Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Venerdì 02 Dicembre 2016 - Ore 21:00


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
L'OPINIONE
Sandro Belli

Fiera, è arrivato il momento di unire le forze

di Sandro Belli - Fiera si, fiera no. Per anni il dibattito è proseguito, poi l'oblio. Pochi, fra i quali Bresciacittagrande ( per questo a volte sbeffeggiata) hanno continuato insistentemente a sostenere che una città operosa, artigianale e industriale come Brescia avesse bisogno di un punto espositivo idoneo, per mostrare la propria produzione e la propria creatività, per incontrare e confrontarsi con clientela di vario tipo, per svolgere un marketing serio, sul pezzo.

Per dar senso e forza ad un grande progetto di rilancio dell'intero comparto, si proponeva di considerare il palazzetto EIB e la Fiera come un tutt'uno. Si chiedeva,in altre parole, di pensare, attrezzare, organizzare e in seguito gestire le due realtà in modo sinergico, sotto un'unica regia. Si chiedeva,inoltre, di preoccuparsi delle adiacenze, dei parcheggi e dei servizi limitrofi; di non dimenticare la raggiungibilita' da strade, autostrade, stazione ecc.Tutto ciò non solo per le migliori chance  possibili al comparto, ma anche per renderlo più comodo e più versatile rispetto a possibili aree concorrenti, vicine o lontane. Una realtà nuova, ben attrezzata, moderna, gestita in modo snello e a costi contenuti, nella quale tra eventi ed esposizioni dei due edifici non solo non vi fosse sovrapposizione e concorrenza, ma convergenza ed ampia possibilità di utilizzo comune degli spazi, dei servizi e della sede direzionale. Ma tutto ciò non ci pareva sufficiente.

L' ambito cittadino sembrava essere troppo limitato. Una realtà che doveva poter aver una voce internazionale, andava accompagnata da energie non solo locali. La prospettiva poliprovinciale, inserita nel grande tema della Lombardia Orientale ci sembrò assolutamente consona e indispensabile.

Oggi, dopo che sembra tutto pronto per ripartire, vorremmo riproporre quanto tempo fa scrivevamo nella convinzione che sia ancora utile ed attuale, aggiungendo questa considerazione : non abbiamo alcun dubbio che Brescia possa gareggiare quantomeno con città di medie dimensioni, come Vicenza, Verona, Bergamo, Rimini, ecc, città nelle quali le attività  fieristica, espositiva e congressuale sono presenti e, a volte in sviluppo. Come sempre serve vera convinzione e condivisione della comunità di tutta la vasta area lombardoorientale delle forze politiche ed economiche, superando gelosie e campanilismi.

Oltre a ciò  è nostra convinzione che una città non può essere costituita da tante "isolette", da attività scollegate quando non addirittura antitetiche, da associazioni e società che, ciascuna per se, senza alcun collegamento o rapporto, pur avendo l'obiettivo comune di vivacizzare o dar lustro alla città, impiegano singolarmente ingenti risorse della comunità. Spesso una singola  attività si organizza con strutture societarie o direttive che impegnano troppi componenti, consigli di amministrazione con una pletora di consiglieri, uno per partito o uno per corrente o per categoria, con comitati tecnici a latere o direttivi operativi esagerati, creando organismi costosi e non preoccupandosi di coordinare le proprie iniziative con altri organismi similari. Per dimenticare e superare questa abitudine tutta italiana allo spreco di risorse e al concetto " nella mia parrocchia comando io" e sopratutto per riuscire a sorreggere e sviluppare con costi sopportabili attività importanti per la città, come un nuovo comparto fieristico-sportivo-congressuale ci si deve convincere che le sinergie sono indispensabili e che si deve "unire le forze".

* Imprenditore 



Fonte: Opinione mar 26 lug 2016, ore 12.10
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
Bscittagrande
(UTENTE NON REGISTRATO)
Personalmente credo che un quartiere Fiera Brescia senza un collegamento/ coordinamento con il palazzetto EIB e con i servizi, le aree adiacenti e le attività da gestire unitariamente. , abbia vita difficile. Attrezzature, spazi, uffici, gestione : tutto in comune. Stessa cosa per le manifestazioni fieristiche e congressuali : Fiera Brescia e Fiera Montichiari, cioè realtà della provincia di Brescia, difficilmente possono sopravvivere da sole .Mi pare necessario coordinare servizi e costi, spazi e attrezzature, regia unica e uffici, per diventare polo forte della Lombardia orientale in un piano di attività programmate con le prov. di Mantova e Cremona.
mer 10 ago 2016, ore 18.17
Immagine profilo
Sandro
(UTENTE NON REGISTRATO)
Personalmente credo che un quartiere Fiera Brescia senza un collegamento/ coordinamento con il palazzetto EIB e con i servizi, le aree adiacenti e le attività da gestire unitariamente. , abbia vita difficile. Attrezzature, spazi, uffici, gestione : tutto in comune. Stessa cosa per le manifestazioni fieristiche e congressuali : Fiera Brescia e Fiera Montichiari, cioè realtà della provincia di Brescia, difficilmente possono sopravvivere da sole .Mi pare necessario coordinare servizi e costi, spazi e attrezzature, regia unica e uffici, per diventare polo forte della Lombardia orientale in un piano di attività programmate con le prov. di Mantova e Cremona.
mer 10 ago 2016, ore 18.15
Immagine profilo
@Bscittagrande
(UTENTE NON REGISTRATO)
Esatto. Piccoli ed in via di estinzione. E vale non solo per Brescia, ma anche per l'Italia e pure per l'Europa.
dom 31 lug 2016, ore 23.12
Immagine profilo
Bscittagrande
(UTENTE NON REGISTRATO)
Se anziché creare una realtà poliprovinciale più forte possibile,a carattere Lombardoorientale, si vuol rimpicciolire la provincia di Brescia, togliendo una valle, allora....meglio pensare di trasformare la fiera in una sagra di paese e immaginare un declino progressivo della nostra città e provincia, cedendo a Milano ogni asset, cancellando Brescia dal contesto nazionale e internazionale. Piccoli e in via di estinzione!!
dom 31 lug 2016, ore 14.17
Immagine profilo
Sandro
(UTENTE NON REGISTRATO)
Non mi preoccupa chi la pensa diversamente. Non appartenendo da sempre ad alcun schieramento, dico e scrivo ciò che penso. Se la pensi come me,rema anche tu nello stesso mio verso. Sono abituato a " crociate solitarie" e sono contentissimo se qualcuno si affianca. A volte mi capita anche di convincere
dom 31 lug 2016, ore 14.07
Immagine profilo
Umbi
(UTENTE NON REGISTRATO)
Mottinelli dice l'esatto opposto su questo sito...
dom 31 lug 2016, ore 13.25
Immagine profilo
Sandro
(UTENTE NON REGISTRATO)
Aggregare per ridurre i costi generali, per permettersi programmazioni più piene, ec.. Aggregare tre province per avere un centro fieristico/ congressuale/ spettacolare espositivo lombardoorientale. Mi chiedo :" nel Consiglio o nel Comitato direttivo ci sarà un rappresentante di Mantova e uno di Cremona ?...ci saranno servizi, facilitazioni, spazi e parcheggi riservati a Mantovani e Cremonesi?...aggrega re forze e territori è il sol modo per non sbagliare ancora.
sab 30 lug 2016, ore 22.35
Immagine profilo
Sandro
(UTENTE NON REGISTRATO)
Aggregare per ridurre i costi generali, per permettersi programmazioni più piene, ec.. Aggregare tre province per avere un centro fieristico/congressu ale/spettacolare espositivo lombardoorientale. Mi chiedo :" nel Consiglio o nel Comitato direttivo ci sarà un rappresentante di Mantova e uno di Cremona ?...ci saranno servizi, facilitazioni,spazi e parcheggi riservati a Mantovani e cremonesi?...aggrega re forze e territori è il sol modo per non sbagliare ancora.
sab 30 lug 2016, ore 22.30
Immagine profilo
Rem
(UTENTE NON REGISTRATO)
ma aggregazione per fare cosa??? Insieme è bello, ma poi deve anche far pareggiare i conti!!!
gio 28 lug 2016, ore 14.14
Immagine profilo
Sandro
(UTENTE NON REGISTRATO)
Non ho mai detto di aver sempre ragione. Anzi : ripeto spesso che su temi importanti vanno sentiti non i politici, non i passanti, non i menefreghisti, ma i competenti. Sul tema Fiera conosco un po il problema, sul tema EiB invece piuttosto poco. Alla domanda "che si può fare" io ho cercato risposte nel tema " aggregazione per evitare spese generali" e suggerisco di realizzare varie sinergie negli spazi, nei programmi, nelle attrezzature, nella promozione, negli uffici gestionali, nelle adiacenze e nei servizi. Poi....onesta' buona volontà e sostegno ! Ricordo lo scorso anno che autorevoli giornalisti e politici locali con sprezzante pessimismo mi dicevano " Dimentica la fiera e ogni attività espositiva....Bresci a è in declino...non illuderti !" Ora forse han capito che BASTA REMARE CONTRO.
gio 28 lug 2016, ore 12.54
Immagine profilo
Uno qualsiasi
(UTENTE NON REGISTRATO)
Capisco che Belli voglia dire di aver sempre ragione e di aver anticipato tutti, ma sono decenni che a Brescia sento dire che bisogna fare qualcosa per la fiera. Qualcuno mi può dire cosa si può fare? Per me sono soldi buttati.
mer 27 lug 2016, ore 21.22
Immagine profilo
Ionor
(UTENTE NON REGISTRATO)
Bravo sandro!!!!
mer 27 lug 2016, ore 21.20
Immagine profilo
Sandro
(UTENTE NON REGISTRATO)
Ringrazio Yoshi, ma il tema è la Fiera e il palazzetto EIB Restare in tema mi pare un educato e corretto modo di intervenire.
mer 27 lug 2016, ore 20.30
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
20:41 bepi
02 dic - Vai alla news »
Invece di prendersi i calci andava lasciato sfogare (senza coltelli) da solo nella stanza......mica si sarebbe ucciso...si stancava il furbo
20:36 RAPPER
02 dic - Vai alla news »
Fantastico il rapper di colore che ieri sera a Dalla Vostra Parte ha praticamente evidenziato tutti i benefici di cui godono i profughi o fa
20:02 maria kollo
02 dic - Vai alla news »
Avete bisogno di un prestito facile e veloce? Offriamo sia prestiti personali e di business a ogni persona interessata o di aziende che vann
19:49 io
02 dic - Vai alla news »
Si certo stava lavorando per portare a casa uno stipendio! Ma va......non vado oltre ma ne avrei da dire....
19:47 a 11.34
02 dic - Vai alla news »
A che titolo S: Egidio ci porta musulmani che sono al sicuro in Libanio, vista l'invasione che stiamo subendo e che potrebbero trovare asilo
19:36 EVASORI?
02 dic - Vai alla news »
Che la Guardia di Finanza trovi gli evasori è nei suoi compiti, dato che per scoprirli ci vogliono le prove. Ma che chi arriva clandestiname
18:02 @@CORSI 21,11
02 dic - Vai alla news »
grazie per la spiegazione dettagliata, ma non dovresti prendere tutto alla lettera: erano semplicemente modi dire per invitare, in maniera s
17:43 ladridimacchine
02 dic - Vai alla news »
Questi bastardi dell'Est hanno cercato di rubarmi l'auto in un parcheggio a pagamento a Milano rompendo il blocchetto di accensione e asport
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...