Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Giovedì 08 Dicembre 2016 - Ore 10:44


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
SINDACATI
Drera

Cgil, Drera nuovo segretario generale della Funzione pubblica di Brescia

Marco Drera è il nuovo segretario generale della Fp Cgil di Brescia. A eleggerlo oggi - con 70 voti a favore, 1 contrario, 1 bianca e 1 astenuto - l'assemblea generale della categoria. Cinquantasei anni, sposato con due figli, Drera ha lavorato per 18 anni come artigiano nel settore privato. Assunto nel 2000 al Comune di Desenzano, nel 2001 è diventato delegato sindacale e dal 2006 ha iniziato a lavorare in Fp Cgil, prima come funzionario e dal 2010 come segretario organizzativo e con la delega all'Igiene Ambientale. Drera sostituisce Donatella Cagno, segretaria generale della categoria per sei anni e una lunga storia sindacale iniziata all'Inps. «Avendo la possibilità di andare in pensione, sollecito un cambio di fase - ha osservato Donatella Cagno -. Da tempo è in atto un ricambio generazionale nella nostra categoria e, tenendo conto che forse oggi si sta finalmente riaprendo la possibilità di rinnovare i contratti, è bene sollecitare ulteriormente questo processo di rinnovamento interno».

Nel suo intervento in assemblea Marco Drera si è detto più che consapevole delle difficoltà: «Guidare la categoria è un impegno che un po'mi spaventa, per le complessità che questo comporta». La situazione è complicata: il contratto nazionale enti locali e sanità è fermo da sette anni, addirittura dodici se si considera la sola parte normativa. «Dodici anni senza regole contrattuali a cui si sono sostituite norme di legge che ne hanno preso il posto - ha ricordato -, imposte da Brunetta e di fatto condivise dai governi successivi. Il mondo dei servizi pubblici in questi anni è profondamente cambiato senza regole contrattuali, costringendo i territori a navigare a vista». Di qui la necessità di riportare il tema della contrattazione al centro: «Solo in questo modo possiamo ritornare protagonisti credibili di riforme e di rilancio dei servizi pubblici. Dobbiamo ricominciare a scrivere regole che vedono i lavoratori al centro dei progetti di trasformazione e miglioramento non perdendo di vista i nuovi lavoratori».

In segreteria, oltre a Drera, restano Francesca Baruffaldi (Funzioni Centrali e Oraganizzazione), Stefano Ronchi (anità) e Giovanni Amarante (Terzo Settore).









Fonte: Comunicato stampa mer 05 ott 2016, ore 17.07
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
ggl
(UTENTE NON REGISTRATO)
Ma i sindacati non dovrebbero tutelare i piu' deboli? No, perche' se tutelano chi ha gia' tutele che ci stanno a fare?
ven 07 ott 2016, ore 13.59
Immagine profilo
considerazione
(UTENTE NON REGISTRATO)
E, secondo te, perchè non si iscrivono più? Perchè non hanno tutele e difese da un sindacato che è autoreferenziale, vive di rendita sui pensionati che ha stratutelato scaricando sui giovani il costo di pensioni al di sopra di quanto hanno versato. E lui ne approfitta prendendo i soldi sulle situazioni di privilegio che ha creato. Intanto il mondo del lavoro va a pezzi e loro, invece di ricostruirlo con le giuste lotte che in passato dicevano di fare (solo per le tessere), si buttano sul loro futuro: gli stranieri. Questa è la conclusione di decenni di lotte e di false speranze ai lavoratori. Peggio di così...
ven 07 ott 2016, ore 09.39
Immagine profilo
@considerazione
(UTENTE NON REGISTRATO)
La realtà sta nei numeri, gli ultimi disponibili. I tesserati CGIL sono 2,6 milioni di pensionati e 2,1 milioni di lavoratori con una perdita anno su anno di 700.000 tessere, circa il 12%: giovani e precari non si si iscrivono più ad alcun sindacato.
gio 06 ott 2016, ore 10.22
Immagine profilo
considerazione
(UTENTE NON REGISTRATO)
E potenziare i settori metalmeccanico, commercio, privati in genere, no? No, perchè non fanno tessere, essendo quel mondo del lavoro, un mondo di sfruttamento e di ricatti verso i lavoratori. Quindi, molto meglio difendere che ha già tutele e fare tessere da lì. Altro che questione sociale....
gio 06 ott 2016, ore 09.45
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
10:38 @NONNA
08 dic - Vai alla news »
Quindi tu hai detto che vecchi e bambini non possono piu' uscire di casa. Pertanto il tuo nipotino verra' chiuso in cameretta sua. Non si sa
10:18 puttanieri
08 dic - Vai alla news »
Ma i puttanieri bresciani che violentano le ragazze cinesi, si sono mai chiesti se le ragazze erano consenzienti? O tanto per loro le donne
10:08 @ NONNA
08 dic - Vai alla news »
Basta! 🔒🔒
10:01 @abele
08 dic - Vai alla news »
Alcuni? Siamo il paese dell'illegalita' diffusa. Ci stanno imitando.
09:12 LEGGERE
08 dic - Vai alla news »
Per lettore " BASTA CAGATE " Legga bene l'articolo pubblicato da BS NEWS martedì 6/12/2016 alle ore 10.25. Prima però vada dall'oculista. Le
08:41 distorsione
08 dic - Vai alla news »
Non é possibile che la notizia di una truffa mancata faccia più notizia della macroevasione di 6,5 milioni di euro che la GDF ha scoperto in
08:39 @2340
08 dic - Vai alla news »
Alla Mandolossa e Desenzano la polizia ha scoperto due case (20 in tutta Italia) dove venivano costrette alla prostituzione giovani cinesi.
08:32 abele
08 dic - Vai alla news »
quindi siccome alcuni italiani sono criminali dobbiamo tenerci quelli stranieri perché tanto anche gli italiani lo sono. ma certo!!!
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...