Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Lunedì 23 Gennaio 2017 - Ore 19:50


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
L'OPINIONE
Savoldi

Caffaro e dimissioni di Moreni, più che le polemiche serve uno scatto

di Oriella Savoldi - Le dimissioni da Commissario del Sin-Caffaro Roberto Moreni annunciate nei giorni scorsi stanno alimentando una discussione su poteri e burocrazia da una parte e polemiche tra forze politiche dall'altra. Come Cgil, in rappresentanza delle tante lavoratrici e lavoratori presenti nel sito e nella convinzione che il Sin-Caffaro sia questione centrale per la città, pensiamo sia doveroso l'interesse e l'impegno di tutti e vogliamo rimettere al centro domande che ancora non hanno risposta da parte di istituzioni, enti ed imprese.

All'ASL bresciana, ora ATS, incaricata dalla convenzione sottoscritta con il Ministero di effettuare uno studio caso-controllo su 150 casi di patologie cancerogene per certificare la correlazione fra le stesse e l'inquinamento ambientale, considerato anche il ritardo rispetto ai termini di scadenza, chiediamo di rendere noto le evidenze emerse, precisando numeri e criteri della selezione.

E sempre all'ASL bresciana chiediamo di chiarire cosa freni l'avvio del monitoraggio epidemiologico più che mai necessario per un quadro veritiero della dimensione del rischio sanitario che incombe sulla popolazione bresciana. Tanto più considerando la tendenza rilevata dai dati dell'Istituto Superiore di Sanità sull'aumento delle patologie cancerogene a Brescia più che nelle altre città industriali italiane.

Alle istituzioni firmatarie dell'accordo di programma 2009 - Ministero dell'ambiente in primis, Regione Lombardia, Provincia, Comuni di Brescia, Castegnato e Passirano - chiediamo perché non perseguano la realizzazione di un Piano complessivo di messa in sicurezza e bonifica del Sin-Caffaro, passaggio indispensabile all'individuazione degli interventi prioritari e all'attivazione del Piano finanziario necessario ad affrontarli, comprese le misure di accompagnamento a quelli in obbligo ai privati.

Da tempo la Cgil sostiene questa necessità e ad essa ha condizionato la condivisione della nomina di un commissario. In assenza di un Piano complessivo e di risorse finanziarie al commissario in carica, chiunque egli sia, resta infatti ben poco da gestire e da coordinare. È in tale contesto che troviamo quantomeno fuorviante la discussione su una diversa distribuzione dei poteri o la chiamata in causa di impedimenti burocratici, non perché assenti ma perché mai del tutto insuperabili come dimostrato dell'accelerazione impressa alle procedure in capo al Ministero da parte dell'attuale dirigente responsabile. A meno che, e questo sarebbe grave, non si pensi che sia la Conferenza dei Servizi, aperta a tutti i portatori di interesse per il vaglio di decisioni e progetti di intervento, un impedimento burocratico.

Alla Provincia chiediamo di dire cosa sta facendo per individuare, come prescritto in più Conferenze dei Servizi, i responsabili degli inquinanti accertati dall'Arpa in diverse aree.

Alle tante imprese bresciane interne al Sin-Caffaro e alle loro associazioni di rappresentanza - oltre che rammentare l'obbligo alla valutazione dei rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori nell'ambito degli incontri previsti dalle norme in materia, nonché di confronti con le rappresentanze sindacali all'insegna di moderne e più avanzate relazioni industriali - chiediamo se la messa in sicurezza e la bonifica di un'area così importante per la nostra provincia non meriti uno sforzo esemplare. Perché sì, sia permesso l'inciso, non di solo Albero della Vita si mangia e si respira.

Analogo rispetto degli obblighi e sforzo di confronto lo chiediamo a maggior ragione agli enti e imprese pubbliche, non ultimo agli Spedali Civili, considerati anche i livelli degli inquinanti accertati nel suolo e nelle acque.

Al commissario, considerate le intenzioni di interventi cautelativi annunciati nell'ultima Conferenza dei Servizi in sostituzione dei privati in obbligo di bonifica, chiediamo che contestualmente ai progetti siano precisate anche le misure di rivalsa per il rientro del denaro pubblico allo scopo destinato.

In conclusione, pur riconoscendo nella situazione fin qui osservata lo sforzo fatto dall'attuale amministrazione bresciana per la bonifica delle aree pubbliche comunali, riteniamo che ben di più si possa e si debba fare per far fare un balzo in avanti sostanziale nella messa in sicurezza e bonifica del Sin Caffaro. Con relativi benefici per tutti - lavoratori, cittadini, imprese - a livello sociale, occupazionale, sanitario, economico e ambientale.





* segreteria Camera del Lavoro di Brescia

 



Fonte: Comunicato stampa lun 04 lug 2016, ore 15.38
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
Brixia
(UTENTE NON REGISTRATO)
Afferma la Segretaria della Camera del Lavoro: "chiediamo che contestualmente ai progetti siano precisate anche le misure di rivalsa per il rientro del denaro pubblico allo scopo destinato." Scusi, con chi si dovrebbe rivalere secondo Lei e con quale previsione di tempi notoriamente biblici ? La conosce la vicenda della proprietà Caffaro e l'attuale situazione dopo i vari "spacchettamenti" ? Ultima domanda: lo sa o non lo sa che l'allora Sindaco On.le Prof.Paolo Corsini, su consiglio del suo Vice Avv.Onofri, di fronte alla previsione di un'azione giudiziaria nei confronti della proprietà Caffaro, dichiarò che il Comune non si sarebbe nemmeno costituito parte civile vista la probabilità uguale a zero, secondo loro, di esito favorevole in sede giudiziaria ? Signora Savoldi, servirebbe sì uno scatto: nel futuro, per azzerare la storia politica di questa città negli ultimi venticinque anni. Ma le persone, o i loro eredi politici, sono purtroppo sempre gli stessi. E i risultati si vedono.
lun 04 lug 2016, ore 16.52
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
19:43 MAH
23 gen - Vai alla news »
UNA VENDETTA BELLA E BUONA DI CESA. MA MANTELLI CE L'HA LA TESSERA DELL'UDC?
19:38 caspita
23 gen - Vai alla news »
ussignur risvegliare i valori dei templari. Auguri
19:35 fenomeni
23 gen - Vai alla news »
certi signori professionisti della politica sono sempre in sella in genere su comode poltrone rivestite in pelle con diversi optional a disp
19:34 fenomeni
23 gen - Vai alla news »
certi signori professionisti della politica sono sempre in sella in genere su comode poltrone rivestite in pelle con diversi optionals a dis
19:34 mammate
23 gen - Vai alla news »
Auguri ai partenti.......
19:31 pro tempore
23 gen - Vai alla news »
importante sono i programmi ed i progetti.... dicevano. Se se
16:19 deluso
23 gen - Vai alla news »
Brutto finale con tanti nostri giocatori sulle gambe e un vecchio mestierante come Ardemagni che sembrava Cristiano Ronaldo. Occhio, perché
16:06 tanto rumore pe
23 gen - Vai alla news »
Per l'allegra brigata del comitato: siete spariti? che cosa e' successo? bell'uomo batti un colpo se ci sei ancora!
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...