Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Giovedì 19 Gennaio 2017 - Ore 20:10


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
DALLA REGIONE
Schiscetta

Pirellone, via libera a larga maggioranza a mozione su schiscetta nelle scuole

"Schiscetta" in primo piano oggi in Commissione Cultura, presieduta da Luca Ferrazzi (Lista Maroni), dove è stata approvata la mozione "Sviluppo servizio mensa e pasto da casa in Lombardia" presentata dai consiglieri Paola Macchi (M5S), prima firmataria, insieme agli altri consiglieri del gruppo M5S, a Riccardo De Corato e Francesco Dotti (Fratelli d'Italia), Maria Teresa Baldini (Misto Fuxia People), Elisabetta Fatuzzo (Pensionati) e Stefano Galli (Lista Maroni). La mozione impegna la Giunta Regionale a convocare un incontro d'urgenza con l'Ufficio Scolastico Regionale per valutare gli aspetti organizzativi "al fine di offrire la possibilità di scelta tra il servizio di ristorazione e il pasto dacasa e promuovere l'istituzione di un tavolo di confronto con la partecipazionedell'ufficio scolastico regionale ANCI, i consiglieri e le associazioni dei genitori".

Illustrando il documento, Paola Macchi (Movimento 5 Stelle) ha sottolineato che "si tratta di una questione di libertà di scelta, e l'importante sentenza della Corte d'Appello di Torino (del 21 giugno 2016) che ha stabilito che i genitori devono poter scegliere tra la mensa scolastica e il pranzo al sacco per i figli ci dà ragione. In poche settimane abbiamo raccolto oltre tremila firme di genitori che chiedono la possibilità di scegliere e contestano un sistema sempre più basato su maxi-centri di cottura che sfornano pasti che verranno consumati a ore di distanza e che hanno un costo pro-capite che in certi casi è uguale o superiore al buono pasto dei lavoratori. La possibilità di portare il pasto da casa porterà inevitabilmente i gestori a migliorare anche la qualità e i costi delle mense. Abbiamo chiesto anche all'Assessore di fare un'indagine sul territorio per rendere omogenea la gratuità delle mense per le famiglie che hanno maggiori difficoltà economiche"; Riccardo De Corato (Fratelli d'Italia), ha così motivato il voto favorevole del suo gruppo: "Per noi il principio guida è la libertà di scelta. Tutta la maggioranza e il M5S sono d'accordo su questo e sono disponibili a lavorare per lasciare ai genitori la libertà di scegliere se far mangiare ai figli i cibi della mensa scolastica o quelli preparati e portati da casa. Perché dobbiamo obbligare i genitori a pagare le mense? E perché dobbiamo obbligare i Comuni a perdere migliaia di euro a causa di famiglie che non pagano pur avendone la possibilità? A Milano il Comune ci rimette cinque milioni di euro all'anno".

Voto contrario alla mozione da parte delle minoranze -come hanno spiegato nel loro intervento Fabio Pizzul (PD) e Daniela Mainini (Lista Civica). "Saremmo d'accordo -hanno precisato i consiglieri PD Pizzul, Laura Barzaghi e Mario Barboni- se si trattasse di pensare a un miglioramento del servizio e semplicemente di avviare un confronto per approfondire. Ma non possiamo accettare le prese di posizione ideologiche calate dall'alto. Non si capisce come l'assessore, che non ha competenze sulla questione, possa avere un mandato per spingere l'Ufficio scolastico regionale a intervenire, se non per avviare una riflessione sul servizio mensa. I punti per noi sono chiari: garantire un diritto significa smantellare un servizio che ha valenza pedagogica, sociale ed educativa? Se è un problema economico, chi ci garantisce che il pasto portato da casa costi meno di quello fornito dalla mensa? Uguaglianza significa permettere che ogni famiglia faccia ciò che vuole? In realtà, in questo caso la libertà di scelta rischia di diventare una deriva individualista, ovvero un capriccio".

Al dibattito ha partecipato anche l'assessore all'Istruzione Valentina Aprea, che ha assicurato il suo impegno per aprire un tavolo di confronto, anche con ANCI, "al fine di trovare una soluzione che possa garantire agli alunni e quindi alle famiglie di esercitare la libertà di scelta tra un servizio completo di refezione e altre modalità auto organizzative". Il Presidente Luca Ferrazzi, nella sintesi, ha rimarcato i problemi che sono emersi nel dibattito e ha auspicato che l'Assessore Aprea possa intervenire al più presto presso gli organi competenti per realizzare il confronto da tutti auspicato in Commissione.



Fonte: Comunicato stampa gio 15 set 2016, ore 18.03
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
20:04 x il coccola
19 gen - Vai alla news »
non vedevi l'ora di lasciare un commento del genere, eh? tranquillo, questo *italiano* andrà a far compagnia ai tuoi amici, nessun razzismo
20:02 Hammurabi
19 gen - Vai alla news »
Non possiamo consolarci facendo i nome dei (peggiori) assessori precedenti. Verrà mai il momento in cui gli assessori, a cui spetta un compi
19:26 CHE NE DICI
19 gen - Vai alla news »
ALLO SPIRITOSONE.. CHE NE DICI DI LABOLANI AI LAVORI PUBBLICI E ARCAI ALLA CULTURA? ORTO ALLA MOBILITA' MAGARI E PURE BIANCHINI AL PERSONALE
18:58 terremoto
19 gen - Vai alla news »
Oggi il parlamento Europeo ha sbloccato i fondi per i terremotati del centro Italia. E Salvini era ancora una volta assente: leghisti sciaca
18:38 A casa !
19 gen - Vai alla news »
Maledetto straniero, venuto per invaderci ed imporci le sue abitudini. Subito espulso ! A casa !! ........ah ma é italiano? Allora una tira
18:32 Sim Sala Bim
19 gen - Vai alla news »
Anche i polli sanno che si arrriverà alla fine della legislatura solo perchè Renzi deve riprendersi dallo shock referendario e, come unico l
18:25 Dubbioso
19 gen - Vai alla news »
L'analisi ha una sua logica, ma credo ci sia un problema a monte stavolta: siamo davvero sicuri che il sondaggio del Sole 24 Ore sia attendi
18:03 Qol Sakhal
19 gen - Vai alla news »
Bragaglio, nonostante alcune brutte frequentazioni, è sempre da leggere. Qui, sorvolando per amor di...casa, sul peggioramento del tasso di
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...