Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



04 Dicembre 2016 - Ore 09:10


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
L'OPINIONE
Boscaglia

Cari tifosi del Brescia, spero di incontrarvi di nuovo

di Roberto Boscaglia - “Un anno è un lasso di tempo sufficiente per stilare dei bilanci. Per chiedersi come si sia chiusa un'esperienza, per dare delle risposte a se stessi, che abbiano una logica e consentano di guardare dentro il proprio cuore. In dodici mesi, Brescia mi ha regalato moltissimo dal punto di vista professionale, mi ha dato l’opportunità di crescere e conoscere cosa significhi lavorare in una città e in un club con grandi tradizioni. E’ un patrimonio che accompagnerà tutta la mia vita e la mia carriera in maniera pregnante. Il rapporto con la dirigenza della società è stato eccellente. Non potrò mai finire di ringraziare i miei interlocutori, per come hanno contribuito a farmi vedere il calcio da una nuova prospettiva. Grazie a loro, e tutti quelli che hanno lavorato nel corso della stagione: i medici, lo staff sanitario, il team manager, i magazzinieri e tutti i collaboratori che rendono il Brescia Calcio una famiglia meravigliosa.

Così come non basterebbero parole per evidenziare come io mi sia sentito accolto dall’intera Brescia: una splendida città, a misura d’uomo, in cui ho svolto il mio lavoro percependolo come un privilegio assoluto.

Giunga la mia gratitudine anche a tutti i giornalisti, con cui ho condiviso quest'avventura: il loro atteggiamento e la loro competenza sono stati importanti nel raggiungimento dei nostri obiettivi.

Ma il rapporto che ho sentito davvero speciale è quello con i tifosi, che hanno apprezzato dal primo giorno come i nostri calciatori abbiano sempre dato il massimo e mai si siano tirati indietro. Sono contento per le gioie che abbiamo regalato loro, mi è dispiaciuto quando il nostro rendimento non è stato all’altezza dell’impegno profuso. So perfettamente come i nostri sostenitori abbiamo apprezzato la nostra volontà di essere all’altezza del prestigio della maglia che indossavamo e per me è stata una grande soddisfazione che il lavoro dei giocatori, dello staff e mio personale siano stati valorizzati.

Un grazie anche, e soprattutto, ai giocatori. A tutti loro, nessuno escluso. Hanno interpretato al meglio il loro ruolo di combattenti al servizio del gruppo, hanno sempre subordinato i propri obiettivi personali a quelli della squadra, mostrando qualità umane, maturità, personalità e professionalità. Ognuno di loro, per le proprie caratteristiche, con quest'atteggiamento, raggiungerà certamente i traguardi che merita. Questo gruppo rimarrà sempre scolpito dentro di me.

Nel calcio, come nella vita, ci sono dei rapporti che, pur vissuti pienamente, sono destinati a finire, al di là della volontà dei protagonisti. Parlando proprio del rapporto che mi lega a Brescia e al Brescia, lo sento così elevato, che non mi piace usare la parola “finito”. Preferisco, invece, utilizzare la parola “interrotto”. Perché, al di là della professionalità che deve accompagnare il mio ruolo, la speranza è che questo non sia un addio, ma un arrivederci. La speranza è che la strada del Brescia e quella della mia storia futura possano incontrarsi di nuovo, per scrivere altre pagine esaltanti della storia di questo club.

Ex allenatore del Brescia



Fonte: Opinione mer 29 giu 2016, ore 11.44
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
08:55 ORIO
04 dic - Vai alla news »
Nei 5 anni di centro-sinistra sono stati accolti a braccia aperte 700mila....."BELLO FIGO". .... un immenso esercito di vagabondi sempre pro
08:36 a 8.19
04 dic - Vai alla news »
Piantala? Ma hai visto il video di Bello Fico? Sta in pratica sostenendo cantando quello per cui tanti italiani si sono lamentati per anni i
08:19 @assurda
04 dic - Vai alla news »
Piantala.
07:17 @trioooo
04 dic - Vai alla news »
eccolo qua il menestrello , quello della solita frase , ma il trio beccalossi rolfi bordonali non hanno niente da dire..., azz ma sei verame
06:32 ASSURDO
04 dic - Vai alla news »
Non ci bastano quelli che ci invadono dall'Africa, Venerdi' su RAI3 ad Agorà che andrebbe premiata perchè è pressochè l'unica trasmissione R
01:14 @quasimodo
04 dic - Vai alla news »
Vicesindaco perfetta. L'ordine degli ingegneri si fa vivo solo quando ci sono questioni particolari. Ma di che state parlando. Un conve
01:00 SI SI SI
04 dic - Vai alla news »
SI SI SI SI SI SI SI
00:14 @@Bianche
04 dic - Vai alla news »
Esatto, vince sempre...big bamboo !
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...