Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Lunedì 05 Dicembre 2016 - Ore 17:39


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
CONSIGLI
Terapia di gruppo

Perché affidarsi alla terapia di gruppo: 10 fattori del cambiamento positivo

La terapia di gruppo è una forma di psicoterapia adatta a risolvere diversi problemi. Non vi sono particolari controindicazioni verso questa forma di terapia, tuttavia esistono delle problematiche per le quali la psicoterapia di gruppo è particolarmente indicata. Tra queste troviamo depressione, ansia e attacchi di panico, dipendenza affettiva, pornodipendenza, disassuefazione al tabacco etc.

Nonostante esistano diversi modelli di terapia di gruppo, il concetto di gruppo stesso possiede valori terapeutici sempre validi. In particolare lo scrittore e pscioterapeuta Irvin Yalom, nell’opera “Teoria e pratica della psicoterapia di gruppo“, ha individuato 10 fattori che portano ad un cambiamento positivo nel paziente che decide di affidarsi alla terapia di gruppo:

1. Coesione di gruppo. I partecipanti ad una terapia di gruppo hanno percepiscono l’imminente cambiamento positivo all’interno di un contesto accogliente e protetto. Questa coesione permette ai pazienti di sentirsi più liberi ad esprimere le proprie emozioni.

2. Comportamento imitativo. Il paziente ha la possibilità di vedere negli altri un modello di comportamento positivo ed imitarlo.

3. Universalità. Grazie a questo senso di protezione presente nel gruppo stesso, il paziente ha la sensazione che qualsiasi suo problema possa essere risolto.

4. Altruismo. Il gruppo non serve solo per risolvere i propri problemi ma anche per aiutare gli altri. L’altruismo che si instaura in gruppo di terapia aumenta la positività e facilita il percorso verso la risoluzione delle proprie problematiche.

5. Cambiamento del copione familiare. La terapia di gruppo permette di risolvere problemi legati all’ambito familiare. In una sorta di gioco di ruolo, il gruppo permette di rivivere alcune situazioni familiari irrisolte nel paziente, permettendogli così di sfogarsi e di liberarsi da vecchi scheletri che continuano ad abitare il suo armadio

6. Instillazione della speranza. I pazienti si aiutano e si motivano l’un l’altro, facendo crescere così il livello di positività e la consapevolezza che è possibile risolvere i propri problemi.

7. Catarsi. Il paziente, immedesimandosi nei problemi degli altri, si sente più libero.

8. Fattori esistenziali. Più che un fattore di cambiamento permettono di un livello di consapevolezza tale da permettere di superare gli eventi negativi della vita con maggior serenità.

9. Sviluppo tecniche di socializzazione. Grazie alla coesione, al confronto e alla fiducia, il gruppo migliora l’autopercezione del paziente il che consente di migliorare le tecniche di socializzazione.

10. Apprendimento interpersonale. La terapia di gruppo, per natura, porta il paziente ad effettuare un autoanalisi e a modificare/migliorare i propri comportamenti affinché risultino più consoni e rispettosi verso gli altri. La sperimentazione di nuovi comportamenti avviene all’interno del gruppo stesso.

Come abbiamo visto dunque esistono 10 buoni motivi per affidarsi ad una terapia di gruppo. In generale possiamo affermare che la terapia di gruppo può essere sia il proseguimento di un precedente lavoro indiviaduale, sia un percorso già di per sé esaustivo per la risoluzione delle problematiche del paziente. Per maggiori informazioni in merito alla terapia di gruppo vi consigliamo di contattare un esperto. Sarà lui a guidarvi verso la scelta migliore per risolvere i vostri problemi.


 



Fonte: Redazione lun 18 lug 2016, ore 16.25
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
17:21 @ 14:20
05 dic - Vai alla news »
dai, facci restare tutti a bocca aperta: tu quanti ne hai in casa di rifugiati? guarda che la scusa della casa piccola o dei problemi di lav
16:40 veritas
05 dic - Vai alla news »
Il no ha vinto per i clandestini !! che eresia che popolo di piccini le persone si spostano quando dove sono stanno male tutti lo farebbero
16:36 errata corrige
05 dic - Vai alla news »
Il presunto jhadista al quale abbiamo concesso protezione sussidiaria non percepiva 200 bensi' 2000 euro al mese. Una vera vergogna e speria
16:32 a 14.20
05 dic - Vai alla news »
L'UNHCR, visto che ha tra i suoi capi un italiano, farebbe bene a spiegarci come mai in Africa non si adopera affinchè venga rispettata la C
16:29 veritas
05 dic - Vai alla news »
Pochi elettori hanno capito per cosa votare la propaganda ha infatti imperato importante era dire No come sempre per sempre non so se le rif
16:14 Analisi
05 dic - Vai alla news »
Si comincia ad analizzare nel dettaglio il voto di ieri e sembra che I giovani tra i 18 e i 34 anni abbiano votato all'81% NO. Ma non erano
16:06 Scusa, Luigi
05 dic - Vai alla news »
L'amico Gennarino Migliore l'hai già sentito? Chiedo perché l'ho visto parecchio abbacchiato e preoccupato dopo la scoppola referendaria. Ma
16:05 ferdi68
05 dic - Vai alla news »
Niente male la Boschi come presidente…in questa italia maschilista e zoticona una donna bella e intelligente la voto volentieri
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...