Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Martedì 06 Dicembre 2016 - Ore 06:57


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
L'OPINIONE
Bragaglio

Sulla Tintoretto pericoloso un ribaltone di Pd e centrosinistra

di Claudio Bragaglio* - Non mi sorprende la polemica che sta investendo di nuovo la vicenda della torre Tintoretto. Vorrei ricordarlo, amichevolmente, anche agli esponenti del Centro Destra che lamentano i tre anni persi. Quando fu proprio la Giunta Paroli a dover fare marcia indietro nel 2012 sulla demolizione, da loro inopinatamente improvvisata, fin dall’estate - troppo assolata, direi - del 2008.

Rivedere i complicati “perché” di quella decisione è salutare, anche ora. Per capire questa - per nulla disinteressata – loro insistenza a far sì che gli stessi errori dell’on. Paroli vengano compiuti anche dall’on. Del Bono. Per ritrovarsi nella palude, magari nel bel mezzo delle elezioni del 2018.

Non ritorno sull’impercorribilità economica dell’operazione. L’ho fatto più volte. Mi limito ad alcune considerazioni di “contesto”. Ci troviamo di fronte ad un nuovo “Studio di fattibilità”, degli ormai quattro diversi progetti, predisposti sempre da Investire SGR. Una società che è disinvoltamente passata dalla ristrutturazione della Torre al suo abbattimento. Progetti che peraltro non sono mai stati oggetto d’un vero approfondito confronto, né in sede istituzionale, né in sede politica di maggioranza, né nel PD. Tantomeno in sede specialistica e scientifica.

Quando mesi fa è stata fatta una visita a Milano - parlo ormai del 17 marzo - per esaminare alcune esperienze, vi era un impegno dell’Amministrazione ad aprire un confronto a Brescia. Ma non se n’è fatto nulla. E la stessa discussione, in febbraio, sulla Osservazione alla Variante del PGT e l’abbattimento della Torre, fu di natura tutta politica, ideologica e generica, senza un’adeguata conoscenza, da parte degli stessi Consiglieri, degli Studi di fattibilità. L’Osservazione al PGT, avanzata da Investire SGR, è stata poi opportunamente respinta dall’assessore Tiboni e dal Consiglio.

La demolizione rappresenterebbe per il Centro Sinistra una rischiosa e totale inversione di rotta. La smentita d’un decennio. E su un tema di enorme rilievo, anche per il contesto urbanistico su cui interviene, ed in presenza di altre quattro Torri. Infatti, dalla Giunta Corsini, ai cinque anni di opposizione a Paroli, al Programma e alla Delibera della Giunta Del Bono, del 3.6.15, al rigetto della Osservazione di Investire SGR, vi è sempre stata un’assoluta continuità nel sostenere la “riqualificazione in alternativa alla demolizione”.

Promuovere un “ribaltone” – o, peggio ancora, subire un “ultimatum”, come s’è espresso il presidente Isacchini -significa aprire un rilevante problema politico-amministrativo. Significa azzerare la Deliberazione di Giunta, per una Gara diversa da quella già prevista. Significa riproporre – e come Giunta - la stessa Variante per la Tintoretto che mesi fa essa ha respinto. Significa aprire un diverso iter amministrativo che preveda un azzeramento di fatto di 15 mln di euro del valore periziato da Probrixia per la Tintoretto, la perdita di 190 alloggi di Edilizia pubblica, a favore d’una edilizia privata, in parte convenzionata.

Aggirare questi problemi, o ritenere che la svalutazione della patrimonialità pubblica – come già allora con la Giunta Paroli - non rappresentino un problema d’interesse anche per la Corte dei Conti, mi sembra davvero complicato.

In sostanza vedo praticabili tre diverse ipotesi, basate su analoghi criteri di redditività economica. La prima: realizzare il progetto iniziale di ristrutturazione avanzato dalla stessa Investire SGR. La seconda: ricercare nuovo operatore economico-finanziario, cosa che non è mai stata fatta. Terza: ridimensionare all’essenziale l’intervento riqualificativo della Torre, con un costo più sostenibile che s’aggiri attorno ai 10-12 mln. di euro.

* Ex assessore Comune Brescia



Fonte: Opinione mar 11 ott 2016, ore 19.21
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
Tangerine
(UTENTE NON REGISTRATO)
il sig. Bragaglio purtroppo fa luce sulle carenze di questa amministrazione. Che ci ha detto cose per farne altre. Renzi docet….. e non è un bel veder
ven 14 ott 2016, ore 07.24
Immagine profilo
zitti zitti
(UTENTE NON REGISTRATO)
Zitti zitti senza confronti ecco i ribaltoni si dice una cosa per fare un'altra.
gio 13 ott 2016, ore 20.24
COMMENTO MODERATO
Messaggio cancellato dalla redazione perché conteneva una o più delle seguenti violazioni alla politica del sito. 1) Insulti o volgarità 2) Affermazioni razziste 3) Spam 4) Denial of service 5) Violazione del Copyright 6) Considerazioni che necessitano di approfondimento legale 7) Considerazioni passibili di denuncia verso terzi 8) Utilizzo di nickname con nome e cognome senza registrazione verificata. Invitiamo l'interessato ad attenersi alle regole del buon senso, della netiquette e alle leggi dello Stato. In caso di gravi e/o ripetute violazioni saremo costretti a segnalare l'identificativo della connessione a chi di dovere. Non si aprono dibattiti pubblici sulle cancellazioni. Chi volesse spiegazioni scriva a: info@bsnews.it
mer 12 ott 2016, ore 09.36
Immagine profilo
Claudio Bragaglio
(UTENTE REGISTRATO)
Per quanto riguarda notizie su Investire SGR e sulla Banca Finnat, della famiglia Nattino, che ne detiene la maggioranza assoluta, nonché sulle vicende giudiziarie che l’hanno interessata, basta scorrere Internet e si hanno notizie su varie sue disavventure. Con riferimento poi all’inchiesta sugli affari romani, riguardante il presidente Nattino di Finnat, aperta in Vaticano per riciclaggio, consiglio un’attenta lettura dell’articolo di Andrea Cittadini, uscito proprio oggi sul Giornale di Brescia. Per Cassa Depositi essa dopo la sua riforma in SpA e con la compartecipazione di vari Fondi privati di Investimento (quindi non più solo raccolta di risparmio postale di cittadini) è diventata ormai da anni sempre più un'importante "merchant bank".
mer 12 ott 2016, ore 09.35
Immagine profilo
Chi sono?
(UTENTE NON REGISTRATO)
Ma questo Investire da dove viene fuori? Non si è parlato di Cassa Depositi e prestiti per l'intervento?
mer 12 ott 2016, ore 00.34
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
06:34 @legadovesei?
06 dic - Vai alla news »
mi rivolgo all' amico che per qualunque avvenimento di cronaca nera sempre si firma ."..rolfi la bordonali beccalossi non hanno niente da di
05:00 maria annette
06 dic - Vai alla news »
State pensando di ottenere assistenza finanziaria, se si è in serio bisogno di prestiti urgenti, se state pensando di iniziare la propria at
03:47 marian
06 dic - Vai alla news »
Avete bisogno di un prestito tra privati per far fronte a difficoltà finanziarie e finalmente fuori dell'impasse causata dalle banche per il
00:00 RenatoBS
06 dic - Vai alla news »
18-35 enni generazione dell'usa e getta. Non mi piace il governo? lo butto via e avanti il prossimo. E così all'infinito ogni 12 mesi…"perch
23:43 Eureka !
05 dic - Vai alla news »
Sconfiggere il populismo di destra con uno nuovo di sinistra ? Finalmente capisco come hanno fatto i pentastellati ad essere primi nei cons
23:38 Acli & Belli
05 dic - Vai alla news »
Tosti questi delle ACLI e tosto pure Belli: consigliano ai governi che verranno di riproporre pari pari il percorso pseudo-riformista che ha
23:38 @@@@@@
05 dic - Vai alla news »
bravi continuate a sperare che adesso viene il bello
22:51 @RenatoBS
05 dic - Vai alla news »
Ehi, Renatino, guardi che il 75% dei giovani dai 18 ai 34 anni ha votato NO al referendum (sono stati voti decisivi) perchè tutte le mattine
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...