Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Lunedì 05 Dicembre 2016 - Ore 17:34


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
LA SVOLTA
Unioni

Unioni civili, la città debutta con Federico e Francesco. Celebra il sindaco Del Bono

Si chiamano Francesco e Federico. E questa mattina coroneranno finalmente il sogno di unirsi di fronte alle autorità del proprio Comune, durante una grande cerimonia che – a Palazzo Broletto – unirà civilmente una trentina di coppie della città. L'appuntamento è per le 11.45. E a celebrare la cerimonia sarà il primo cittadino di Brescia Emilio Del Bono in persona, smorzando così tutte le polemiche estive che indicavano il capoluogo fra i luoghi più timidi sul fronte delle unioni.

Secondo il protocollo deciso dalla Loggia le unioni verranno celebrate di venerdì, al mattino a Palazzo Broletto, nel pomeriggio nella sala Giudici di Palazzo Loggia. Il cerimoniale sarà quasi identico a quello dei matrimoni civili e il “celebrante” indosserà la fascia tricolore (circostanza non scontata fino a qualche settimana fa).

Grande la soddisfazione di Arcigay Brescia. “Stamattina”, scrive Luca Trentini (ex segretario nazionale di Arcigay e membro del direttivo provinciale), “il sindaco unirà civilmente Francesco e Federico. Una giornata di festa. Il compimento di una lunga marcia di liberazione, ancora non del tutto conclusa. Un significativo passo avanti nella civiltà, reso possibile dalle e dai molti che hanno lottato e ci hanno creduto. Viva gli sposi, viva l'inclusione delle differenze! E buon anniversario ai pionieri Lucio e Stefano, i primi bresciani a sposarsi in Islanda”.



Fonte: Redazione ven 09 set 2016, ore 09.32
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
vero
(UTENTE NON REGISTRATO)
La Corte costituzionale, con una sentenza del 2010, ha stabilito che all’unione omosessuale, ‘intesa come stabile convivenza tra due persone dello stesso sesso’, spetta ‘il diritto fondamentale di vivere liberamente una condizione di coppia, ottenendone il riconoscimento giuridico con i connessi diritti e doveri‘.
lun 12 set 2016, ore 12.45
Immagine profilo
a 9.24
(UTENTE NON REGISTRATO)
Visto che i pareri sono discordi la cosa piu' giusta sarebbe quella di sottoporre questa legge alla Corte Costituzionale per verificarne la legittimità e per eliminare la preoccupazione che in questa legge poi qualcuno possa arrivare a farvi entrare anche la poligamia. Questo sarebbe il modo piu' democratico per chiudere la bocca a tutti, sia a chi è favorevole sia a chi è contrario. Quello di un giudizio e analisi della Corte Costituzionale sarebbe il piu' ampio esempio di democrazia.
lun 12 set 2016, ore 11.11
Immagine profilo
FALSO!
(UTENTE NON REGISTRATO)
Non si tratta di interpretare, basta solo leggere. La Costituzione non vieta le unioni civili, a prescindere dal sesso. Percio' la Consulta non ha avuto bisogno di dare alcuna interpretazione, ha solo letto e non ha potuto vietare cio' che non e' anticostituzionale. Chi continua ad affermare il contrario, o non sa leggere o inventa menzogne.
lun 12 set 2016, ore 09.24
Immagine profilo
a 17.48
(UTENTE NON REGISTRATO)
Se le unioni civili sono state possibili per l'art. 2 della Costituzione in virtù delle formazioni sociali, hai visto mai che qualcuno poi stabilisca che formazione sociale puo' essere anche quella poligamica ed includere anche i poligami nelle unioni civili??
lun 12 set 2016, ore 08.21
Immagine profilo
a 17.48
(UTENTE NON REGISTRATO)
I poteri della Magistratura sembrano infiniti anche se il Capitolo XVIII della Costituzione impone anche a loro come tetto il dovere di osservare fedelmente la Costituzione. Poi dopo aver letto nella sentenza 348/2007 che le leggi vivono nell'interpretazione che di esse ne danno i rappresentanti del diritto, allora di una legge non vale piu' il senso delle parole cosi' come vengono scritte o lette o interpretate, ma l'interpretazione che di queste ne danno i rappresentanti del diritto. Perciò un comune cittadino che pensa di rispettare una legge e che vorrebbe venisse fatta rispettare, può accorgersi ben presto che l'interpretazione che ne danno i giudici è l'opposto di quello che pensa lui. Una vera ingiustizia e un vero zibaldone che andrebbe sanato. Per questo le leggi andrebbero avallate dalla Corte Costituzionale in modo che l'interpretazione sia univoca e valga anche per tutti i giudici italiani. Questo dovrebbe essere messo in Costituzione, che qualsiasi legge emanata italiana, europea e internazionale venga verificata prima se leda i principi e i diritti sanciti dalla Costituzione e che nessuna legge ha il potere di calpestare!! Questa sarebbe vera democrazia!!!
lun 12 set 2016, ore 06.21
Immagine profilo
klero
(UTENTE NON REGISTRATO)
Ma la famosa deriva dela società materialista, contro ogni morale e la vincita di babilonia sul mondo dovuta al divorzio che distruggeva le famiglie, i figli e la società, come anche le battaglie contro l'aborto, adesso non esiste più? Adesso non è deriva della società le unioni gay? Quindi, visto che non è deriva vuol dire che hanno sbagliato a fare le campagne antidivorzio. Perchè non ammettono di aver sbagliato su questi temi? Oppure erano altri tempi, comandavano loro perchè la gente aveva appena cominciato a ribellarsi e quindi c'era ancora una massa soggiogata da millenni di balle che li seguiva come oro colato, pena andare all'inferno? Come fanno oggi ancora l'islam e altre religioni secolari sui musulmani e in genere sui poveri del mondo e come spera di rifare la chiesa una volta islamizzata l'europa e quindi di nuovo sottomessa alle religioni di potere che si stanno consorziando? Quanta incoerenza e opportunismo... Altro che misericordia e bontà.... Potere, soldi e sottomissione. Questi i fondamentali delle religioni secolari.
dom 11 set 2016, ore 23.29
Immagine profilo
@max73
(UTENTE NON REGISTRATO)
L'omosessualità in natura non è solo una peculiarità umana, ma è largamente diffusa e scritta nei geni di almeno 1.500 specie.
dom 11 set 2016, ore 18.04
Immagine profilo
@max73
(UTENTE NON REGISTRATO)
Guarda che sei tu non normale se dici queste cose. Dove lo hai letto che l'omosessualità non é un fatto naturale. E poi abbassa la voce che sei anche maleducato (il maiuscolo in rete significa a voce alta).
dom 11 set 2016, ore 17.50
Immagine profilo
@nonna assurda
(UTENTE NON REGISTRATO)
Ma come ti viene in mente che i giudici potrebbero "far rientrare nelle unioni civile" anche la poligamia, quando la legge sulle unioni parla chiaramente di due persone? La poligamia si base su rapporti non paritari, pensi sul potere dell'uomo sulla donna ed é per questo che non può essere accettato somme diritto un sopruso. Certo che nonna assurda le cose le capisce come meglio le aggrada con un misto di ignoranza e malafede. Fuori dal mondo.
dom 11 set 2016, ore 17.48
Immagine profilo
max73
(UTENTE NON REGISTRATO)
OMOSESSUALITÀ È NATURALE? A CASA TUA SÌ A CASA MIA NO. SARÀ CONTET TO PADER
dom 11 set 2016, ore 16.54
Immagine profilo
a 14.36
(UTENTE NON REGISTRATO)
C'entrano gli islamici e i burqa, perche in queste unioni civili molto presto per via del potere discrezionale di che hanno i giudici, ma che non risulta essere previsto in nessun articolo della Costituzione, succederà che si faranno rientrare in queste unioni civili anche la famiglie poligame!!! Poi il burqa c'entra perchè lasciarlo libero di circolare in Italia in Europa rappresenta una lesione dei diritti e delle libertà altrui, le nostre e una violazione dei valori minimi di uno Stato democratico e questo non lo dico io, ma è scritto nella Sentenza della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo del 2014 verso la legge Francese che li vieta. Mentre per quanto riguarda il matrimonio omosessuale ricordo bene anni fa che i giornali riportavano un articolo in cui la Corte Europea dei diritti dell'uomo sentenziava verso l'Austri che il matrimonio tra omosessuali non è un diritto, o meglio negarlo non significa negare un diritto nè tantomeno una violazione dei diritti dell'uomo. In pratica dal 2014 Italia ed Europa per tutelare i diritti umani dei propri cittadini avrebbero dovuto vietare subito i burqa e niqab in tutta l'area Schengen e non l'hanno fatto, mentre l'Italia, o meglio questo Governo, che dal 2014 se ne frega altamente di calpestare i nostri valori e libertà vietando i burqa e niqab, invece si è prodigato celermente per emanare una legge che secondo la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo non rappresenta la tutela di un diritto inviolabile!! Capisci come c'entrano le due cose?
dom 11 set 2016, ore 15.54
Immagine profilo
klero
(UTENTE NON REGISTRATO)
@burqa. Perfino la chiesa sta zitta e accetta tutto. Mah, certo, la chiesa è un discorso diverso e cioè è un discorso di convenienze: per lei è importante rimanere a galla ed adeguarsi all'evoluzione dei tempi per non sparire. E per questo è disposta anche a rinnegare tutto quello che per duemila anni ha detto e ad allearsi, anzi, a fondersi con i musulmani, pur di mantenere potere e soggiogare ancora la gente. Al più presto l'eliminazione dell'8 per mille e il finanziamento alle scuole private....
dom 11 set 2016, ore 15.03
Immagine profilo
burqa
(UTENTE NON REGISTRATO)
Per nonna assurda i burqa ed i diritti degli omosessuali (che sono agli antipodi) sono uniti dalla paura del diverso e di ogni cambiamento. Nonna assurda si arrocca su posizioni vecchie e assurde perché non riesce a guardare al futuro con speranza, ma immagina scenari apocalittici: tutte le donne con il burqa e famiglie di soli gay. Allo stesso tempo: cosa non fa la paura !
dom 11 set 2016, ore 14.56
Immagine profilo
a 11.51
(UTENTE NON REGISTRATO)
Nonna assurda non si arrende all'idea che la Costituzione la si giri come un calzino o la si tiri tutta a sinistra pretendendo di farci digerire come evoluzione dei tempi e libertà persino i burqa, e magari entro breve faranno rientrare in queste unioni civili persino la poligamia! Che ci sia una volontà di portarci ad una islamizzazione dell'>Italia e dell'Europa ormai è chiaro. Ci sono conoscenti che vivono insieme da molti anni e hanno figli e non pensano nè al matrimonio nè alle unioni civili. In pratica rinunciano non alla famiglia e all'amore bensi' a quel minimo di tutela che è la reversibilità. O forse preferiscono rinunciarvi per pagare meno tasse o l'ICI sulla seconda casa?. Comunque vedremo se la reversibilità comporterà delle truffe. Chi vivrà vedrà.
dom 11 set 2016, ore 14.09
Immagine profilo
naturale
(UTENTE NON REGISTRATO)
L'omosessualità é assolutamente naturale, quindi una famiglia che voglia basarsi su un ordine naturale può essere certamente anche quella fondata sull'amore tra due persone dello stesso sesso. Perché no? Perché non possono generare, si obietta. Bisognerebbe allora vietare anche il matrimonio di una coppia etero ma sterile.
dom 11 set 2016, ore 13.20
Immagine profilo
@ASSURDO
(UTENTE NON REGISTRATO)
Nell’articolo 29 della Costituzione è definita “società naturale fondata sul matrimonio” e tale formula viene usata dal movimento omofobo contro il riconoscimento delle coppie omosessuali. La Costituzione non parla di matrimonio eterosessuale, ma di matrimonio e basta, rimanendo aperta alle evoluzioni storiche dell’istituto. Naturale non è sinonimo di eterosessuale. La famiglia è invece una comunità di affetti preesistente al diritto e allo Stato, e che il diritto e lo Stato hanno l’obbligo di riconoscere e proteggere. Tale norma, a ben guardare, nasce dalla Resistenza al fascismo, che aveva irrigidito e oppresso la famiglia come prima cellula fondativa di partito e regime. Secondo quell’articolo, invece, la famiglia è presidio di libertà e dignità, un luogo in cui si diventa se stessi senza essere oppressi: vale per la donna nella famiglia patriarcale, vale per il trattamento giuridico del figlio, vale per ogni famiglia in cui si esprime la dignità e l’autodeterminazione affettiva del singolo, che costruisce il proprio futuro.
dom 11 set 2016, ore 12.27
Immagine profilo
@nonna assurda
(UTENTE NON REGISTRATO)
Nonna assurda non si arrende all’idea che il mondo é cambiato e di conseguenza anche le leggi devono adattarsi. Invece ancora i suoi ragionamenti astrusi a leggi e norme, che tra l’altro non conosce, per non farsi travolgere dalla realtà. Prima vengono le persone poi le leggi. La legge di per se non sono ne giuste ne stagliate, ma rappresentano un rapporto di potere. Anche la schiavitù era legale, anche l’apartheid, anche le leggi razziali al tempo del fascismo, anche la pena di morte. Tutto legale, ma profondamente inumano. Le legge si cambiano, sono sempre cambiate e sempre cambieranno. Non trovo nessun motivo perché due persone dello stesso sesso non possano sposarsi ed adottare figli, con il giusto riconoscimento della stato. Come già é in moltissimi stati civili.
dom 11 set 2016, ore 11.51
Immagine profilo
a 10.29
(UTENTE NON REGISTRATO)
Non metto in dubbio che la Consulta sia intervenuta, anzi se troverò questa sentenza proverò a leggerla. Ma sarebbe interessante che intervenisse su questa legge come su tutte le altre emanate nel nostro Stato e di quelle europee e internazionali, visto che come sentenzia nella sentenza 348/2007 anche i trattati europei hanno come limite l'intangibilità dei diritti e principi sanciti dalla nostra Costituzione. Se osserviamo fedelmente la Costituzione come ci impone il Capitolo XVIII della Costituzione, l'art. 29 quando indica che la Repubblica riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio, pare proprio che i diritti li riconosca solo a quel tipo di famiglia e non ad altre, ma questa è l'interpretazione mia di questo articolo osservando fedelmente la Costituzione e non mi è chiaro come interpreti fedelmente questo articolo la Corte Costituzionale e sarebbe doveroso e interessante saperlo. Quanto ad altri tipi di famiglia per cui si prevedono diritti ditemi voi quale articolo della Costituzione li prevede perchè l'art.2 che si rifà ai diritti inviolabili dell'uomo sembra essere stato smentito dalla Corte Europea dei Diritti dell'Uomo in una sentenza di diversi anni fa verso l'Austria nella quale si sosteneva che il matrimonio tra omossessuali non era un diritto e negarlo non significava negare un diritto nè tantomeno una violazione dei diritti dell'uomo. Comunque mi sono rimaste impresse le parole del Presidente della Repubblica, mi pare fosse in occasione della penultima ricorrenza del Ventaglio, quando sostenne che la Costituzione è rigida e non puo' essere non rispettata neanche per motivi che a molti sembrano essere giusti. La sensazione che si ha invece è che non solo in questo caso, ma anche con la legge con cui si consente l'apertura dei concorsi pubblici a profughi e extraUE quando invece l'art.51 della costituzione li riserva ai soli cittadini italiani, oppure nel caso in cui si sono elargite pensioni sociali a parenti 65enni di extracomunitari senza cittadinanza quando l'art.38 primo comma costituzione le riserva solo a chi ha cittadinanza italiana, oppure come nel caso dell'ASILO visto che si mettono queste persone su un gradino superiore rispetto a noi e veniamo anche obbligati a mantenerli senza spiegazioni quando tutto questo non pare ben specificato in Costituzione, e nessuna sentenza della Corte Costituzionale pare esservi per avallare questa invasione clandestina, ebbene in questi casi sembra proprio che non si sia rispettata la rigidità della Costituzione prevedendo diritti non contemplati, mentre per il BURQA e NIQAB che sarebbe un diritto vietarlo perchè rappresenta una violazione dei valori minimi democratici e una lesione della nostra libertà e diritti, ebbene questo viene ancora lasciato liberamente circolare e tutti zitti in Italia e in Europa. Il Giornale riportava poi la nitizia che persinio l'ISIS pare vietarlo perchè avrebbe subito attacchi da persone in Burqa.
dom 11 set 2016, ore 11.21
Immagine profilo
@ASSURDO
(UTENTE NON REGISTRATO)
Invito l'illustrissisma signora a non mistificare la realta'. Intanto la Costituzione non dice affatto che l'unica famiglia riconosciuta e' quella fondata sul matrimonio. Il testo esatto e' il seguente: Art. 29: "La Repubblica riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio". Quindi non esclude affatto altre possibili unioni sociali riconosciute da specifiche future leggi non collocabili con l'istituto del matrimonio. Ripeto che non si tratta di matrimonio. Persino i riti sono diversi, per l'unione civile sono escluse tutte quelle pratiche di natura simbolica che esistono per il matrimoni. Per le coppie omosessuali non ci sono le pubblicazioni. Per il rito matrimoniale il sindaco deve leggere gli articoli del codice civile sul matrimonio. Mentre nell'unione civile il sindaco si riferirà esclusivamente alle norme contenute nella legge. Sull'uso del cognome: nell'unione civile è una opzione. E' falso anche raccontare che la Consulta non e' intervenuta. Con una sentenza del 2010 essa stessa chiedeva una legge sulle coppie omosessuali ma non i matrimoni gay: quella sentenza è stata il faro del testo della legge. La Consulta chiedeva di riconoscere queste coppie e agganciava il riconoscimento all'articolo 2 della Carta e non certo al 29. La signora riduce venalmente la questione a una ignobile faccenda di interessi economici. Quindi, secondo lei, evidentemente, queste coppie si sono formate legalmente solo per assicurare al superstite una pensione di reversibita'. NO COMMENT! La signora poi, come sempre, alla fine ritorna ai fantasmi del burqa, non ho capito cosa c'entrino con le unioni civili. Mistero.
dom 11 set 2016, ore 10.29
Immagine profilo
a 9.13
(UTENTE NON REGISTRATO)
Ma la parola patrimonio è prevista in costituzione? Perchè se non è prevista in costituzione tua moglie puo' stare tranquilla. Andiamo a verificare!!!
dom 11 set 2016, ore 09.55
Immagine profilo
patrimonio
(UTENTE NON REGISTRATO)
Se matrimonio deriva da mater, ovvero da colei che genera, e quindi il matrimonio non può essere che tra un uomo e una donna, allora siccome patrimonio deriva da pater, ovvero da padre, questo vuol dire che il patrimonio deve essere posseduto unicamente dal padre..... vado a dirlo a mia moglie.
dom 11 set 2016, ore 09.13
Immagine profilo
a 15.31
(UTENTE NON REGISTRATO)
Guarda che io non ho parlato di finto amore nè che l'amore non possa esistere tra persone dello stesso sesso.perchè è chiaro che esiste. La mia sorpresa è che dopo aver letto sul giornale che l'unica famiglia riconosciuta dalla Costituzione sia quella fondata sul matrimonio tra uomo e donna e il significato sta nella parola matrimonio che deriva da mather ossia colei che genera, e dopo aver letto anni fa sul giornale che la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo in una sentenza verso l'Austria ha sentenziato che il matrimonio tra omosessuali non è un diritto,o meglio negarlo non significa negare un diritto nè tantomeno una violazione dei diritti dell'Uomo e verificare che nonostante ciò in Italia si è emanata una legge che di fatto concede molti piu' diritti alle unioni civili che al matrimonio ivi compresa la reversibilità della pensione e che la si sia potuta emanare per via dei diritti inviolabili dell'Uomo, quando anni fa questa Corte Europea dei diritti dell'Uomo ha stabilito non essere un diritto lascia molto sorpresi e fa venire dubbi di costituzionalità. Sarebbe davvero ora per onestà verso tutti gli italiani, visto che si sta cambiando questa nostra Costituzione, che le leggi dopo la loro emanazione venissero avallate dalla Corte Costituzionale, compresi i trattati internazionali ed europei, per verificarne l'attinenza con la Costituzione, perchè anche questa legge come quella che ha aperto i concorsi pubblici a profughi ed extraUE quando l'art.51 della Costituzione li riserva ai soli cittadini italiani, come quella che consente di erogare le pensioni sociali ai parenti 65enni di immigrati senza cittadinanza quando l'art.38 primo comma le riserva solo a chi ha cittadinanza italiana e non la sola residenza, quando vedi che i burqa e niqab definiti dalla Corte Europea dei diritti dell'Uomo lesivi dei diritti e libertà altrui e dei valori minimi di uno Stato democratico e ancora li si lascia liberi di circolare, quando si legge che il diritto di ASILO sembra consentire l diritto all'invasione e in piu' regala maggiori privilegi che calpestano i diritti dei cittadini autoctoni di uno Stato e con le protezioni sussidiarie e umanitarie si consenta al mondo di invaderci in quanto razza eletta o meglio condizione sociale eletta che puo' calpestare ed entrare in casa pretendendo persino di farsi mantenere dai cittadini autoctoni dello Stato ecc.ecc. beh!! la sensazione che si ha è che la nostra costituzione venga interpretata a proprio piacere da chiunque sa essere piu' prepotente di altri, e che tutte queste leggi poi siano costituzionali ci piacerebbe vederlo scritto nero su bianco dal massimo organo di giustizia di questo Stato, tanto per capire se la nostra costituzione sia diventata un optional come i nostri diritti alla sicurezza ecc.ecc.e se valga poi la pena andare a votare per cambiare una costituzione che poi nessuno rispetta o sbaglio??
dom 11 set 2016, ore 08.02
Immagine profilo
diverso
(UTENTE NON REGISTRATO)
«Quando saremo due/ cambierà nome pure l’universo/ diventerà diverso»
sab 10 set 2016, ore 23.13
Immagine profilo
klero
(UTENTE NON REGISTRATO)
Eppure ne continuano a perdere a vista d'occhio. Probabilmente sono arrivati talmente in basso come etica, morale e testimonianza di preti, vescovi e cardinali che la massima dello zio di napoleone che diceva al nipote che non sarebbe mai riuscito a distruggere la chiesa in quanto lo stesso clero non ce l'aveva mai fatta si sta avverando al contrario: sta crollando proprio a causa dei loro membri che stanno disperatamente cercando una nuova dimora dai musulmani.
sab 10 set 2016, ore 20.26
Immagine profilo
@klero
(UTENTE NON REGISTRATO)
Esatto, duemila anni di favole e marketing per non perdere quote di mercato...
sab 10 set 2016, ore 17.52
Immagine profilo
considerazione
(UTENTE NON REGISTRATO)
Anche altre chiese secolarizzate, vero?
sab 10 set 2016, ore 16.41
Immagine profilo
@considerazione
(UTENTE NON REGISTRATO)
Assolutamente no. Spessissimo, e la storia millenaria ne e' l'esempio, la chiesa e i religiosi hanno fatto esattamente il contrario di cio' che insegno' Cristo: amore, poverta', perdono, solidarieta', carita', esempio, ecc.
sab 10 set 2016, ore 15.42
Immagine profilo
@AMORE?
(UTENTE NON REGISTRATO)
L' unione civile tra persone dello stesso sesso e' regolamentata dalla legge dello Stato italiano approvata l'11 maggio 2016. E' un legame diverso dal matrimonio tra persone eterosessuali, anche se presenta molti doveri e diritti in comune. Quindi non e' un matrimonio. Non e' assolutamente anticostituzionale anzi, e' il contrario: al tal proposito si fa riferimento alla Costituzione con l' articolo 2 , relativo ai diritti inviolabili dell’uomo, sia come singolo, sia nelle formazioni sociali e all’uguaglianza dei cittadini senza distinzione di sesso, e l' articolo 3, sulla pari dignità sociale dei cittadini senza distinzione di sesso. Quindi nessuna anarchia. Quanto a parlare di "finto amore" e altre stupidaggini vedo che l'arroganza di questo signore (o signora) arriva ad attribuirsi il diritto di giudicare i sentimenti degli altri senza conoscere le persone. E'solo disprezzo verso chi esce dai canoni tradizionali della falsa, retorica e ipocrita morale perbenista che parla di leggi e regole (senza conoscerle). E' l'ancestrale paura del cosiddetto "diverso". Se poi si va ad analizzare la famosa "famiglia tradizionale fondata sul matrimonio" ci si accorge che e' profondamente entrata in crisi da quando la donna, da sempre sottomessa al marito, ha cominciato ad emanciparsi rifiutando il ruolo di serva del marito, come da secoli e' sempre stato. Ma evidentemente qualcuno vorrebbe ancora la famiglia patriarcale, magari con un matrimonio combinato e d'interesse (non molti anni fa era ancora abbondantemente in uso), con la moglie che fa la schiava e la prepara sempre pronta al maritino, il quale alla sera esce a divertirsi (mentre alla moglie non e' permesso) oppure a trovare l'amante, di cui si vanta e per questo viene pubblicamente ammirato dal popolo maschile. Fosse la moglie ad avere un'amante? UNA PUTTANA!
sab 10 set 2016, ore 15.31
Immagine profilo
klero
(UTENTE NON REGISTRATO)
Dovrebbe essere la chiesa e il clero q spiegarcele queste cose. Adesso stranamente non sono piu' in grado o ci hanno raccontato fandonie per duemila anni?
sab 10 set 2016, ore 14.57
Immagine profilo
considerazione
(UTENTE NON REGISTRATO)
Quindi quando parli di gesu' e di amore non ti riferisci alla chiesa e ai preti, giusto? E quindi non puoi paragonare ed identificare quelle parole e quella persona con la chiesa e il clero, vero? Sono curioso di sentire la tua risposta....
sab 10 set 2016, ore 14.54
Immagine profilo
@klero
(UTENTE NON REGISTRATO)
Cosa vuol dire contro natura? in natura tra molte specie animali esiste sia l'omosessualità che la poligamia, ed in alcune specie anche la poliandria, sono tutti contro natura? O piuttosto è una convenzione che ci hanno dato le religioni rivelate? rivelate da chi poi?
sab 10 set 2016, ore 14.52
Immagine profilo
p.s.
(UTENTE NON REGISTRATO)
Sono dati pubblici, non serve mandare copia della carta di identità...
sab 10 set 2016, ore 14.17
Immagine profilo
@ 11.10
(UTENTE NON REGISTRATO)
Quando hai mezz'ora da dedicare alla cosa, vatti a vedere sul sito del Governo quali sono le destinazioni dell'otto per mille che diamo allo Stato: avrai delle simpatiche sorprese (ad esempio nel capitolo dedicato agli interventi relativi alla conservazione dei "beni culturali", vedi quanto è assegnato ai beni culturali "cattolici"). Vediamo se rimani contento.
sab 10 set 2016, ore 14.06
Immagine profilo
AMORE?
(UTENTE NON REGISTRATO)
La Costituzione riconosce solo la famiglia fondata sul matrimonio. E che il matrimonio sia da considerarsi quello tra uomo e donna sta nel significato intrinseco della parola matrimonio che deriva da mather, ossia madre o colei che genera. In un articolo tempo fa su un giornale un Magistrato spiegava di come una legge sul matrimonio omosessuale fosse incostituzionale. Poi una sentenza della Corte europea dei diritti dell'uomo verso l'Austria stabiliva che il matrimonio tra omosessuali non è un diritto e negarlo non significa negare un diritto nè è una violazione dei diritti dell'uomo. Come abbiano fatto a girare la frittata consentendo questa legge che dà alle unioni civili piu' diritti che al matrimonio tradizionalela dice lunga sull'anarchia che regna ormai nel nostro Paese e di come leggi incostituzionali passino allegramente senza tanti problemi. Quella reversibilità poi che trasforma quello che ci vogliono far credere essere amore in una opportunità venale e che apre a truffe di vario tipo, speriamo che non sia poi motivo un domani di togliere a tutte le famiglie la reversibilità?
sab 10 set 2016, ore 13.39
Immagine profilo
@considerazione
(UTENTE NON REGISTRATO)
Gesu' parlo' di amore. E l'amore e' cio' che unisce due persone (persone) che si amano. Tutto il resto e' ODIO per chi non si allinea ai medioevali stereotipi dei "benpensanti". Se poi si va a dare un'occhiata alla vita di questi "benpensanti" ci si accorge che i loro armadi sono tombe in putrefazione.
sab 10 set 2016, ore 12.21
Immagine profilo
@considerazione
(UTENTE NON REGISTRATO)
É sufficiente indicare nella dichiarazione dell8 x mille STATO, ed i soldi non vanno a nessuna chiesa. Io faccio così.
sab 10 set 2016, ore 11.10
Immagine profilo
considerazione
(UTENTE NON REGISTRATO)
Dove sono andati a finire clero e rappresentanti cattolici che un tempo si scagliavano violentemente contro divorzio, aborto, ecc. E dicevano anche soli contro tutti? Lo dicevano quando i piu' li seguiva... Adesso che sono veramente soli e che quindi dovrebbero fare come gesu' e gli apostoli (anzi lasciamo stare gli apostoli che di cose negative ne hanno fatte anche loro), si nascondono, non dicono nulla. Come diceva un vecchio parroco molti anni fa: prec de gaio... Tutti se la fanno sotto e preferiscono starsene nelle loro grandi e comode canoniche (vuote anche di profughi e clandestini) ed incassare l'8 per mille...
sab 10 set 2016, ore 10.04
Immagine profilo
klero
(UTENTE NON REGISTRATO)
X MALA TEMPORA. Il clero si affida e si appoggia ai politici di turno che gli garantiscono le loro rendite parassitarie, che siano cattolici, atei, opportunisti, fascisti, nazisti, non fa niente. L'importante e' mantenere il proprio potere. E la stessa cosa vale sui fedeli: finche' la societa' non si era ribellata al suo potere comandavano capillarmente il popolo con l'educazione imposta tanto da creare l'abitudine ai loro riti. E questo lo vediamo ancora negli anziani (che poi di divino e morale non c'e' nulla, solo abitudine). Adesso con la societa' laica sanno di essere perdenti con noi, ecco perche' un'alleanza col potere imposto alle masse in maniera violenta e' insispensabile. Ecco l'alleanza con i musulmani (qualsiasi potere va bene basta che tenga povera la gente e sottomessa), per poi sottomettere anche i non credenti.
sab 10 set 2016, ore 09.34
Immagine profilo
ipocrilega
(UTENTE NON REGISTRATO)
Grande prova di civilta'. Sconfitti i sostenitori dell'ipocrisia. Il matrimonio tradizionale e' fallito, lo dicono le statistiche.
sab 10 set 2016, ore 09.31
Immagine profilo
klero
(UTENTE NON REGISTRATO)
Sposarsi fra persone dello stesso sesso e' andare contro natura e contro ogni morale religiosa. Siccome si scagliano contro tutto cio' che non e' bene per l'uomo (non ultima la passerella del lago d'iseo del corazzina) non vedo perche' qui non arrivi la loro versione della faccenda. Oppure sono d'accordo, pur di non perdere fedeli e soldi? Per loro oggi chi e' peccatore? Quali precetti hanno?
sab 10 set 2016, ore 09.21
Immagine profilo
sKlero
(UTENTE NON REGISTRATO)
E perché mai i preti cattolici o religiosi di qualsiasi altra credenza dovrebbero intervenire? Nessuno vieta a nessuno di sposarsi come e con chi ritiene di farlo, quindi coloro che desiderano sposarsi in chiesa potranno tranquillamente continuare a farlo e chi crede nei precetti di questa o quella religione è libero di seguirli lasciando in pace chi la pensa diversamente.
ven 09 set 2016, ore 23.46
Immagine profilo
MALA TEMPORA
(UTENTE NON REGISTRATO)
Tenga presente, lettore Mor.A., che i parlamentari cattolici hanno perso la credibilità anzitutto davanti alla gerarchia cattolica, che li considera oramai dispersi e inaffidabili. Le gerarchie cattoliche, a cui interessano anzitutto i nostri soldi ( legga il demoniaco meccanismo dell' 8 x mille ) e il finanziamento alle loro scuole, si affidano da tempo agli " atei devoti " i quali, tutt'altro che praticanti, esaltano i valori della famiglia tradizionale, delle radici cristiane, e panzane simili, per meri scopi di propaganda partitici. Purtroppo c'è il Concordato, e non libera chiesa in libero stato, cone in Francia o in altri stati laici e civili.
ven 09 set 2016, ore 23.14
Immagine profilo
Mor. A.
(UTENTE NON REGISTRATO)
Ma dove sono finiti, mi chiedo, i parlamentari nazionali ed europei CATTOLICI ? Sono d' accordo anche loro con questi matrimoni o fanno finta di niente e si godono i loro stipendi ancora in vacanza ? E la Diocesi di Brescia si pronuncerà contro questi parlamentari cattolici SENZA CORAGGIO o staranno zitti zitti ! Che CIRCO di nullità !
ven 09 set 2016, ore 22.41
Immagine profilo
considerazione
(UTENTE NON REGISTRATO)
Hanno rinunciato a fare dichiarazioni contro. Tanto sanno di non essere credibili se non da quattro bigotti e una platea di anziani cresciuti con le loro balle. Il loro futuro e' l'alleanza musulmana per sottometterci con la forza come facevano una volta. Poco importa poi se loro clero si trasformeranno in clero musulmano. L'importante e' il potere. E per questo sono disposti a tutto..
ven 09 set 2016, ore 21.50
Immagine profilo
klero
(UTENTE NON REGISTRATO)
Ma nessun rappresentante del clero fa dichiarazioni? Monari non ha il coraggio, quindi da lui gia' sappiamo che ci sara' silenzio. Corazzina? Prete progressista che dice? Meglio non dire niente su questi temi, altrimenti la sinistra torna ad odiare la chiesa. Meglio partire per la pace verso strasburgo, fa piu' notizia. Quindi, pur di campare e continuare ad esistere (per poco) vi va bene anche la famiglia formata da coniugi dello stesso sesso, meglio se maschi... Adesso vedrai che il matrimonio, per la chiesa, potra' avere varie sfaccettature... E prevedere anche questo...
ven 09 set 2016, ore 20.46
Immagine profilo
a 17.09
(UTENTE NON REGISTRATO)
Non ti so rispondere, c'è da ragionarci. Comunque visto che si sta cambiando la Costituzione sarebbe importantissimo colmare una lacuna che esiste nella nostra democrazia e che invece altri Paesi hanno come la Francia, la Germania, la Spagna e pare persino il Kosovo che è il ricorso diretto dei cittadini alla Corte Costituzionale a noi precluso, o possibile se non erro, nel corso di un processo. Poi ci sarebbe da eliminare il potere discrezionale della Magistratura. Viene la pelle d'oca leggere che le leggi vivono nell'interpretazione che di esse ne danno i rappresentanti del diritto. Significa che un cittadino che segue alla lettera quanto scritto in una legge dello Stato non ha mai la consapevolezza di rispettarla doverosamente, perchè qualsiasi giudice o Corte Europea puo' interpretarla a proprio piacere. Mi sembra di una ingiustizia e incostituzionalità disarmante tutto ciò: Un potere che viene preso e che non è previsto dal capitolo XVIII della Costituzione. Sarebbe ora di rivedere tutto o sbaglio?
ven 09 set 2016, ore 18.54
Immagine profilo
@ASSURDO
(UTENTE NON REGISTRATO)
Non vedo l'ora di scoprire quale altra legge "pare" incostituzionale secondo te...secondo me anche la guida in stato di ebrezza è incostituzionale, visto che non se ne parla nella costituzione, poi la trovo lesiva dell'articolo 3, in quanto mette gli ubriaconi nella condizione di non poter utilizzare l'automobile che hanno acquistato con i propri soldi, a differenza dei sobri che sono liberi di farlo Essendo l'alcool legale, è un controsenso che uno non possa bere e guidare sa ha la patente, a sto punto o rendiamo l'alcool illegale, oppure ritiriamo la patente anche a chi è sobrio!
ven 09 set 2016, ore 17.09
Immagine profilo
@ASSURDO
(UTENTE NON REGISTRATO)
Chissà se dicono: "prometto di esserti infedele nella buona e nella cattiva sorte, nella salute e nella malattia" ? Una bella comodità, non c'è che dire.
ven 09 set 2016, ore 16.57
Immagine profilo
ASSURDO
(UTENTE NON REGISTRATO)
Questa legge meritava un bel ricorso alla Corte Costituzionale per verificarne eventuali lesioni al principio di uguaglianza di cui all'art. 3 costituzione. Queste unioni civili pare abbiano maggiori privilegi rispetto al matrimonio e questo pare essere profondamente ingiusto perchè la Costituzione riconosce il matrimonio tra un uomo e una donna e non fa cenno alle unioni civili. Come per il matrimonio riconosciuto dalla Costituzione hanno il diritto alla reversibilità ma non il dovere della fedeltà e la reversibilità della pensione sembra aprirsi a truffe di ogni genere con queste unioni civili e non è chiaro se sia stata ponderata bene. Se poi come sostiene la sentenza 348/2007 della Corte Costituzionale le leggi vivono nell'interpretazione che di essa ne danno i rappresentanti del diritto, non solo sarebbe doveroso sapere se questa legge sia o meno costituzionale, ma anche che interpretazione ne danno di questa i vari giudici, affinchè sia interpretata in modo univoco e non discrezionalmente a seconda del parere personale dei vari giudici incostituzionalmente . Che le leggi vivano nell'interpretazione che di essa ne danno i rappresentanti del diritto significa non sapere quale sia il comportamento giusto che deve tenere un cittadino e in che modo puo' non infrangere una legge se non si sa se prevalga quanto scritto in una legge o se prevaslga come un giudice la interpreta!!! Un vero zibaldone che sarebbe da riportare nell'alveo della Costituzione che obbliga sia i legislatori che la Magistratura ad osservare fedelmente la Costituzione e non ad interpretarla a proprio piacere!!! Il potere discrezionale andrebbe eliminato subito!!!
ven 09 set 2016, ore 16.21
Immagine profilo
Misere battute
(UTENTE NON REGISTRATO)
Non abbiamo invece dubbi sul livello culturale espresso dalla squallida e scontata battuta da osteria delle ore 11,42
ven 09 set 2016, ore 14.57
COMMENTO MODERATO
Messaggio cancellato dalla redazione perché conteneva una o più delle seguenti violazioni alla politica del sito. 1) Insulti o volgarità 2) Affermazioni razziste 3) Spam 4) Denial of service 5) Violazione del Copyright 6) Considerazioni che necessitano di approfondimento legale 7) Considerazioni passibili di denuncia verso terzi 8) Utilizzo di nickname con nome e cognome senza registrazione verificata. Invitiamo l'interessato ad attenersi alle regole del buon senso, della netiquette e alle leggi dello Stato. In caso di gravi e/o ripetute violazioni saremo costretti a segnalare l'identificativo della connessione a chi di dovere. Non si aprono dibattiti pubblici sulle cancellazioni. Chi volesse spiegazioni scriva a: info@bsnews.it
ven 09 set 2016, ore 14.33
Immagine profilo
Sara S.
(UTENTE NON REGISTRATO)
Mahhhhhhhhhh ............
ven 09 set 2016, ore 13.57
Immagine profilo
@dubbio
(UTENTE NON REGISTRATO)
penso che siano affari loro
ven 09 set 2016, ore 12.03
Immagine profilo
dubbio
(UTENTE NON REGISTRATO)
chi e' dei due che fara' la donna...
ven 09 set 2016, ore 11.42
Immagine profilo
UNO QUALUNQUE
(UTENTE NON REGISTRATO)
FINALMENTE, la liberta' vince,i pregiudizi muoiono,..!!EVVIVA
ven 09 set 2016, ore 11.40
COMMENTO MODERATO
Messaggio cancellato dalla redazione perché conteneva una o più delle seguenti violazioni alla politica del sito. 1) Insulti o volgarità 2) Affermazioni razziste 3) Spam 4) Denial of service 5) Violazione del Copyright 6) Considerazioni che necessitano di approfondimento legale 7) Considerazioni passibili di denuncia verso terzi 8) Utilizzo di nickname con nome e cognome senza registrazione verificata. Invitiamo l'interessato ad attenersi alle regole del buon senso, della netiquette e alle leggi dello Stato. In caso di gravi e/o ripetute violazioni saremo costretti a segnalare l'identificativo della connessione a chi di dovere. Non si aprono dibattiti pubblici sulle cancellazioni. Chi volesse spiegazioni scriva a: info@bsnews.it
ven 09 set 2016, ore 11.25
Immagine profilo
progresso
(UTENTE NON REGISTRATO)
Procediamo rinculando, fingendo di avanzare.
ven 09 set 2016, ore 11.07
Immagine profilo
Bacio
(UTENTE NON REGISTRATO)
Viva gli sposi ? Chissà la faccia del democristianissmo Del Bono quando la platea chiederà:" Ba-cio, ba-cio, ba-cio !"
ven 09 set 2016, ore 10.59
Immagine profilo
klero
(UTENTE NON REGISTRATO)
Scommetto che la chiesa sarà d'accordo, pur di non perdere adepti e quindi soldi. Altro che famiglia fondata sul matrimonio... Che incoerenza quella dei preti...
ven 09 set 2016, ore 10.18
Immagine profilo
Brescia Moderna
(UTENTE NON REGISTRATO)
Nasce una nuova Famiglia fondata sull'amore. Gli omofobi pregiudizi clericali e lo stupido bigottismo degli " atei devoti" diventeranno un patetico ricordo.
ven 09 set 2016, ore 09.50
Immagine profilo
UNO DI VOI
(UTENTE NON REGISTRATO)
BRAVI... COMPLIMENTI!!!
ven 09 set 2016, ore 09.33
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
17:21 @ 14:20
05 dic - Vai alla news »
dai, facci restare tutti a bocca aperta: tu quanti ne hai in casa di rifugiati? guarda che la scusa della casa piccola o dei problemi di lav
16:40 veritas
05 dic - Vai alla news »
Il no ha vinto per i clandestini !! che eresia che popolo di piccini le persone si spostano quando dove sono stanno male tutti lo farebbero
16:36 errata corrige
05 dic - Vai alla news »
Il presunto jhadista al quale abbiamo concesso protezione sussidiaria non percepiva 200 bensi' 2000 euro al mese. Una vera vergogna e speria
16:32 a 14.20
05 dic - Vai alla news »
L'UNHCR, visto che ha tra i suoi capi un italiano, farebbe bene a spiegarci come mai in Africa non si adopera affinchè venga rispettata la C
16:29 veritas
05 dic - Vai alla news »
Pochi elettori hanno capito per cosa votare la propaganda ha infatti imperato importante era dire No come sempre per sempre non so se le rif
16:14 Analisi
05 dic - Vai alla news »
Si comincia ad analizzare nel dettaglio il voto di ieri e sembra che I giovani tra i 18 e i 34 anni abbiano votato all'81% NO. Ma non erano
16:06 Scusa, Luigi
05 dic - Vai alla news »
L'amico Gennarino Migliore l'hai già sentito? Chiedo perché l'ho visto parecchio abbacchiato e preoccupato dopo la scoppola referendaria. Ma
16:05 ferdi68
05 dic - Vai alla news »
Niente male la Boschi come presidente…in questa italia maschilista e zoticona una donna bella e intelligente la voto volentieri
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...