Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Lunedì 05 Dicembre 2016 - Ore 05:26


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
IL CASO
Polizia

Caso Scaroni, Lacquaniti (Pd): serve l'identificativo sui caschi delle forze dell'ordine

“Bene il risarcimento, ma manca ancora l'identificazione dei colpevoli. Occorre un codice identificativo sui caschi della Polizia”. E' questo il succo del comunicato stampa inviato oggi dal deputato del Partito Democratico Luigi Lacquaniti che - partendo dal maxirisarcimento al tifoso delle rondinelle pestato dalla Polizia – invoca ora l'intervento del governo per facilitare l'individuazione degli agenti coinvolti in casi simili.

IL COMUNICATO IN FORMA INTEGRALE:

Il giovane tifoso bresciano Paolo Scaroni il 24 settembre 2005 alla stazione di Verona fu picchiato brutalmente dalla polizia, restò in coma due mesi e ne passò in ospedale altri otto. Oggi è invalido al 100%. La giustizia civile dopo 11 anni ha riconosciuto a Scaroni un risarcimento di 1 milione e 400 mila euro. Una buona sentenza, ma un risarcimento semplicemente doveroso, che lo Stato ha pagato, senza impugnare il verdetto della magistratura, perché la responsabilità della polizia è risultata evidente e incontrovertibile.

Ma la vita di Scaroni è stata stravolta, e se è stata vinta la battaglia civile quella penale per ora è ancora in alto mare. Il processo di primo grado si è chiuso con una assoluzione collettiva. Mancano i responsabili dei fatti. E ciò non è ammissibile.

Già l’8 ottobre 2013 avevo presentato una interrogazione scritta al Ministro dell’Interno Alfano, per chiedergli quali iniziative intendesse intraprendere per fare piena luce sulla vicenda. Perché la Polizia caricò quel giorno in stazione? Chi ha ridotto in fin di vita Paolo? Tutto ciò conferma la necessità dell’approvazione di una normativa che permetta di identificare agevolmente chi agisce protetto oggi dall’anonimato. Lo Stato deve mettere un codice identificativo sui caschi di chi opera in suo nome. E’ doveroso per una Repubblica democratica che tutela i suoi cittadini e che agisce sempre in maniera trasparente. On. Luigi Lacquaniti,



Fonte: Comunicato stampa sab 10 set 2016, ore 13.06
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
05:04 VINTO NO!
05 dic - Vai alla news »
Ha vinto il NO!!!! E Renzi si è dimesso!!! Ed ora tutti i clandestini e "Belli Fichi " a casa!!! Mattarella prenda atto che secondo quanto
22:31 Alalà !
04 dic - Vai alla news »
Squadristi con fiocchi e controfiocchi. Ci sanno fare loro, altro che i magazzinari.
22:27 @@Sandro
04 dic - Vai alla news »
Guardi che entrerebbe nel PD, che non è nè di destra nè di sinistra e nemmno di centrosinistra o centrodestra. E' una specie di polo dei cit
21:52 Si
04 dic - Vai alla news »
Anche me votè el si (el porsel)
21:11 bah?!
04 dic - Vai alla news »
Avran avuto come maestri i Compagni estremisti
20:21 mvb
04 dic - Vai alla news »
Berlusconi cadde perchè non aveva la maggioranza....e come la perse se non con l'azione di Napolitano? Non sono fantasie, ma quel che si leg
19:22 Sandro
04 dic - Vai alla news »
Se entrassi in un partito, di destra o di sinistra, sarei un elemento disgtegante del partito stesso, proprio perché il pensiero libero e an
18:51 ILVA
04 dic - Vai alla news »
ILVO DEGRADO Porsél e Adolfo votano SI
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...