorio montano in cui un unico soggetto era divenuto riferimento dei bisogni sanitari dei cittadini”.

Secondo il Presidente Mottinelli, la riconosciuta peculiarità montana della Valle Camonica, da parte di Regione Lombardia, è senz’altro una felice intuizione, ma di difficile applicazione in territori montani, simili tra loro, come l’Alto Lario, la Valchiavenna, Valtellina e la Valle Camonica, vista la difficoltà di collegamento tra le Valli.

La stessa Legge Regionale 23/2015 – si legge nella mozione- riconosce la difficoltà di organizzazione dei servizi sanitari nell'ambito dell'ATS della montagna e prevede all'art. 7 comma 19 che: “Nell’ambito della ATS della Città Metropolitana di Milano e della ATS montagna, in ragione della peculiarità territoriale, possono essere individuati dalla Giunta regionale, previo parere della commissione consiliare competente e sentite le conferenze dei sindaci territorialmente competenti, particolari modelli gestionali, organizzativi ed aziendali che consentono un miglioramento della rete dell’offerta e una sua razionalizzazione”.

“L’esperienza ultradecennale della ASL Valle Camonica/Sebino – ha proseguito il Presidente Mottinelli - rischia di venire snaturata e invalidata dalla sua assimilazione a modelli diversi, come quelli delle sopracitate aree montane ricomprese nell’ATS della Montagna; la particolare conformazione geografica della Valcamonica e della Valtellina comportano difficoltà di collegamento che non rendono possibile la razionalizzazione dell'offerta dei servizi sanitari, dovendo prevedere unità di erogazione distinte per territorio”.

Per questi motivi, raccogliendo la disponibilità del Presidente di Regione Lombardia Roberto Maroni a produrre suggerimenti e modifiche entro la data sopracitata, tenendo conto che la stessa legge assegna alla ATS della città metropolitana di Milano e all’ATS della Montagna prerogative di sperimentazione autonoma, è all’attenzione della Conferenza dei Sindaci la richiesta a Regione Lombardia, nella persona dell’Assessore alla Sanità protempore Roberto Maroni e del Presidente della Commissione III della Sanità, Fabio Rolfi, di promuovere nelle sedi opportune la richiesta di autonomia della Valle Camonica, che, alla luce della riforma sanitaria regionale, deve essere separata dall’ATS della Montagna e collocata alle dirette dipendenze dell’Assessorato Regionale, come migliore prosecuzione dell’esperienza sperimentale di autonomia, a valere sulla l.r. 15/98, anche alla luce della richiesta dei sindaci della Valle Camonica del riconoscimento di Ente di Area Vasta.

“La posizione orografica della Valle - ha concluso il Presidente Mottinelli - inserita fra la Provincia Autonoma di Trento e la Provincia interamente montana di Sondrio merita un’attenzione particolare in quanto territorio montano disagiato, al pari delle altre Comunità Montane, ma tenendo conto della propria dimensione territoriale e demografica”.





Fonte: Comunicato stampa ven 24 giu 2016, ore 14.51
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
Claudio Bragaglio
(UTENTE REGISTRATO)
La posizione assunta dal presidente Mottinelli per una Agenzia sanitaria (ATS) della Val Camonica separata dalla Valtellina è convincente da molti punti di vista. Anche quando si fecero le ASL l’Assessore Borsani in Regione Lombardia si era opposto, ma poi ha dovuto convenire (spintaneamente…) sull’opportunità di tale scelta. Tra l’altro non c’è nulla che obblighi i Cantoni di Maroni (ovvero i futuri Enti di Area Vasta) a dover coincidere con le ATS. Lo ha proposto Maroni nel suo Documento sulla Riforma delle Autonomie reso pubblico in marzo. Ma non è obbligatorio, quindi si può fare diversamente. Considerato anche il ruolo che può essere assunto anche da Rolfi, in quanto presidente della Commissione Sanità. Teniamo presente che anche le Aler, le Agenzie del TPL (Trasporto locale), le Prefetture, le Soprintendenze… non coincidono con i futuri Enti di Area vasta. E quindi può benissimo starci una diversa soluzione anche per l’ATS della Val Camonica, considerata la specificità montana.
dom 26 giu 2016, ore 00.35
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
20:56 X 17.43
02 dic - Vai alla news »
Noooo! Addirittura la macchina t'hanno toccato! Proprio a te! Magari è una Golf comprata a rate e da un mese tu paghi le cambiali e l'auto s
20:41 bepi
02 dic - Vai alla news »
Invece di prendersi i calci andava lasciato sfogare (senza coltelli) da solo nella stanza......mica si sarebbe ucciso...si stancava il furbo
20:36 RAPPER
02 dic - Vai alla news »
Fantastico il rapper di colore che ieri sera a Dalla Vostra Parte ha praticamente evidenziato tutti i benefici di cui godono i profughi o fa
20:02 maria kollo
02 dic - Vai alla news »
Avete bisogno di un prestito facile e veloce? Offriamo sia prestiti personali e di business a ogni persona interessata o di aziende che vann
19:49 io
02 dic - Vai alla news »
Si certo stava lavorando per portare a casa uno stipendio! Ma va......non vado oltre ma ne avrei da dire....
19:47 a 11.34
02 dic - Vai alla news »
A che titolo S: Egidio ci porta musulmani che sono al sicuro in Libanio, vista l'invasione che stiamo subendo e che potrebbero trovare asilo
19:36 EVASORI?
02 dic - Vai alla news »
Che la Guardia di Finanza trovi gli evasori è nei suoi compiti, dato che per scoprirli ci vogliono le prove. Ma che chi arriva clandestiname
18:02 @@CORSI 21,11
02 dic - Vai alla news »
grazie per la spiegazione dettagliata, ma non dovresti prendere tutto alla lettera: erano semplicemente modi dire per invitare, in maniera s
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...