Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



04 Dicembre 2016 - Ore 15:18


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
AMBIENTE
RENDERING

Parco delle cave, un altro passo in avanti. Il Comune acquisisce le aree

PARCO DELLE CAVE, IL COMUNE ACQUISISCE LE AREE


Il Comune di Brescia ha acquisito 326.036 metri quadrati di terraferma e 217.351 metri quadrati di acqua, per complessivi 543.387 metri quadrati. Questi i risultati dell’accordo siglato il 28 luglio 2016 con la società Profacta Spa, proprietaria delle aree Ateg 20 e Ateg 23. Un passaggio decisivo per la concreta realizzazione del Parco delle Cave, area di grande valenza naturalistica.

Il 26 giugno 2015 il Consiglio Comunale ha approvato il Piano Attuativo per la valorizzazione delle due cave poste a sud-est del centro abitato di Brescia, ambito estrattivo Ateg 20 e Ateg 23, di proprietà della società Gruppo Faustini Spa, ora Profacta Spa. La convenzione approvata prevedeva che fossero effettuate indagini preliminari di tipo ambientale per verificare la conformità agli usi previsti dal Piano Attuativo dei suoli ceduti al Comune. Le indagini, realizzate in collaborazione con il Settore Protezione Ambientale e Protezione Civile, si sono concluse il 30 giugno con la presentazione del Piano operativo di rimozione.

A seguito del protrarsi dei tempi necessari per effettuare le verifiche ambientali e degli approfondimenti effettuati sul progetto esecutivo delle opere di urbanizzazione, si è reso necessario modificare i termini di scadenza originariamente previsti per la realizzazione delle opere, secondo un crono programma presentato dalla proprietà.

In base a tale crono programma, le nuove scadenze saranno le seguenti:

opere afferenti alla Qualità Aggiuntiva (parco Ateg 20 e Ateg 23) - entro il 10 aprile 2017;

opere di urbanizzazione primaria (illuminazione di via Cerca) - entro l’1 febbraio 2017;

opere di urbanizzazione secondaria (pista ciclabile di via Bazoli, sistemazione di via del Canneto, passerella o percorso ciclopedonale) entro il 3 aprile 2017.

La società Profacta, a seguito della dismissione della discarica di amianto di via Brocchi, si è resa disponibile a cedere le aree limitrofe all’area Ateg 23, occupate dagli impianti, mentre per quanto riguarda l’area Ateg 20 è stata ceduta una superficie minore occupata dall’acqua e dalla terraferma. Le cessioni seguono quanto previsto nel Piano Attuativo approvato, prendendo atto tuttavia che rilievi di maggior precisione effettuati nel frattempo, accanto all’approfondimento progettuale condotto per la predisposizione di progetti esecutivi delle opere, rendono ora possibile una quantificazione più puntuale delle aree nel loro complesso, sia quelle in acqua sia quelle sulla terraferma.

Poiché la proprietà, conformemente alla autorizzazione provinciale rilasciata, ha potuto procedere con la escavazione della Ateg 20 fino al 30 giugno 2016 mentre è legata alla stipula della convenzione urbanistica l’autorizzazione a escavare nella Ateg 23, ora è consentita:

La lavorazione e la commercializzazione del materiale già escavato, per il quale sono stati già versati gli oneri di cui alla LR 14/98;

la conduzione di ogni attività funzionale al recupero delle cave in conformità ai progetti presentati e nel rispetto degli elaborati allegati alla convenzione con la denominazione: “Cava nord confronto dei ripristini ambientali“ e “Cava sud confronto dei ripristini ambientali”.

Il materiale eccedente, proveniente queste sistemazioni, (32mila metri cubi per Ateg 20 e 10mila metri cubi per Ateg 23) potrà rimanere a disposizione della proprietà. Quest’ultima potrà lavorare e commercializzare il materiale mercantile a suo tempo già scavato, presente sulle aree di cava, e per il quale, alla data di stipula della convenzione, sono già stati corrisposti gli oneri.




Fonte: Comunicato stampa sab 30 lug 2016, ore 10.42
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
Gerry
(UTENTE NON REGISTRATO)
Mi piacerebbe conoscere il territorio effettivamente interessato quali cave o laghetti eventualmente saranno messi in comunicazione. Bisogna pensare in grande un lago con tanto verde per il piacere di tutti, sportivi in primis è una cosa che mi piace molto.
sab 30 lug 2016, ore 12.20
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
15:12 @ 14.26
04 dic - Vai alla news »
Se ti fai riconoscere ci rendi possibile controllare: quando erediti la casa della nonna, te la facciamo sequestrare. Facciamo così?
15:08 ORIO
04 dic - Vai alla news »
a 13.03 - E' appena il caso di ricordare che non solo l'Italia si affaccia sul Mediterraneo, ma anche la Francia ed anche la Spagna, e poi c
15:01 ORIO
04 dic - Vai alla news »
a 12.54 - Non perdete mai voi di sinistra il vizietto di distorcere la verità. E la verità sulla guerra di Libia è scritta ormai indelebilme
14:59 ILVO
04 dic - Vai alla news »
l'affluenza spinge il sì...
14:58 Limbo
04 dic - Vai alla news »
che m....
14:54 @Sandro
04 dic - Vai alla news »
Si richiamano tutti al civismo, ma solo nel nome: si è risposto da solo. Lei che è un saggio (di del Bono) faccia un bella tessera del PD e
14:50 @Sandro
04 dic - Vai alla news »
Che non la convincano gli unici per bene in Italia, non ci meraviglia. Ma, non le pare tutto falso ? Una cernita ? Parli chiaro, lo dica : l
14:40 a 14.26
04 dic - Vai alla news »
Non penso proprio che la Signora di Parma voglia entrare in una casa di proprietà altrui occupandola. Lei vuole una casa popolare che gli vi
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...