Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Mercoledì 07 Dicembre 2016 - Ore 21:10


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
PONTEVICO
Bozzoni

Finta vendita delle scuole, Bozzoni: la mia condanna frutto di una sentenza politica

“Una sentenza politica? Verrò assolto”. Con queste parole il sindaco di Pontevico Roberto Bozzoni ha commentato - con una nota ufficiale che riportiamo di seguito - la sentenza che qualche giorno fa l'ha condannato in primo grado a un anno e due mesi di carcere per aver finto, nel 2010, la vendita degli istituti scolastici comunali al fine di aggirare i vincoli del patto di stabilità, incassando e restituendo 400mila euro. Condannati anche un consulente e due imprenditori, mentre sono stati assolti un'altra dipendente e il sindaco di Bagnolo Mella Cristina Almici, che è revisore dei conti di Pontevico. Bozzoni ha annunciato ricorso e si è detto certo del fatto che sarà assolto entro la fine del mandato, ma nel frattempo cresce il numero di coloro che chiedono le sue dimissioni.

ECCO IL TESTO INTEGRALE DEL COMUNICATO


UNA SENTENZA POLITICA?

Il riferimento alla sentenza di primo grado che mi riguarda direttamente voglio ribadire con forza la mia innocenza!!!

Nel dibattimento in cui sono coinvolto non è mersa una sola prova di colpevolezza a mio carico.

Sono a dir poco amareggiato per una sentenza di condanna assurda.

Ho già incaricato il mio legale di presentare il ricorso in appello al fine di ottenere finalmente giustizia.

Ricordo a tutti coloro che si sono affrettati a chiedere le mie dimissioni che in Italia una persona è innocente fino al terzo grado di giudizio. Cosa diranno e faranno costoro quando verrò assolto?

Come si può esultare per la condanna di un sindaco innocente, anche se non rappresenta la propria area politica?

Quello che oggi è capitato a me, domani potrebbe accadere a qualsiasi cittadino onesto e per bene.

Ho sempre lavorato per l’esclusivo interesse del mio Comune e continuerò a farlo con la dedizione e l’onestà che ho sempre dimostrato, in 42 anni, in tutti gli ambiti della vita sociale.

Se tornassi indietro, rifarei esattamente tutte le scelte che ho fatto, anche in merito a revoche di assessori e alle decisioni che hanno portato al ricambio generazionale della quasi totalità della vecchia classe politica pontevichese.

Ho sempre affrontato i problemi con forza e determinazione e continuerò a farlo: sono stato condannato mentre rivesto la carica di Sindaco e verrò assolto da Sindaco in carica.

Con stima e affetto per tutti i Pontevichesi,

il Sindaco

Dott. Roberto Bozzoni   



Fonte: Comunicato stampa ven 07 ott 2016, ore 13.17
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
io
(UTENTE NON REGISTRATO)
comunque se è stato condannato dovrebbe dimettersi! solo per correttezza nei confronti dei suoi cittadini!
sab 08 ott 2016, ore 11.49
Immagine profilo
stradivarius
(UTENTE NON REGISTRATO)
Questa,a nche nel caso di Bozzoni, del ricambio generazionale come toccasana universale o come croce al merito da appuntarsi "a prescindere" sulla giacca di amministratore pubblico, comincia a preoccupare. Quasi che l'età anagrafica avanzata sia automaticamente un vincolo o un limite al buon operare al servizio di una comunità o per il bene comune. E' un effetto perverso del dogma renziano della cosiddetta rottamazione, che viene da chi, nessuno lo ricorda, guida le sorti del Paese senza essere transitato con una sua coalizione o con un suo programma di governo attraverso il consenso dei cittadini elettori, ma solo graaie alla bendizione di un ultranovantenne, cioè Giorgio napolitano. Che tristezza.
sab 08 ott 2016, ore 10.21
Immagine profilo
Pontevico
(UTENTE NON REGISTRATO)
Un paio di domande al Sindaco di Pontevico: davvero lei non sapeva che un imprenditore avrebbe versato 400 mila euro sul conto corrente del Comune? Davvero non sapeva che la finalità dell'operazione era quella di eludere il Patto di stabilità? Forse avrà ragione nel sostenere che non ci sono prove e che la legge, forse, non può condannarla. Ma come la mettiamo con l'etica e la giustizia?
ven 07 ott 2016, ore 16.22
Immagine profilo
cittadino
(UTENTE NON REGISTRATO)
Comunicato stampa a dir poco ridicolo.
ven 07 ott 2016, ore 14.54
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
21:04 RISORSE
07 dic - Vai alla news »
giovani profughi in cerca di lavoro e di una vita migliore vittime di una cospirazione a sfondo razziale
20:56 RISORSE
07 dic - Vai alla news »
ditta straniera specializzata in trasporti rapidi braccata da agenti razzisti
20:47 RISORSE
07 dic - Vai alla news »
boom di imprese straniere nel bresciano...
20:37 RISORSE
07 dic - Vai alla news »
prodigi della società multietnica e della globalizzazione
19:13 A 18.26
07 dic - Vai alla news »
Certo che i furti ci sono sempre stati, ma con l'immigrazione sono aumentati perchè si sono aggiunti a quelli autoctoni già mal digeriti. Co
18:55 ORIO
07 dic - Vai alla news »
a 17.54 e 1826 - L'intelligenza bisogna possederla per poterla schiaffeggiare. Se ancora non avete capito in quale letamaio l'immigrazione c
18:28 castriota
07 dic - Vai alla news »
castrazione chimica
18:26 @NONNA
07 dic - Vai alla news »
Enciclopedia Treccani: Xenofobia (da ξέν&# 959;Ϛ, straniero, e ϕόβ&# 959;Ϛ, paura) significa paura d
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...