Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalitÓ illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Venerdì 02 Dicembre 2016 - Ore 23:15


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
IL CASO

BURQA

Rovato, arrivano i cartelli con divieto di burqa in scuole e uffici

Le polemiche, ancora una volta, non mancheranno. L'amministrazione comunale di Rovato guidata da Tiziano Belotti, infatti, ha fatto affiggere in tutti gli edifici pubblici di sua competenza un cartello di divieto d'accesso con il volto coperto, come previsto dall'Art. 5 della Legge 22 maggio 1975, n. 152: “E' vietato l'uso di caschi protettivi, o di qualunque altro mezzo atto a rendere difficoltoso il riconoscimento della persona, in luogo pubblico o aperto al pubblico, senza giustificato motivo”. Una iniziativa fortemente voluta dal Carroccio.

“Nulla di nuovo quindi. - si legge sul sito della sezione Locale della Lega - Si tratta solo di ribadire molto chiaramente quello che stabilisce una legge nazionale. Riteniamo che per prima cosa si debba garantire la massima sicurezza nei luoghi pubblici e pensiamo che questa "vecchia" legge sia ancora uno strumento molto efficace. Negli edifici della Regione Lombardia questo divieto è stato ribadito con cartelli simili ai nostri già all'inizio del 2016. Noi dobbiamo tutelare i nostri cittadini. Prima viene la sicurezza della collettività. È inammissibile, ad esempio, che una mamma islamica con il volto totalmente coperto dal burqa entri in una scuola pubblica per riprendere il figlio, magari pensando che gli insegnanti la riconoscano. A Rovato questo è già accaduto - conclude la Lega - e noi non lo tollereremo più”.

LA REAZIONE DEL PD 



Fonte: Redazione dom 18 set 2016, ore 15.45
L'editore si riserva la possibilitÓ di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
INDIGNATO
(UTENTE NON REGISTRATO)
Finalmente qualcosa di concreto, che vadano via dal nostro paese questi cammelli mascherati imburchinati, che vadano al loro paese e che si creino anche un sistema numerico loro ! Ignorantoni africani
lun 19 set 2016, ore 11.36
Immagine profilo
NO BURQA
(UTENTE NON REGISTRATO)
Infatti nella legge italiana hanno vietato l'obbligo di circolare in modo irriconoscibile, senza giustificato motivo,. Probabilmente proprio per lasciare la libertÓ di potersi riparare dal freddo con una sciarpa oppure di indossare una mascherina medica. Chiaramente questi sono mezzi che possono indossare tutti quanti islamici e non. Ritenere invece burqa e niqab giustificato motivo per coprirsi il volto, perchŔ non si indossano per non farsi riconoscere ma sono attuazione di una tradizione di determinate culture, non solo Ŕ inaccettabile ma Ŕ discriminatorio, perchŔ significa generare per questa cultura un privilegio dii sesso (perchŔ lo usano solo le donne e non tutti, ammesso che sia un privilegio perchŔ Ŕ di fatto una prigione) razza e religione. Senza considerare che la Corte Europea dei diritti dell'Uomo lo ha definito nel 2014 una lesione dei nostri diritti e libertÓ e una lesione dei valori minimi di uno stato democratico. Quindi sarebbe da vietare subito in tutta Italia, in tutta Europa e non solo all'interno degli edifici pubblici ma anche per strada, nei giardini dato che rappresentano una discriminazione nei nostri confronti.
lun 19 set 2016, ore 09.20
Immagine profilo
ValÓ Bal¨
(UTENTE NON REGISTRATO)
Sono stato ieri a Rovato. Effettivamente ho visto migliaia di donne col burka.
lun 19 set 2016, ore 08.28
Immagine profilo
mascherina
(UTENTE NON REGISTRATO)
Ma la mascherina che porto per non prender il raffreddore posso portarla?
lun 19 set 2016, ore 08.05
Immagine profilo
freddo
(UTENTE NON REGISTRATO)
Quando fa freddo mi avvolgo nella mia sciarpona e vi assicuro che Ú peggio del burqa.
lun 19 set 2016, ore 07.27
Immagine profilo
@cecco
(UTENTE NON REGISTRATO)
perchŔ , tu cammini per strada col casco integrale calato sulla crapa ?
lun 19 set 2016, ore 07.02
Immagine profilo
Cecco
(UTENTE NON REGISTRATO)
Come mai non si lamentano i motociclisti visto che nel divieto rientrano anche loro ??
dom 18 set 2016, ore 21.49
Immagine profilo
obbligo
(UTENTE NON REGISTRATO)
Per quelli che hanno la faccia come il cu10 bisognerebbe renderlo obbligatorio il niqab. E non sono pochi.
dom 18 set 2016, ore 21.44
Immagine profilo
a 21.25
(UTENTE NON REGISTRATO)
C'Ŕ una bella foto in internet di 4 donne in niqab al mercato di Rovato.
dom 18 set 2016, ore 21.27
Immagine profilo
zero
(UTENTE NON REGISTRATO)
Sono di Rovato e non ho mai visto un burqa.
dom 18 set 2016, ore 21.25
Immagine profilo
NO BURQA
(UTENTE NON REGISTRATO)
La Merkel sta perdendo voti a causa dell'immigrazione e a Monaco leggendo in internet di burqa ce ne sono in gran quantitÓ, come a Londra e in altri Paesi europei. Se Italia ed Europa per privilegiare l'ISLAM non rispettano i valori minimi di uno stato democratico che la dissimulazione del volto con burqa e niqab, che paesi democratici siamo??? L'Europa si considera giÓ islamica forse?? Se queste donne vogliono indossare burqa e niqab se lo mettano in casa e se lo tolgano quando escono di casa: Se lo mettano all'interno della loro moschea e se lo tolgano quando escono. In questi due luoghi sono libere di metterselo quanto vogliono, ma per strada, nei giardini, nei mercati e in qualsiasi altro luogo pubblico ci discriminano e ledono i nostri diritti
dom 18 set 2016, ore 21.20
Immagine profilo
Incivili
(UTENTE NON REGISTRATO)
Sono sempre per strada e di burqa o similia non ne ho mai visto. Il problema del burqa non Ŕ affatto la sicurezza, ma la violenza sulla donna che Ú costretta a portarlo.
dom 18 set 2016, ore 20.16
Immagine profilo
a INCIVILI
(UTENTE NON REGISTRATO)
Forse questo signore non frequenta quartieri quali san faustino, carmine, zona via trento, zona via veneto e quindi di donne col volto coperto non ne vede mai ! Forse questo signore abita in panoramica o in viale venezia e si sa che di extracomunitari lý non si possono permettere affitti prestigiosi - oppure il signore INCIVILI Ŕ solo il solito CUCUUUUUUU
dom 18 set 2016, ore 20.08
Immagine profilo
a 18.58
(UTENTE NON REGISTRATO)
Anche questa italianissima convertita all'ISLAM che circolava per le strade in Niqab, quali decisioni hanno poreso i giudici nei suoi confronti? La lasciano circolare ancora in Niqab per le strade consentendole di discriminare tutti quelli che incontra?I giornali hanno dimenticato di dare questa notizia!
dom 18 set 2016, ore 19.04
Immagine profilo
incivili
(UTENTE NON REGISTRATO)
Ma quant burqa hanno quelli di Rovato. Sono proprio incivili. Io non ne ho mai visto nemmeno uno a Brescia. L'unico da quelle parte Ú quello che portava quella italiana svitata con il padre leghista.
dom 18 set 2016, ore 18.58
Immagine profilo
BRAVO
(UTENTE NON REGISTRATO)
Se anche questa volta interverranno per annullare questi divieti, si dovrebbe far valere anche la legge 286/98 IL CUI ART. 43 COMMA 3 vieta le discriminazioni nei confronti dei cittadini italiani. E i burqa e niqab ledendo i nostri diritti e libertÓ e valori minimi di uno stato democratico dovrebbero rientrare a pieno titolo tra i divieti di questa legge sulle discriminazioni verso i cittadini italiani ed essere vietati sia nei luoghi pubblici ma anche nei giardini, per le strade e come si vede nelle foto su internet anche nei mercati di Rovato cosi' come in tutta Italia.
dom 18 set 2016, ore 18.47
Immagine profilo
BRAVO
(UTENTE NON REGISTRATO)
Bravissimo Sindaco. E' quello che dovrebbero fare tutti i Sindaci in tutta Italia e anche in Europa, se davvero fossero importanti i diritti umani dei propri cittadini e non solo all'interno degli edifici pubblici, ma questo divieto dovrebbe essere esteso anche alle strade ed ai giardini, dopo che la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo nel 2014 in una sentenza verso la Francia li ha definiti lesivi dei diritti e delle libertÓ altrui, le nostre, e una lesione dei valori minimi di uno Stato Democratico. Ma di tutelare i valori minimi della democrazia sia in Italia che in Europa non c'Ŕ molto interesse, altrimenti una bella direttiva europea che vieti i Burqa e Niqab l'Europa l'avrebbe giÓ dovuta fare valida per tutta l'area Schengen dato che lasciarli ancora liberi di circolare anche per le strade ormai Ŕ chiaro rappresentino una discriminazione verso le nazioni democratiche. Auguri Sindaco, speriamo che le varie associazioni che tutelano gli immigrati non le si scaglino contro come hanno giÓ fatto in passato con varie denunce. Ma da far valere questa volta c'Ŕ questa sentenza della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo del 2014 che dimostra palesemente che sia nei luoghi pubblici che per strada dissimulare il volto Ŕ una lesione dei nostri diritti umani e della nostra democrazia.
dom 18 set 2016, ore 17.52
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
20:56 X 17.43
02 dic - Vai alla news »
Noooo! Addirittura la macchina t'hanno toccato! Proprio a te! Magari Ŕ una Golf comprata a rate e da un mese tu paghi le cambiali e l'auto s
20:41 bepi
02 dic - Vai alla news »
Invece di prendersi i calci andava lasciato sfogare (senza coltelli) da solo nella stanza......mica si sarebbe ucciso...si stancava il furbo
20:36 RAPPER
02 dic - Vai alla news »
Fantastico il rapper di colore che ieri sera a Dalla Vostra Parte ha praticamente evidenziato tutti i benefici di cui godono i profughi o fa
20:02 maria kollo
02 dic - Vai alla news »
Avete bisogno di un prestito facile e veloce? Offriamo sia prestiti personali e di business a ogni persona interessata o di aziende che vann
19:49 io
02 dic - Vai alla news »
Si certo stava lavorando per portare a casa uno stipendio! Ma va......non vado oltre ma ne avrei da dire....
19:47 a 11.34
02 dic - Vai alla news »
A che titolo S: Egidio ci porta musulmani che sono al sicuro in Libanio, vista l'invasione che stiamo subendo e che potrebbero trovare asilo
19:36 EVASORI?
02 dic - Vai alla news »
Che la Guardia di Finanza trovi gli evasori Ŕ nei suoi compiti, dato che per scoprirli ci vogliono le prove. Ma che chi arriva clandestiname
18:02 @@CORSI 21,11
02 dic - Vai alla news »
grazie per la spiegazione dettagliata, ma non dovresti prendere tutto alla lettera: erano semplicemente modi dire per invitare, in maniera s
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La pi¨ grande comunitÓ italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...