Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Lunedì 05 Dicembre 2016 - Ore 17:34


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
IL CASO
Bragaglio

Loggia contro Artematica a processo, Bragaglio: la politica sapeva?

Con una lunga nota, l'ex assessore Claudio Bragaglio plaude alla Loggia per la decisione di costituirsi parte civile contro l’ex amministratore di Artematica, Andrea Brunello al fine di individuare le eventuali responsabilità penali nella gestione della mostra dedicata a Matisse.

In particolare, Bragaglio sottolinea che “l'orizzonte delle responsabilità” va oltre Brunello e rilancia con una lunga serie di domande. “Perché la Fondazione, presieduta da Faustino Lechi, ha cambiato lo Studio legale bresciano che aveva già predisposto il precedente Contratto per la Mostra Inca?”, si chiede. E ancora “perché s’è decisa una ristesura ricorrendo, ma fuori Brescia, all’assistenza dello Studio del presidente della Compagnia delle Opere di Milano, l’avv. Guido Bardelli?”.

Ancora, l'esponente del Pd sottolinea che “il cambiamento del Contratto s’è concentrato proprio sull’azzeramento, nei fatti, di controlli e rendicontazioni” e che dal nuovo contratto è stato anceh “tolto il riferimento a tutti i visitatori effettivamente paganti”. Quindi Bragaglio domanda “perché, dopo solo cinque mesi dall’approvazione del Contratto Matisse (giugno 2010), Artematica ha preteso ed ottenuto a novembre un’ulteriore modifica che ha ridotto la materia per un possibile controllo - da parte di Comune e Fondazione - a meno della metà del Bilancio della Mostra?”.

Dubbi su cui faranno luce i giudici, ma Bragaglio una sua tesi ce l'ha. E coinvolge anche la sfera della politica. “Interrogativi rimasti ancora senza risposta”, sottolinea Bragaglio, “e che spero ritornino in campo, e non solo in sede giudiziaria, per individuare – oltre gli aspetti penali – anche le responsabilità politiche ed amministrative dell’intera vicenda”.





Fonte: Comunicato stampa gio 06 ott 2016, ore 18.43
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
tordellini
(UTENTE NON REGISTRATO)
Temo, fortemente temo (e penso per l’appunto che la querela non arriverà) che sia anche questo un caso di superficialità e disinformazione da parte di chi invece dovrebbe fare le cose con serietà e cognizione di causa. E considera che anche tutti gli altri agiscano pari modo. E, ancora una volta è Bragaglio che si prende la briga di confrontare i due articoli del contratto. Nessun altro…..
dom 09 ott 2016, ore 10.39
Immagine profilo
Claudio Bragaglio
(UTENTE REGISTRATO)
@Attività.Cognit: Vero quel che dice, anche se ha dell’incredibile. Qualcuno m’ha pure paventato il rischio d’una querela. Non sarebbe la prima…minacciata (Nicoli poi…sugli affari delle cave!). Ma la sola che m’è stata fatta è della Compagnia delle Opere, per diffamazione, nel passaggio di presidenza Tarantini/Zola. Ma da loro persa in Tribunale nel 2012, con l’aggiunta anche d’un doloroso esborso di 20 mila euro per spese legali. Come esser sicuro di quel che dico? Confronto i due articoli del contratto (l’art. 8.1), quello del giugno e quello modificato a novembre del 2010, su proposta di Artematica. Nella prima versione dice: quando la Fondazione approva la rendicontazione di tutte le spese (quindi dei 5mln) il Comune paga la sua quota parte. La modifica dice invece, con un’aggiunta: “resta inteso che la rendicontazione riguarderà esclusivamente gli importi versati dalla Fondazione”. E cioè solo i 2 mln circa. Con gli altri 3 mln di bilancio su cui la Fondazione non può metter naso. Non solo, la parte che la Fondazione può controllare deve riguardare solo i fornitori. Ovvero le spese certe, ma tutto il resto no! Quindi chi doveva controllare (la Fondazione di Lechi e Giunta Paroli) ha deciso che non lo doveva e né lo poteva fare. Un capolavoro!
sab 08 ott 2016, ore 14.56
Immagine profilo
attività cognit
(UTENTE NON REGISTRATO)
Certo che a leggere gli interrogativi riproposti chiaramente nero su bianco da Bragaglio vengono dei pensierini in testa…. Come si poteva essere inconsapevoli di fronte a tali cambiamenti? O meglio: davvero grave se si fosse firmato inconsapevolmente tale pletora di cambiamenti così mirati… siamo nel Paese del “a mia insaputa”, ma qui… sono state messe delle firme, no?
sab 08 ott 2016, ore 08.49
Immagine profilo
Prescrizione?
(UTENTE NON REGISTRATO)
Ma come sarebbe possibile la prescrizione per le truffe di Brunello? Qualcuno lo può spiegare?
ven 07 ott 2016, ore 22.35
Immagine profilo
bisturi
(UTENTE NON REGISTRATO)
chirurgica precisione!
ven 07 ott 2016, ore 09.39
Immagine profilo
stradivarius
(UTENTE NON REGISTRATO)
C'è poco da aggiungere. Bragaglio elenca dei fatti che rimarcano le reponsabilità dirette e personali all'interno dell'Amministrazione e della Giunta Paroli. Ci piacerebbe sentire un minimo di contraltare, ma evidentemente le argomentazioni per replicare non ci sono. L'importante è mantenere la memoria soprattutto in vista del 2018 quando il centrodestra si ripresenterà, magari proprio con alcuni protagonisti di "quel passato", al giudizio degli elettori.
ven 07 ott 2016, ore 09.33
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
17:21 @ 14:20
05 dic - Vai alla news »
dai, facci restare tutti a bocca aperta: tu quanti ne hai in casa di rifugiati? guarda che la scusa della casa piccola o dei problemi di lav
16:40 veritas
05 dic - Vai alla news »
Il no ha vinto per i clandestini !! che eresia che popolo di piccini le persone si spostano quando dove sono stanno male tutti lo farebbero
16:36 errata corrige
05 dic - Vai alla news »
Il presunto jhadista al quale abbiamo concesso protezione sussidiaria non percepiva 200 bensi' 2000 euro al mese. Una vera vergogna e speria
16:32 a 14.20
05 dic - Vai alla news »
L'UNHCR, visto che ha tra i suoi capi un italiano, farebbe bene a spiegarci come mai in Africa non si adopera affinchè venga rispettata la C
16:29 veritas
05 dic - Vai alla news »
Pochi elettori hanno capito per cosa votare la propaganda ha infatti imperato importante era dire No come sempre per sempre non so se le rif
16:14 Analisi
05 dic - Vai alla news »
Si comincia ad analizzare nel dettaglio il voto di ieri e sembra che I giovani tra i 18 e i 34 anni abbiano votato all'81% NO. Ma non erano
16:06 Scusa, Luigi
05 dic - Vai alla news »
L'amico Gennarino Migliore l'hai già sentito? Chiedo perché l'ho visto parecchio abbacchiato e preoccupato dopo la scoppola referendaria. Ma
16:05 ferdi68
05 dic - Vai alla news »
Niente male la Boschi come presidente…in questa italia maschilista e zoticona una donna bella e intelligente la voto volentieri
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...