Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



04 Dicembre 2016 - Ore 02:54


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
BRESCIA
brunello

Caso Artematica, la Loggia si costituisce parte civile contro Brunello

Il Comune di Brescia si costituirà parte civile nel processo contro Andrea Brunello, amministratore unico di Artematica accusato di aver “falsato” i numeri delle mostre da lui organizzate. La Loggia fa sapere che nel caso la magistratura dovesse accertare le sue responsabilità è pronta a chiedere i danni patrimoniali per quanto “illecitamente trattenuto” e il danno funzionale “per aver avviato e istruito i procedimenti amministrativi finalizzati alla regolamentazione dei rapporti con Artematica”.

ECCO IL TESTO INTEGRALE

Il Comune di Brescia si costituirà parte civile nel processo penale nei confronti di Andrea Brunello, amministratore unico di Artematica, in merito alle vicende legate alle mostre “Matisse. La seduzione di Michelangelo” e “Inca. Origine e mistero della civiltà dell’oro”. Il Comune vuole ottenere che Brunello, nel caso in cui sia affermata la sua responsabilità penale per i fatti di reato che gli sono addebitati, sia condannato a risarcire l’ente di tutti i danni patrimoniali e non patrimoniali derivati dalla sua condotta.

L'imputato, dichiarando e attestando con documentazione falsa il superamento delle soglie di visitatori al quale era condizionato il pagamento per intero gli importi pattuiti per la realizzazione delle due mostre, ha illecitamente tenuto e poi trattenuto le risorse finanziarie stanziate dell'Amministrazione per tali eventi, cagionandole così un ingente danno patrimoniale.

A questi danni patrimoniali si accompagna il danno funzionale subito dal Comune per aver avviato e istruito i procedimenti amministrativi finalizzati alla regolamentazione dei rapporti con Artematica. Procedimenti dei quali l'ente ha ingiustamente sopportato i costi, sia in termini economici, sia in termini di efficacia ed efficienza della propria azione amministrativa.

Il fatto che il Comune abbia autorizzato le due mostre di Artematica e abbia garantito ed effettivamente erogato le risorse illegittimamente pretese ha altresì determinato un danno all’immagine di fronte alla collettività, agli altri enti pubblici e agli operatori economici.



Fonte: Comunicato stampa lun 03 ott 2016, ore 19.17
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
stradivarius
(UTENTE NON REGISTRATO)
Cerco di attenermi molto ai fatti e meno alle opinioni. E quindi, doverosamnete, ricordo che altrettanto censurabili ed inquietanti, parlando di scelte e di spreco del denaro pubblico, sono le vicende della fusione per incorporazione di ASM con la nascita di A2A e la costruzione del Metrobus. Vicende nelle quali il centrosinistra cittadino si è improvvidamente fidato di analisi inadeguate e di advisor visionari, nonchè strapagati, solo per assecondare cordate, ricatti e consuetudini politiche anzichè procedere ad analisi realistiche di merito e di metodo nella realizzazione dei due progetti. E so che Bragaglio le giudica due buone operazioni che si dovevano fare e che hanno portato vantaggi alla comunità bresciana. Io, rispolverando una vecchia parola, credo invece che il bene comune non sia mai stato nemmeno preso in considerazione nè prima, nè durante, nè dopo.
mer 05 ott 2016, ore 15.00
Immagine profilo
@stradivarius
(UTENTE NON REGISTRATO)
Le crederei se non avessi sentito da parte di Bragaglio (a tempo debito( un silenzio su mille altre vicende oscuredella nostra città. Tra l e migliaia ricordiamogli pure fusione A2A ed ancora scelta degli advisor per quella fusione. All'interno di quelle vicende vi furono molte cose che lasciano molto amaro in bocca. Ben venga la precisione del professor Bragaglio, ma quando è a fasi alterne accende solo sospetti
mer 05 ott 2016, ore 13.12
Immagine profilo
stradivarius
(UTENTE NON REGISTRATO)
Le ultime tre righe del testo pubblicato dal Comune bastano ed avanzano per ricordare cosa abbia rappresentato per Brescia, la sua immagine e le sue casse comunali, la gestione della cosa pubblica nel quinquennio Paroli-Rolfi, anzi Rolfi-Paroli in ordine all'effettiva guida delle sorti della città. Un insieme di improvvisazione, incapacità, dilettantismo, superficialità, disorientamento strategico e gestionale. Tanto basta e basterebbe se, all'orizzonte, non stessero crescendo le quotazioni magari proprio di Rolfi come candidato a primo cittadino nel 2018. Bene allora rinfrescarsi la memoria e bene fa Bragaglio ad evocare i contorni inquietanti della vicenda Artematica, il fiore...nero all'occhiello della Giunta precedente.
mar 04 ott 2016, ore 10.21
Immagine profilo
Claudio Bragaglio
(UTENTE REGISTRATO)
Repetita? Sempre iuvant, ma nel caso mio un errore per una pennellata di colla... di troppo! Confido nella clemenza anche della Redazione...
mar 04 ott 2016, ore 07.58
Immagine profilo
So what?
(UTENTE NON REGISTRATO)
Repetita iuvant
mar 04 ott 2016, ore 07.49
Immagine profilo
@Bragaglio
(UTENTE NON REGISTRATO)
Attenzione professore con il copia incolla, i testi che riporta basta copiarli una volta sola. Buongiorno a Lei….
mar 04 ott 2016, ore 03.18
Immagine profilo
Claudio Bragaglio
(UTENTE REGISTRATO)
Ottima iniziativa. Così si saprà perché è stato cambiato, dalla Fondazione presieduta da Lechi, lo Studio legale che aveva già predisposto il Contratto per la precedente mostra Inca. Perché è stato allentato il sistema di controllo e di rendicontazione. Perché dopo solo 5 mesi dalla approvazione del Contratto Matisse si è pretesa, da parte di Artematica, una specifica modifica che ha sottratto più della metà del Bilancio della Mostra ad una possibile verifica da parte della Amministrazione Comunale e della Fondazione stessa. Perché è stato tolto dal nuovo Contratto il riferimento ai visitatori effettivamente “paganti”, al fine di erogare ad Artematica il corrispettivo di fine mostra e il pagamento dell’eventuale penalità per il mancato raggiungimento di 230 mila visitatori. A suo tempo con le Interpellanze da me presentate in Consiglio Comunale avevo posto nello specifico l’interrogativo sull’eventuale intenzionalità di questi cambiamenti al Contratto, proprio al fine di poter alterare i dati, manipolare le voci di spesa e il numero dei visitatori effettivamente paganti. Proprio a seguito della limitazione dei controlli, che invece erano previsti per la Mostra precedente. Interrogativi rimasti allora senza risposta e che spero ritornino in campo in sede giudiziaria per individuare le responsabilità dell’intera vicenda.
mar 04 ott 2016, ore 01.33
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
01:14 @quasimodo
04 dic - Vai alla news »
Vicesindaco perfetta. L'ordine degli ingegneri si fa vivo solo quando ci sono questioni particolari. Ma di che state parlando. Un conve
01:00 SI SI SI
04 dic - Vai alla news »
SI SI SI SI SI SI SI
00:14 @@Bianche
04 dic - Vai alla news »
Esatto, vince sempre...big bamboo !
00:12 Trio BBR
04 dic - Vai alla news »
Non si esprimono i tre tenores, anzi un tenore e due soprano: tutti stonati, molto stonati rispetto alla realtà. ed ai fatti.
00:10 Stellante
04 dic - Vai alla news »
Una forte realtà civica partendo dell'elenco fatto da Belli ? Anche le pietre della Loggia sanno che si tratta solo di "liste civetta" fatte
21:33 Sandro
03 dic - Vai alla news »
Nel panorama politico bresciano abbiamo gruppi e/o partiti che si richiamano, almeno nel nome, al civismo : Scelta civica - Rete civica - No
21:04 GENI SINISTRI
03 dic - Vai alla news »
Se l'iniziativa è controproducente per i sostenitori del NO.....
20:21 @Bianche
03 dic - Vai alla news »
Secondo me facendo riferimento alle tue convinzioni, al tuo spessore intellettuale e all'ortografia, domani voterai si
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...