Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Mercoledì 25 Gennaio 2017 - Ore 02:32


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
ECONOMIA
Stefana Nave

Stefana, bando a vuoto. Sel: preoccupazione e vicinanza alle famiglie

Con una nota la Federazione provinciale SEL-Sinistra Italiana di Brescia, sottolinea di aver accolto con grande preoccupazione la notizia dell’esito nullo del bando per la cessione del sito di via Bologna della Stefana s.p.a. di Nave.

“Rinnoviamo la nostra vicinanza ai lavoratori e alle loro famiglie - si legge nel comunicato firmato da Simone Zuin - non possiamo accettare che due anni di lotte e sacrifici si concludano con la procedura di mobilità e con lettere di licenziamento. Auspichiamo che nei prossimi giorni gli industriali bresciani, e non, decidano di investire in questa realtà economica, con grandi potenzialità, e non facciano definitivamente fallire un'azienda storica come la Stefana. E’ importante che tutte le Istituzioni si facciano carico della situazione, dando risposte concrete e accettando la richiesta di rinnovo della cassa integrazione guadagni straordinaria, che i lavoratori e la Fiom di Brescia hanno presentato al Ministero del lavoro”.



Fonte: Comunicato stampa sab 24 set 2016, ore 08.39
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
Poldo
(UTENTE NON REGISTRATO)
Alitalia docet (insegna) !!!!!!!!!!!
sab 24 set 2016, ore 11.16
Immagine profilo
ggl
(UTENTE NON REGISTRATO)
Adesso che gli imprenditori sono spariti, anche a causa delle vostre sbagliate rivendicazioni tese soltanto a spremere l'imprenditoria e a dare privilegi a categorie di lavoratori, ci ritroviamo le aziende che chiudono, nessuno che vuole più investire in italia perchè troppo alti i costi del lavoro, i lavoratori licenziati e senza più speranze in quanto il lavoro non c'è per nessuno, e i sindacati che adesso elemosinano con gli imprenditori, pregandoli di investire. Questo è quello che avete seminato negli anni passati, invece di tutelare il lavoro, anche in prospettiva futura. No, tutto subito, in pensione a 50 anni, 35 anni di contributi e non se ne parla di lavorare un mese in più (mentre oggi ciao.... si arriva a più di 40 anni e zitti), pensioni al retributivo (mentre le generazioni presenti e future subiranno le conseguenze di queste scriteriate politiche), e via col lavoro precario a tutte le età. Tanto ormai voi avete puntato sulla nuova utenza: stranieri senza tutele, senza pretese, che fanno la tessera perchè vogliono la cittadinanza e farsi mantenere da pantalone, e voi vi garantite la sopravvivenza... Altro che tutela dei lavoratori...
sab 24 set 2016, ore 10.36
Immagine profilo
considerazione
(UTENTE NON REGISTRATO)
Ma che ci stanno a fare preti e gerarchie ecclesiastiche? A succhiare risorse a noi povera gente, per dire scemenze di circostanza trite e ritrite. Mantenuti dallo stato italiano. E abolire tutti i mille, e cioè 8 per mille alle religioni e allo stato, 5 per mille alle onlus e enti di ricerca, 2 per mille ai partiti. Sapete che il contribuente, dalla somma di questi balzelli, risparmierebbe 1,5% delle proprie tasse? Poi chi vuole dare dà senza l'aiuto e l'obbligo del fisco. Il problema sarebbe che dovrebbero chiudere una miriade di boteghe de saatì, chiesa cattolica in primis, che vivono alle spalle della collettività. Ma nessuna forza politica ha l'onestà intellettuale di farlo. Troppo potere evidentemente.... E intanto chi perde il lavoro si arrangia, e loro vivono alle nostre spalle nel loro bel mondo dorato. Cosa volete che capiscano quindi?
sab 24 set 2016, ore 10.20
Immagine profilo
klero
(UTENTE NON REGISTRATO)
Monari, il tuo appello alla saggezza e a prendersi responsabilità è caduto nel vuoto, come sempre quando persone come te, incoerenti fino al midollo, parlano. Ed infatti, visto che non sei capace nemmeno di risolvere e di intervenire nei problemi che creano i tuoi amati pargoli sacerdoti, hai la presunzione di parlare in casa degli altri. Ma, come sempre, tutto per fare odience, che tanto ormai nemmeno quella fa notizia e l'autorevolezza di un vescovo, causa le tue omissioni e gli interventi radicalchic, è andata sotto i tacchi. Complimenti...
sab 24 set 2016, ore 10.09
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
23:57 considerazione
24 gen - Vai alla news »
Il problema affonda le sue radici ancora nell'amministrazione Corsini, che ha concesso diritti edificatori poi confermati, e a volte aumenta
23:55 cesa
24 gen - Vai alla news »
Cesa, meglio noto alle cronache per avere proposto, dopo i fatti che videro protagonista il suo compagno di partito Cosimo Mele, una "indenn
23:42 considerazione
24 gen - Vai alla news »
La solita improvvisazione sinistra che crede di cambiare le cose togliendo soltanto ai "non amici". Stessa improvvisazione che si sta attuan
23:39 Italicus
24 gen - Vai alla news »
E' davvero una situazione insostenibile. Tutti questi furti nelle case perpetrati da stranieri disposti a tutto pur di racimolare soldi ad o
23:34 klero
24 gen - Vai alla news »
Naturalmente monari vi ha dato l'elenco di tutte le chiese della diocesi da presidiare, nonchè da riprendere da operatori di male come parro
23:27 Italicus
24 gen - Vai alla news »
E' uno schifo. Fuori tutta questa gentaglia dall'Italia ! Fuori a calci nel culo!
23:06 Paolo
24 gen - Vai alla news »
Che tragedia immensa. Era una bellissima ragazza…Sono d'accordo quest'uomo andava riportato in Marocco dove la sua malattia mentale avrebbe
21:17 Sandro
24 gen - Vai alla news »
Vista la simpatia espressa dal neo rettore per la Lombardia orientale, perché non provate ad impostare un piano ( almeno sul tema scuola/ cu
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...