Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Mercoledì 18 Gennaio 2017 - Ore 02:56


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
L'OPINIONE DI ALFREDO BAZOLI
Alfredo Bazoli

Piazza Loggia, non fu una strage di Stato

di Alfredo Bazoli - Ho letto le motivazioni dell’ultima sentenza sulla strage di piazza loggia. Quella che condanna i due esponenti veneti di Ordine Nuovo imputati, Carlo Maria Maggi e Maurizio Tramonte.

E sono rimasto colpito dalla capacità che ha avuto la Corte d’assise di Milano di ricomporre il puzzle degli indizi raccolti nella lunga inchiesta in un quadro convincente, coerente, lucido.

Ciò è stato possibile per le tenacia inesausta degli inquirenti, e in particolare per una serie di elementi di prova raccolti anche negli ultimissimi anni, a processo in corso, che hanno consentito di superare anche gli ultimi residui dubbi.

Manca ancora il giudizio finale della Cassazione, ma questa volta ho la convinzione che le acquisizioni e la ricostruzione operata dalla corte saranno in grado di superare anche l’ultimo vaglio di legittimità.

Se così sarà, finalmente non solo noi familiari ma il nostro paese avrà una verità giudiziaria in grado di scolpire nella pietra origini, matrice e motivi di una strage che ha rappresentato uno degli attacchi più terribili alla democrazia del nostro paese.

E si metteranno a tacere le troppe interessate ricostruzioni che l’assenza di verità giudiziaria ha reso possibili nei decenni passati.

Furono estremisti di destra, i neofascisti di ordine nuovo a organizzare la strage, con l’obiettivo di destabilizzare il paese, di prepararlo ad una svolta autoritaria che il contesto internazionale di allora autorizzava a ritenere possibile, sapendo di poter contare su connivenze e coperture in apparati infedeli dello stato, presenti ad alto livello sia nei servizi di sicurezza e intelligence, sia nei carabinieri.

Nella sentenza ci sono i nomi e i cognomi degli organizzatori della strage e di chi confezionò l’ordigno, e ci sono i nomi e i cognomi dei depistatori infedeli alla repubblica.

E ci sono tutti gli indizi di prova e i riscontri che messi in fila rendono chiare le loro responsabilità.

Non fu dunque, come molte volte è stato detto e sostenuto, una strage di stato. Ma un attentato alla democrazia e alle istituzioni, organizzato da terroristi neri coperti da apparati allora pesantemente infiltrati da servitori infedeli.

Manca ancora qualche tassello alla verità completa. Mancano i nomi degli esecutori materiali, e anche quelli dei neofascisti di casa nostra che fecero da supporto logistico e informativo per l’esecuzione dell’attentato. Si sa che Ermanno Buzzi aveva rapporti con Carlo Maria Maggi, e poco di più. Ma prima o poi la verità arriverà anche lì.




Fonte: Opinione lun 12 set 2016, ore 13.15
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
Michelll
(UTENTE NON REGISTRATO)
Sottoscrivo quello che dice Stradivarius...
mer 14 set 2016, ore 11.33
Immagine profilo
stradivarius
(UTENTE NON REGISTRATO)
Rispetto l'opinione personale di chi, come Alfredo, perse sua madre in quella strage quando era ancora bambino. E capisco che, forse perchè parlamentare della Repubblica, dia una lettura "minimalista" dei fatti. Ma se interi apparati dello Stato, più che singole persone, appoggiano strategie eversive è lo Stato stesso a dover essere ritenuto quantomeno responsabile se non addirittura connivente con quanto accadde in quel periodo. "Non potevano non sapere", mi verrebbe da concludere, quanti allora guidavano dal Governo le sorti dell'Italia.
mar 13 set 2016, ore 09.18
Immagine profilo
Caro Alfredo
(UTENTE NON REGISTRATO)
Caro Alfredo, capisco che risulti inaccettabile a te come a tanti il fatto che lo Stato possa aver avuto un ruolo nella morte di tante persone. Ma così è stato. Le sentenze di molte stragi lo dicono, e non mi pare che quella di Brescia ne faccia eccezione. Dobbiamo accettare che c'è stato un periodo buio nella storia di questa Repubblica, in cui lo Stato era dalla parte dei cattivi. Salvo eccezioni.
lun 12 set 2016, ore 19.05
Immagine profilo
Milite
(UTENTE NON REGISTRATO)
Lo Starto di responsabilità ne ha eccome!!!!!
lun 12 set 2016, ore 17.30
Immagine profilo
certo, certo...
(UTENTE NON REGISTRATO)
Ovvio che, quando sono scoperti, lo Stato almeno formalmente rinneghi i suoi servitori che fanno il lavoro sporco e a quel punto si parla di infiltrati, mele marce, servitori infedeli, depistatori, deviazioni eccetera.
lun 12 set 2016, ore 16.59
Immagine profilo
@memesis
(UTENTE NON REGISTRATO)
Chissa'.Non sara' una strage di stato, ma tornava "utile" a buona parte di quello che allora era lo "stato"...(con la minuscola....).Ricor diamo che il "tintinnar di sciabole" era quasi assordante.
lun 12 set 2016, ore 16.37
Immagine profilo
Milanese
(UTENTE NON REGISTRATO)
Analisi lucida e non banale a fronte di un mare di riflessioni che addossano tutta la colpa allo Stato, quasi come un mantra. La verità è che la colpa è nella destra eversiva e in alcune collusioni con TRADITORI DELLO STATO. Lo Stato con tutti i suoi limiti stava dalla parte giusta.
lun 12 set 2016, ore 14.50
Immagine profilo
Lettore qualsia
(UTENTE NON REGISTRATO)
CITO BAZOLI: sapendo di poter contare su connivenze e coperture in apparati infedeli dello stato, presenti ad alto livello sia nei servizi di sicurezza e intelligence, sia nei carabinieri. Non è una contraddizione??????
lun 12 set 2016, ore 13.27
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
02:16 Credit Solution
18 gen - Vai alla news »
Ciao! Hai bisogno di sostegno finanziario? Seguire il denaro e si ottiene tutti i tipi di credito subito! € 1.000 a € 10.000.000,00
00:45 Baffone
18 gen - Vai alla news »
'Sto pubblicista(?) voleva zittire un giornalista? E poi dicono che uno va a Predappio...
00:13 Incredibile !
18 gen - Vai alla news »
Incredibile Fabius ! I dilettanti allo sbaraglo furono dal 2008 al 2013 il duo Parolfi (Paroli e Rolfi) e la loro Giunta di "giovani di stud
21:54 Gino
17 gen - Vai alla news »
Per fortuna che ci sono persone serie che sanno cosa devono fare.Questo candidato avrebbe portato alla sconfitta certa come il precedente Ca
21:25 considerazione
17 gen - Vai alla news »
Vero. Infatti sia la chiesa che i musulmani combattono la modernità, il laicismo, il diritto di scegliere consapevolmente e non costretti da
21:17 klero
17 gen - Vai alla news »
Questi non distruggono la chiesa, che sarà sempre più ricca, ma distruggono noi e le nostre tradizioni. Bisogna assolutamente togliere l'8 p
20:20 Beluhinlgailm
17 gen - Vai alla news »
мос ;квk 2;Бе 83;ух 080;н Дми ;трl 0;
20:10 a 19.52
17 gen - Vai alla news »
Se questo dovesse succedere come ci ha già peraltro detto Gabrielli, significa che o siamo già pieni di terroristi, oppure anche quelli che
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...