Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Mercoledì 18 Gennaio 2017 - Ore 06:54


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
PIAZZA LOGGIA
LACQUANITI

Strage, Lacquaniti commenta la sentenza: inaudito che c'entri lo Stato

Con una nota il deputato Pd Luigi Lacquaniti commenta la sentenza relativa alla strage di piazza Loggia, che attribuisce la paternità della bomba del 28 maggio 1974 (8 morti e 102 feriti) alla desta eversiva e ad apparati deviati dello Stato.

ECCO IL TESTO INTEGRALE

Lo abbiamo sempre saputo, raccontato e spiegato analizzando quei drammatici giorni. Ma adesso è ufficiale, scritto nero su bianco con parole forti nelle motivazioni della sentenza della Corte di Assise di Milano con cui i giudici hanno condannato Carlo Maria Maggi, di Ordine Nuovo, e Maurizio Tremonti, collaboratore dei Servizi Segreti, all’ergastolo: la strage di Piazza della Loggia è “sicuramente riconducibile” alla destra eversiva.

Cosa ancor più grave, Maggi aveva “la consapevolezza” di poter contare “sulle simpatie e sulla copertura – se non addirittura sull’appoggio diretto – di appartenenti dI apparati dello stato e ai servizi di sicurezza nazionale ed esteri”.

La verità storica e la responsabilità politica eversiva di destra è definitiva e scritta. Ma proprio grazie ai depistaggi di apparati dello stato le responsabilità personali non sono ancor tutte chiarite ed i colpevoli non sono stati tutti condannati “rendendo impossibile la ricostruzione dell’intera rete di responsabilità”.

Quanto emerso è di una gravità inaudita. Apparati dello stato deputati a garantire la sicurezza dei cittadini che hanno favorito, coperto, appoggiato chi dei cittadini faceva barbaramente strage. Chi era deputato alla sicurezza che creava insicurezza, massacrando e maciullando innocenti. Lo Stato non può assolutamente permettere che suoi apparati tradiscano così la missione per cui sono stati creati. La democrazia si è rivelata alfine più forte degli stragisti e dei fascisti. Ma la “mala – vita istituzionale” è inaccettabile. La nostra memoria deve essere indelebile e salda. Quanto successo non deve ripetersi mai più.


On. Luigi Lacquaniti, Partito Democratico



Fonte: Comunicato stampa gio 11 ago 2016, ore 11.09
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
06:33 Jamessninc
18 gen - Vai alla news »
Пре ;длk 2;га 77;м пол ;ноl 9;ть 02;
06:10 MENO MALE
18 gen - Vai alla news »
Meno male. L'Ordine dei giornalisti semmai dovrebbe guardare nella direzione di chi giustifica l'invasione di clandestini e di chi dimentica
03:18 radko mladic
18 gen - Vai alla news »
Gia' proprio come Bruxelles...miopi ipocriti responsabili della disfatta etnica di un popolo debole e privo di identita', come gli italiani
02:16 Credit Solution
18 gen - Vai alla news »
Ciao! Hai bisogno di sostegno finanziario? Seguire il denaro e si ottiene tutti i tipi di credito subito! € 1.000 a € 10.000.000,00
00:45 Baffone
18 gen - Vai alla news »
'Sto pubblicista(?) voleva zittire un giornalista? E poi dicono che uno va a Predappio...
00:13 Incredibile !
18 gen - Vai alla news »
Incredibile Fabius ! I dilettanti allo sbaraglo furono dal 2008 al 2013 il duo Parolfi (Paroli e Rolfi) e la loro Giunta di "giovani di stud
21:54 Gino
17 gen - Vai alla news »
Per fortuna che ci sono persone serie che sanno cosa devono fare.Questo candidato avrebbe portato alla sconfitta certa come il precedente Ca
21:25 considerazione
17 gen - Vai alla news »
Vero. Infatti sia la chiesa che i musulmani combattono la modernità, il laicismo, il diritto di scegliere consapevolmente e non costretti da
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...