Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Sabato 03 Dicembre 2016 - Ore 22:46


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
ISTITUZIONI

Mattarella

Giornata di festa e di polemiche a Brescia per la visita del presidente Mattarella

Giornata di festa e di polemiche a Brescia per l'arrivo del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, primo capo dello Stato ad arrivare nella Leonessa dopo la visita di Ciampi di 16 anni fa. Una giornata intensa, in cui non sono manche le polemiche – soprattutto via social – per le modifiche alla viabilità e le importanti misure di sicurezza definite da Questura e Prefettura (compreso il blocco del servizio Bicimia). Ma le vere polemiche sono arrivate sul fronte politico, con le contestazioni di Lega Nord ed estrema destra.

La giornata bresciana di Mattarella è iniziata poco dopo le 10 a Ghedi, quindi l'arrivo in città con l'omaggio alla lapide alle vittime della Strage di piazza Loggia alla presenza di tutte le autorità, compreso il leghista Roberto Maroni, che – caso quasi unico nel suo partito – ha deciso di noi boicottare l'evento.

La visita è proseguita con una tappa al Palagiustizia, dove il Presidente ha speso parole di elogio e soddisfazione per l'amico Mino Martinazzoli (ex ministro ed ex sindaco di Brescia), a cui è stata intitolata una lapide. Quindi l'arrivo al teatro Grande, dove ad accoglierlo c'erano tutti tranne i sindaci leghisti (unico presente, con Maroni e il senatore Raffaele Volpi, il primo cittadino di Coccaglio Franco Claretti).

Tra le prese di posizione a margine, da sottolineare anche la polemica dell'assessore regionale di Fratelli d'Italia Viviana Beccalossi, che ha detto: “Mi hanno sempre insegnato che, in politica, il Papa e il Presidente della Repubblica non si commentano. E allora mi limito a fare una riflessione sulle parole che il sindaco Del Bono ha rivolto al presidente Mattarella. Ha ragione quando dice che 'Brescia è accogliente e che i bresciani hanno un carattere ruvido, ma un cuore grande'. Mi permetto di aggiungere che la gente della mia città di 'grande' ha anche la pazienza. Ma c'è un limite a tutto: non è possibile continuare ad aprire le porte di casa nostra a chi non vuole rispettare le nostre regole e le nostre leggi arrivando addirittura a non riconoscere chi rappresenta lo stato e la legalità sul territorio”.



Fonte: Redazione mar 06 set 2016, ore 18.39
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
klero
(UTENTE NON REGISTRATO)
Monari: il tempo per andare a salutare Mattarella l'hai trovato vedo... Quello invece per intervenire nelle rogne che i tuoi pargoli sacerdoti combinano e ristabilire un po' di ordine e di equità rendendo giustizia a chi l'ha subita dai tuoi subalterni invece volutamente non lo trovi? Bello ricoprire le cariche per salamalecchi e cortesie.... i problemi reali non ti toccano... Mi sembra di vedere il clero della controriforma. Già, ma poco o nulla è cambiato da allora e i fatti lo dimostrano....
ven 09 set 2016, ore 10.39
Immagine profilo
@bresciano
(UTENTE NON REGISTRATO)
E perchè dovrei andarmene dalla mia terra, che è quella dove sono nato e dove sono nati e vissuti i miei avi? Perchè non condivido e non mi sento rappresentato da un regime che comanda questi luoghi? Quindi, secondo il tuo ragionamento, tutti coloro (e non erano molti) che non condividevano gli austriaci di Radetzchi dovevano andarsene dal Lombardo Veneto? Ricordati che il popolo è il verbo di un territorio, mentre il potere è un qualcuno che si impone più o meno violentemente su questo popolo che, il più delle volte, è costretto ad accettarlo. E la maggior parte della gente, perchè distratta, perchè presa dai mille problemi quotidiani (molti creati proprio da questo potere) segue il potere che le viene imposto. Quindi oggi un Mattarella, ieri altri, un Mussolini, un re, un Napoleone, ecc. Quindi non mi sento proprio di lasciare i miei territori...
ven 09 set 2016, ore 09.20
Immagine profilo
bresciano
(UTENTE NON REGISTRATO)
Come dice camuno, piacerebbe leggere il nome proposto dalla destra italiana, o meglio, lombarda. Vogliamo fare l'elenco delle alte cariche proposte per il governo regionale? Cosa dire del trota, dell'igienista, di niccoli cristiani, Etc Etc. Nomi di altissimo spessore morale degli di prendere le decisioni per nome e per conto dei lombardi e dei bresciani. Io direi che c'è da vergognarsi. Non tifo per mattarella, ma è il ns presidente e come tale va rispettato da tutti anche da chi è di colore politico diverso. In caso contrario ognuno è libero di trovare casa anche fuori dai confini del bel paese. Leghisti compresi. Se vi dà fastidio la ns Italia, la porta è sempre aperta.
gio 08 set 2016, ore 19.41
Immagine profilo
considerazione
(UTENTE NON REGISTRATO)
Questa dello scollamento delle istituzioni o di regimi non voluti dal popolo mi richiama alla mente il famoso sciopero del fumo a Milano nel quarantennio di occupazione austriaca in Lombardia e Veneto. Anche allora le autorità ignoravano ciò i focolai che venivano dal basso. C'è una differenza però: che quel fatto viene ricordato dalla storia ufficiale come giusto e sacrosanto contro un regime odiato, altre manifestazioni e "scioperi" avvenuti nei 150 anni di unità, invece, vengono completamente ignorati o scaricati sul basso, non sul potere. Anche la storia la scrivono i vincitori ed è figlia del potere. Meno male che abbiamo una capacità di ragionamento che ci fa capire ciò che il potere invece cerca di interpretare...
mer 07 set 2016, ore 14.45
Immagine profilo
@camuno
(UTENTE NON REGISTRATO)
Io non so cosa vorrebbero i leghisti, anche perchè, in tanti anni, hanno dimostrato di essere nè più nè meno come gli altri, cioè, fucine del comitato d'affari creatosi da dopo l'unità d'italia ai danni della gente tutta, da nord a sud. Dico solo che ancora questo stato imposto che ci ha portato povertà, guerre inutili, speculazioni finanziarie ed edilizie, distruzione di interi territori, non rappresenta le popolazioni della penisola le quali manifestano in varie maniere, compresa quella di non partecipare alle visite del presidente, il loro risentimento e disappunto. Poi, se le istituzioni, come sempre, non si fanno un esame di coscienza e cominciano loro a chiedersi il perchè di tanto scollamento e risentimento verso le istituzioni, non pretendano poi un'adesione forzata della gente....
mer 07 set 2016, ore 14.40
Immagine profilo
scweik
(UTENTE NON REGISTRATO)
anche oggi la signora viviana con la sua dichiarazione ha cercato di guadagnarsi la SUA NON MISERA PAGNOTTA
mer 07 set 2016, ore 10.59
Immagine profilo
camuno
(UTENTE NON REGISTRATO)
A questo punto,se non oso troppo,chiedo ,ma voi leghisti,chi avreste voluto come presidente della repubblica.Voi che avete anche votato un certificato diversamente svelto come consigliere regionale,oltre a vari tanti certificati ladroni che hanno imperversato al pirellone...appunto chi avreste voluto al posto del tanto contestato Mattarella..prometto di non morir dal ridere al sentir la vostra padana e felpata risposta
mer 07 set 2016, ore 10.54
Immagine profilo
INDIGNATO
(UTENTE NON REGISTRATO)
Sempre più scontento di questa politiche raccogli immigrati !! Che se li tengano a casa loro
mar 06 set 2016, ore 21.39
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
21:33 Sandro
03 dic - Vai alla news »
Nel panorama politico bresciano abbiamo gruppi e/o partiti che si richiamano, almeno nel nome, al civismo : Scelta civica - Rete civica - No
21:04 GENI SINISTRI
03 dic - Vai alla news »
Se l'iniziativa è controproducente per i sostenitori del NO.....
20:21 @Bianche
03 dic - Vai alla news »
Secondo me facendo riferimento alle tue convinzioni, al tuo spessore intellettuale e all'ortografia, domani voterai si
20:21 a 19.53
03 dic - Vai alla news »
Figurati se le prostitute lavorano gratis. Comodo sviare sul tema che ha messo in evidenza il rapper bello fico. Chi paga queste prostitute
20:18 Triioooooo!!!!
03 dic - Vai alla news »
Ma il trio beccalossi/rolfi/bor donali non ha niente da dire? eppure se dopo più di 24 ore ancora non esce un responsabile vuol dire che sia
19:53 Bianche
03 dic - Vai alla news »
Secondo me ci sono molte "bianche" che adorano fare sesso divertente con i ragazzi "neri" e non c'è bisogno di pagare nessuno, perché la qua
15:53 a 15.17
03 dic - Vai alla news »
Si spera almeno che gli italiani se le paghino coi loro soldi. Mentre ai falsi profughi chi le paga le prostitute bianche tanto cantate dal
15:17 @???
03 dic - Vai alla news »
VEramente sono i puttanieri bianchi che cercano le prostitute di colore. Sono gli stessi che di giorno se la prendono con gli immigrati e d
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...