Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Sabato 03 Dicembre 2016 - Ore 16:38


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
IL CASO
No

Da Chiari a Lume, torna il Partito fascista. E' polemica anche nel Bresciano

La Costituzione lo vieta in maniera esplicita nella XXII disposizione transitoria (“È vietata la riorganizzazione, sotto qualsiasi forma, del disciolto partito fascista”), ma questo non ha impedito a un gruppo di nostalgici di rifondare - anche nel Bresciano - un partito che si richiama in maniera più che esplicita all'esperienza mussoliniana. A denunciare il caso è il deputato Pd Luigi Lacquaniti, che sottolinea come “in diversi comuni della nostra provincia vi è chi vorrebbe ricostituire il Partito fascista. Dopo Lumezzane e Brescia l’ultimo caso è quello di Chiari, dov’è stata annunciata la costituzione di una sezione del movimento “Fascismo e Libertà”, con l’apertura di una sede e la distribuzione di tessere su cui svetta un fascio littorio”.

Lacquaniti, quindi, richiama la costituzione e la legge 645 del 1952 che sanziona chi fa propaganda neofascista. E incalza: “Non permetteremo che questo movimento attecchisca sotto qualsiasi forma nella nostra provincia e si saldi con altre associazioni e movimenti che già operano, in vario modo, anche a livello nazionale. Non si può far passare per libertà di opinione l’intenzione di ricostituire un Partito che cancellò la libertà d’opinione e tutte le altre libertà. (…) Presenterò un’interrogazione parlamentare al Ministro dell’Interno”, conclude il deputato Pd, “perché si faccia piena luce su questi movimenti e, assieme agli esponenti delle forze democratiche locali, chiederò un incontro al Prefetto”.




Fonte: Comunicato stampa lun 03 ott 2016, ore 10.06
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
@Santo S
(UTENTE NON REGISTRATO)
Eh, già, il NO al referendum va da sinistra a destra, transitando per tutti quelli che ci soo in mezzo, pentastellati compresi. Ed è, malgrado l'apparenza, un segnale evidente di come la cosiddetta riforma costituzionale sia pasticciata, incongrente, ben lontana da risolvere la lentezza degli iter parlamentari e la semplificazione della macchina legislativa nonostante la scomparsa del Senato (fatto da nominati provenienti da altre tornate elettorali) come organo legislativo. E, come se non bastasse, vi è anche un preoccupante accentramento oligarchico del potere affidato all'Esecutivo ed al Premier e soprattutto, con l'Italicum, il supporto "operativo" di un Parlamento di nominati in cui, con più del 15% effettivo dei voti, il partito vincente si assicura il 55% dei seggi a disposizione in spregio alla rappresentanza effettiva del consenso elettorale. Non è un problema di "chi va a braccetto con chi" ma semplicemente di buon senso e realismo quello che porta persone molto diverse per appartenenza politica a votare convintamente per il NO.
lun 03 ott 2016, ore 23.36
Immagine profilo
Santo S
(UTENTE NON REGISTRATO)
Quindi i NOSTALGICI come D' ALEMA, BERSANI, PAOLO CORSINI vanno a braccetto con i VERI FASCISTI ! Forse, fossi in loro, ci penserei anche 100 VOLTE ... ma le poltrone sono più importanti evidentemente !!!!!
lun 03 ott 2016, ore 21.58
Immagine profilo
@@@INVECE
(UTENTE NON REGISTRATO)
Ecco perché votare NO al referendum
lun 03 ott 2016, ore 17.09
Immagine profilo
@@invece
(UTENTE NON REGISTRATO)
Con il Mattarellum i partiti hanno scelto i rappresentanti in Parlamento (non si scrive nessun nome e la posizione in lista definisce con pochi margini di dubbio gli eletti rispetto agli esclusi). Con l'Italicum stessa cosa in peggio: nominati in Parlamento con premio di maggioranza mostruoso al partito vincente e Senato composto da eletti da altri cittadini e con altri sitemi elettorali nelle Regioni e nei Comuni con in più...l'immunità Parlamentare. Enorme potere all'Esecutivo (Governo) ed al Presdidente del Consiglio. Ecco, per finire, manca solo la nimna...Gran Consiglio dei Ministri da riounire a Palzzo Venezia.
lun 03 ott 2016, ore 15.15
Immagine profilo
@Invece
(UTENTE NON REGISTRATO)
Le hanno spiegato che in Italia si vota il Parlamento e non il Presidente del Consiglio? Dalla battuta che fa non ha alcuna idea di cosa siano le istituzioni lei, se lo lasci dire. Altro che fare ironia spiccia.
lun 03 ott 2016, ore 14.50
Immagine profilo
ricino
(UTENTE NON REGISTRATO)
Non sai cosa dici: sotto il fascismo dopo il tuo commento sarebbero arrivati a farti bere un litro di olio di ricino. O peggio.
lun 03 ott 2016, ore 13.50
Immagine profilo
Invece
(UTENTE NON REGISTRATO)
Invece siamo liberi con Renzi?!!! È stato Democraticamente votato?!!!!! La libertà è un'utopia! Nemmeno oggi è possibile esprimere il proprio pensiero! La libertà è un'utopia!!!
lun 03 ott 2016, ore 13.27
Immagine profilo
NonnoLibero
(UTENTE NON REGISTRATO)
ahahahah! come l'hanno chiamato?? Fascismo E libertà??? Libertà sotto i fascisti?? Poracci.
lun 03 ott 2016, ore 12.40
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
15:53 a 15.17
03 dic - Vai alla news »
Si spera almeno che gli italiani se le paghino coi loro soldi. Mentre ai falsi profughi chi le paga le prostitute bianche tanto cantate dal
15:17 @???
03 dic - Vai alla news »
VEramente sono i puttanieri bianchi che cercano le prostitute di colore. Sono gli stessi che di giorno se la prendono con gli immigrati e d
13:29 SI
03 dic - Vai alla news »
Farà votare SI' a più persone.
13:27 @8.36
03 dic - Vai alla news »
Quante str....te!
13:26 ???
03 dic - Vai alla news »
Quanto spende l'Italia per dare la prostituta bianca di cui parla il Rapper BELLO FICO , ai clandestini falsi profughi? Tanto per sapere qu
13:21 BENE
03 dic - Vai alla news »
GRAZIE PER LA SIGNIFICATIVA INFORMAZIONE -Gia' si dovrebbe rifiutare sia l'asilo che la protezione sussidiaria o umanitaria in primis agli a
13:04 Ass
03 dic - Vai alla news »
che caso............
10:50 Parolino...
03 dic - Vai alla news »
Intervento realizzabile entro tre anni...o che verrà realizzato entro tre anni ?
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...