Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Sabato 03 Dicembre 2016 - Ore 01:21


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
DALLA QUESTURA
espulsi

Espulsi e accompagnati in frontiera quattro stranieri irregolari

Nei giorni scorsi sono stati ulteriormente intensificati i controlli del territorio volti, tra l’altro, al contrasto dell’immigrazione irregolare attraverso un’azione coordinata tra le forze di polizia. Nella sola giornata odi oggi l’Ufficio Immigrazione della Questura, su provvedimenti del Questore, ha espulso edaccompagnato in frontiera, grazie anche al contributo dell’Arma dei Carabinieri, quattro cittadini stranieri irregolari: si tratta di una cittadina ucraina, un cittadino albanese, un cittadino tunisino e di un cittadino marocchino.

In particolare l’albanese è stato rintracciato dal personale della Squadra Volante della Questura mentre si aggirava, di notte, tra le autovetture di sosta in zona stazione: è stato trovato in possesso di strumenti adatti allo scasso, ma nei suoi confronti pendeva già un provvedimento di revoca del permesso di soggiorno per profili di pericolosità sociale, a causa di reati contro il patrimonio. Il marocchino, invece, è stato rintracciato dai Carabinieri di Darfo Boario: aveva ben due condanne per reati inerenti alle sostanze stupefacenti ed estorsione: anch’egli era destinatario del provvedimento di revoca del permesso di soggiorno con espulsione immediata. Da ultimo, i Carabinieri di Cologne Bresciano hanno individuato un tunisino con diversi precedenti penali per stupefacenti, per aver prodotto documenti con una ditta fittizia e sottoposto a misura di prevenzione del divieto di ritorno in diversi comuni della Bassa Bresciana: il Questore gli ha revocato il soggiorno ed è stato avviato immediatamente al rimpatrio. 

Grazie ad una maggiore sinergia tra le forze dell’ordine, da inizio anno sono state allontanate dalla provincia circa 270 persone, con un raddoppio delle esecuzioni rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.  



Fonte: Comunicato stampa mar 18 ott 2016, ore 14.54
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
a 13.52
(UTENTE NON REGISTRATO)
La guerra tra poveri la sta generando questo Governo, sordo alle tante lamentele della gente, che ormai non ne possono piu' di vedere privilegiati in modo indegno chi commette il reato di entrare in Italia clandestinamente sottovalutando la pericolosità che questo comporta e non rispettando le leggi, quelle poi che riguardano l'iimmigrazione e i privilegi connessi all'immigrazione sono tutte in dubbio di costituzionalità e discriminatorie nei nostri confronti, ossia dei cittadini italiani ai quali la Costituzione riserva privilegi maggiori rispetto a chi cittadino non è. Rimpatriare i clandestini è un obbligo di legge previsto anche da direttive europee la 2008/115/CE e per poter rimpatriare l'Europa ha persino previsto un Fondo rimpatri, ma naturalmente nessuno ha preteso di attivarlo Europa, come i voli congiunti di clandestini da 2 o piu' Stati Membri. Dovremmo fare una bella Class Action alla Corte Africana dei diritti dell'Uomo contro l'Unione Africana e gli Stati che hanno ratificato la Convenzione di Ginevra del 1951 e la Convenzione Africana Rifugiati per farci restituire il costo ingiusto che i cittadini italiani sono costretti a pagare con le loro tasse per dei clandestini e dei profughi che dovrebbero tutelare e proteggere gli Stati Africani e l'Unione Africana. Lo potrebbe fare l'UNHCR, una bella denuncia all'Africa uguale a quella che ha fatto alla Corte Europea Diritti dell'Uomo nei confronti dei respingimenti in Libia contro l'Italia. Ma non lo farà mai perchè in Africa anche l'ONU dovrebbe aiutare l'Unione Africana a trovare asilo agli africani in Africa e ne rimarrebbe coinvolta!!!
dom 23 ott 2016, ore 15.52
Immagine profilo
nessuno
(UTENTE NON REGISTRATO)
ci scanniamo tra poveri diavoli,sarebbe ora di cambiare metodo
dom 23 ott 2016, ore 13.52
Immagine profilo
gigi
(UTENTE NON REGISTRATO)
magari! VENISSERO ESPULSI DAVVERO !!!
dom 23 ott 2016, ore 13.37
Immagine profilo
a 16.51
(UTENTE NON REGISTRATO)
Aspettavo però una risposta o questa volta non c'è bisogno di portarmi alla ragione perchè forse un po' di ragione ce l'ho?
sab 22 ott 2016, ore 20.25
Immagine profilo
brava nonna
(UTENTE NON REGISTRATO)
Brava signora, si ricordi il nipotino e l'amico. Buona passeggiata.
sab 22 ott 2016, ore 16.51
Immagine profilo
a 11.27
(UTENTE NON REGISTRATO)
Dimenticavo di dirti di stare tranquillo, tra un po' esco.
sab 22 ott 2016, ore 13.44
Immagine profilo
a 11.27
(UTENTE NON REGISTRATO)
Io non ho studi di legge, ma da quando siamo discriminati da questa invasione e rischiamo la sottomissione all'ISLAM il mio hobby è diventato leggere le leggi e le sentenze. La Corte Costituzionale ha stabilito che il reato di clandestinità della Bossi-Fini è costituzionale con sentenza 250/2010. Perciò se Il clandestino non può essere messo in carcere penso che espellerlo, quello si' che puo' essere fatto no? Poi il ricorso il clandestino lo presenterà dal suo Paese o no?. Visto che le leggi europee vanno rispettate l'art. 13 della convenzione di schengen 562/2006 prevede che il ricorso non sospende l'espulsione. O sbaglio anche questa volta.? o dobbiamo sperare che qualche clandestino si rivolga alla CORTE EUROPEA COME NEL CASO DI EL DRIDI CHE DOVEVA LASCIARE L'iTALIA NEL 2004 E NEL 2010 ERA ANCORA QUI E PER QUESTO è STATO MESSO IN CARCERE, ma la Corte Europea ha ordinato alla Magistratura di disapplicare il carcere, perchè non puo' essere messo in carcere chi non ha lasciato il Paese per incapacità dello Stato di rendere effettivo il respingimento, gli Stati Membri devono continuare a rendere effettivo il rimpatrio. Perciò dovere dello Stato verso i propri cittadini e l'Europa è quello di rendere effettivo il respingimento di clandestini e se le norme europee hanno il potere di disapplicare quelle italiane l'art.13 del trattato di Schengen 562/2006 prevede all'art.13 che debbano essere respinti dallo Stato i cittadini di paesi terzi che non soddisfino le condizioni di ingresso previste dall'art. 5. Al punto 3 di questo art. 13 indica che l'avvio del procedimento di impugnazione non ha effetto sospensivo sul provvedimento di respingimento. Percio' io lo interpreto che il clandestino deve essere respinto e se vuole fare il ricorso lo farà poi dal suo Paese a spese sue e non a spese nostre, o sbaglio?
sab 22 ott 2016, ore 13.39
Immagine profilo
A 9.56
(UTENTE NON REGISTRATO)
Purtroppo la sto ancora leggendo sperando inutilmente di riportarla alla ragione. Anzi, di invitarla almeno a capire quello che legge. La CONVENZIONE EUROPEA da lei citata dice che ogni persona ha diritto alla libertà e alla sicurezza. Nessuno può essere privato della libertà, salvo che in alcuni casi e nei MODI PRESCRITTI DALLA LEGGE. Questo particolare forse le e` sfuggito: NEI MODI PRESCRITTI DALLA LEGGE. E la legge italiana (coniata dai LEGABERLUSCONES nel 2009) dice che l'immigrazione irregolare (clandestina) e` solo un reato contravvenzionale, punito con la sola pena pecuniaria, per il quale, di conseguenza, non è possibile l’adozione di forme limitative della libertà personale, quali l’arresto o il fermo di polizia. Lo straniero che entra o soggiorna illegalmente in Italia non può quindi essere arrestato, viene denunciato a “piede libero” e processato mesi o anni dopo, normalmente in contumacia. La condanna non viene mai eseguita perché lo straniero irregolare – proprio perché privo di permesso di soggiorno – non può avere un conto corrente, né un lavoro regolare, né essere titolare di un immobile. Quindi, le pene pecuniarie irrogate restano senza alcun effetto. Il processo è invece oneroso per lo Stato, sia in termini di personale occupato sia perché lo straniero deve avere un difensore e, poiché è privo di reddito, può essere ammesso al patrocinio a spese dello Stato. Quindi se la prenda con i suoi incapaci amici leghisti. E...porti a prendere un gelato il suo nipotino e il suo amichetto di colore. La stanno ancora aspettando.
sab 22 ott 2016, ore 11.27
Immagine profilo
a 9.22
(UTENTE NON REGISTRATO)
A quanto pare tu mi leggi eccome. Se vai a leggere la convenzione europea dei diritti dell'uomo all'art. 5 punto f) prevede che ogni persona abbia diritto si' alla libertà, ma anche alla sicurezza e per questo indica che la libertà puo' essere privata in alcuni casi e tra questi casi al punto f) viene citato arresto e detenzione se si tratta di una persona per impedirle di entrare illegalmente in un territorio. In questo punto non fa distinzioni e non prevede privilegi verso i profughi o i richiedenti asilo, per questo sostengo che per nessuno secondo la Convenzione Europea dei diritti dell'uomo è prevista la libertòà di penetrare illegalmente in un territorio. Anzi leggo adesso che cita anche persone verso le quali è in atto un procedimento di espulsione o estradizione. Quindi anche chi ha in mano un decreto di espulsione non è poi tanto corretto venga lasciato libero!! Troverò poi la sentenza della Cassazione in cui è stabilito esattamente cosa significa odiare, che se non ricordo male significa augurare la morte a qualcuno. Se c'è chi augura la morte fino a prova contraria sono i versetti de Corano che è incomprensibile come si possa definirli una libertà di religione.
sab 22 ott 2016, ore 09.56
Immagine profilo
IO ODIO
(UTENTE NON REGISTRATO)
Nessuno legge piu` gli SPROLOQUI di questa signora, ma, purtroppo, mi e` sfuggito l'occhio su un solo punto: la signora dice: "una violazione dei diritti dell'uomo che (udite...udite) NON PREVEDE LA LIBERTA` PER NESSUNO". Ha detto proprio cosi`: i diritti dell'uomo non prevedono la liberta` per nessuno (!?!?!?). Non ci sarebbe bisogno di aggiungere altro ma, anche se sara` inutile, la invito a leggererseli questi DIRITTI UNIVERSALI DELL'UOMO. Eccoli: ONU: DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO. "Articol o 1: Tutti gli esseri umani nascono liberi e uguali in dignità e diritti. Sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire in uno spirito di fraternità vicendevole. Articolo 2: Ognuno può valersi di tutti i diritti e di tutte le libertà proclamate nella presente dichiarazione, senza alcuna distinzione di razza, di colore, di sesso, di lingua, di religione, d'opinione politica e di qualsiasi altra opinione, d'origine nazionale o sociale, che derivi da fortuna, nascita o da qualsiasi altra situazione. Inoltre non si farà alcuna distinzione basata sullo statuto politico, amministrativo o internazionale del paese o del territorio a cui una persona appartiene, sia detto territorio indipendente, sotto tutela o non autonomo, o subisca qualunque altra limitazione di sovranità". Signora, vada a fare un giro e si porti il nipotino, gli compri un bel gelato e ne compri un altro al suo amichetto con la pelle piu' scura. Se non gli avra' gia' inculcato il suo odio vedra` i due bimbi socializzare e ridere felici.
sab 22 ott 2016, ore 09.22
Immagine profilo
a 8.39
(UTENTE NON REGISTRATO)
Ma come non l'hai visto ieri alla manifestazione a Roma trasmessa in TV una musulmana col volto coperto da un velo bianco? Segno evidente che possono ancora circolare liberamente pur avendole la Corte Europea dei diritti dell'uomo definiti lesivi dei nostri diritti umani ne libertà, oltre che dei valori minimi di uno Stato democraticoi? Certo che lo so che non mi ascolta nessuno, per questo insisto, so che quello che dico è supportato da leggi o sentenze. Certo cosa ci si puo' aspettare se anche la Bonino che era contro i burqa va in TV giustificare l'invasione e non parla di questa evidente sentenza che definisce i burqa lesivi? E nemmeno la Boldrini sulla violenza sulle donne si è pronunciata in tal senso. Ormai non siamo piu' in una democrazia. Ma visto che i miei nonni e i miei genitori hanno fatto la guerra per consegnarcela questa democrazia, almeno nell'unico modo possibile che è la manifestazione del mio pensiero, io cerco di difenderla questa democrazia anche se so già che è già quasi nelle mani di una teocrazia islamica.
sab 22 ott 2016, ore 09.19
Immagine profilo
IO ODIO
(UTENTE NON REGISTRATO)
La scatenata "SIGNORA DELL'ODIO" e` ormai incontenibile. Continua a snocciolate il solito "MARE DI SCIOCCHEZZE" e non si e` ancora accorta che non le legge piu` nessuno. Dia retta a me signora: vada a farsi una passeggiata, queste giornate sono limpide, non le sprechi tutte davanti al tablet. Stia tranquilla, non incontrera' alcun BURQA.
sab 22 ott 2016, ore 08.39
Immagine profilo
INCREDIBILE
(UTENTE NON REGISTRATO)
C'è da chiedersi quando sia costituzionale una legge italiana ed europea che considera i richiedenti asilo un sorta di persone privilegiate con diritti alla libera circolazione, al mantenimento, quando in realtà altro non sono fino a che non sono state accertate con certezza le generalità, emeriti sconosciuti che possono raccontare di essere ciò che non sono e le bugie che vogliono, che possono essere terroristi. o criminali, o malati di mente ma soprattutto sono clandestini che arrivano nel nostro Paese violando le regole e ancor peggio a costoro pare si conceda la residenza e la carta d'identità? Oltre che incostituzionale un tale privilegio pare discriminatorio verso il popolo italiano ma ancor piu' una violazione dei diritti dell'uomo che non prevede la libertà per nessuno, nemmeno per i richiedenti asilo di penetrare irregolarmente in uno Stato art.5 punto f) convenzione europea diritti dell'uomo. Sarebbe nostro diritto democratico chiedere a chi ci governa di cambiare queste leggi che ci calpestano e creano dei privilegi verso chi ci invade non previsti dalla Costituzione o no?
sab 22 ott 2016, ore 07.30
Immagine profilo
INCREDIBILE
(UTENTE NON REGISTRATO)
Ne hanno salvati altri 3300 che naturalmente portano tutti in Italia anzichè riportarli in Africa da dove sono partiti. E i Prefetti li dovranno distribuire nelle case, Hotel e Comuni vari, contro la volontà della gente, contro la volontà dei Sindaci che le giuste lamentele della gente discriminata dal razzismo al contrario che subiscono visti i privilegi che si riservano a questi clandestini che dovrebbero essere rimpatriati per direttissima. Ma in quale punto la nostra legge prevede che i Prefetti possano distribuirli in case private o in cooperative? Non ho ancora trovato questo punto della legge. Risulta però che i clandestini e i richiedenti asilo possano essere collocati solo in centri appositi fino a che non è accertata la loro identità e in caso non abbiano diritto lo Stato italiano debba rispettare la direttiva rimpatri 2008/115/ce che ha lo scopo di rendere effettivo il rimpatrio di irregolari dai territori degli Stati Membri consentendo anche di attingere al Fondo Europeo Rimpatri. Cosa è andato a Fare Renzi in Europa? Non certo a difendere gli italiani altrimenti avrebbe chiesto all'Europa di attivare Frontex anche per quel che riguarda i rimpatri oltre che per aiutarci a difendere i confini esterni e non far scaricare nessuno nelle coste europee, ed avrebbe dovuto chiedere di attivare anche il Fondo Europeo Rimpatri cosa che non sembra abbia fatto e nemmeno voglia fare. E l'opposizione ora che avrebbe motivo di opporsi tace,tace,tace.
sab 22 ott 2016, ore 06.13
Immagine profilo
a 18.02
(UTENTE NON REGISTRATO)
Guarda che io non odio nessuno, ad istigare all\'odio sono semmai i tanti versetti contenuti nel Corano che valgono per tutti i musulmani e dai quali nessuno ha ancora preso le distanze. Ripeto la stessa filastrocca perchè sono tutti ciechi, sordi e muti, oppure tacciono per non pagare dazio, maè evidente che nessuno è in grado di distinguere chi sia musulmano moderato e chi non lo è, e nonostante questo anzichè essere prudenti nel concedere asilo e cittadinanza si fa finta di nulla e si elargisce tutto quanto è possibile. Cii facciamo invadere senza fiatare ed è evidente che il vero razzismo e discriminazione è quella che stiamo subendo noi italiani non solo dal punto di vista morale ma anche economico visto che la cifra che ci dà l\'Europa è ben poca cosa rispetto ai 4 miliardi annui che gravano sulle nostre tasche pro-immigrazione. E\' solo questione di giustizia.
ven 21 ott 2016, ore 19.06
Immagine profilo
IO ODIO
(UTENTE NON REGISTRATO)
ODIO FEROCE E IGNORANZA. Chiamiamolo razzismo che facciamo prima. Ancora una volta si fa di ogni erba un fascio, si generalizza un tanto al chilo. Uno squilibrato ha tentato una strage e si accusano tutti i siriani di terrorismo. Sarebbe come dire, dopo il recente orribile episodio di un padre bresciano che ha violentato per anni la sua figlioletta, che i bresciani sono tutti pedofili incestuosi. Poi c'e' la solita nenia dell'infaticabile signora che una volta si firmava "ASSURDO", che non si ferma davanti a nulla e nonostante l'abbiano sbugiardata innumerevoli volte, continua a ripetere la solita storiella da un anno. Quando si e` accecati da un odio senza confini non si vede e si nnon sente piu' nulla, meglio, non si vuole piu` vedere ne` sentire altro, come la famosa scimmietta.
ven 21 ott 2016, ore 18.02
Immagine profilo
IPOCRISIA
(UTENTE NON REGISTRATO)
Anche i politici la verità proprio non la vogliono dire. Appena adesso hanno fatto vedere in TV su LA7 la manifestazione sulla chiusura delle Moschee abusive a Roma, e i politici come per il diritto di asilo che sostengono sia obbligatorio per chi scappa dalla guerra mentre l'America ha votato di non volere siriani sul proprio territorio a dimostrazione che non esiste obbligo di asilo nel diritto internazionale, a dire che il diritto e la libertà di religione è garantito anche dalla Costituzione. Ma come si puo' SOSTENERE che gli islamici abbiano diritto di pregare il versetto del Corano in cui c'è scritto "Getterò il terrore nel cuore dei miscredenti, colpiteli tra capo e collo.. Non siete certo voi che li avete uccisi .. è Allah che li ha uccisi" che è un chiaro invito all'odio e alla morte. Quanta ipocrisia nei nostri politici che ci vogliono sottomettere all'ISLAM tutti quanti, e c'erano il PD, la Lega, Forza Italia e NCD. Siamo proprio messi male, eppure come per il burqa per il quale la Corte Europea ha stabilito che lede i valori minimi di uno stato democratico anche questi versetti che ci definiscono noi occidentali miscredenti o infedeli da eliminare, dovrebbero essere parimenti lesivi dei valori minimi di uno Stato Democratico e valutati prima di rendere libere le Moschee e questa religione, altro che libertà di religione. Come puo' essere concessa libertà di insegnare che siamo da eliminare!!!! Pazzesco. Davvero una classe politica deludente che ci porterà alla sottomissione rapida.
ven 21 ott 2016, ore 15.50
Immagine profilo
a 13.21
(UTENTE NON REGISTRATO)
Mi sembra però che la vera grande lotta da secoli nel mondo islamico sia da attribuire all'odio mai sopito fra gli islamici sunniti e gli sciiti, divisi da secoli per ragioni di Corano e Maometto. Queste lotte precedono di secoli l'intervento delle potenze occidentali nelle loro terre. Questo odio era già innato. Se poi pensi che un siriano che aveva ricevuto asilo in Germania stava preparando un attentato, bel modo di ringraziare il Paese che lo aveva accolto e lo stava mantenendo. E' poi passata nel silenzio anche l'esplosione che è avvenuto nelle due fabbriche tedesche a breve distanza. Si è poi capito se sia stato un incidente oppure un altro attentato terroristico. Tutti zitti, gatta ci cova.
ven 21 ott 2016, ore 14.24
Immagine profilo
ODIO
(UTENTE NON REGISTRATO)
Se la signora non ha capito perche` i siriani sono in guerra, prima di dire cose non vere dovrebbe informarsi. Certo che i diffamatori Belpietro-Feltri-Sal lusti la verita` non gliela diranno mai, o meglio, le diranno solo quella che a loro fa comodo. L'altra di verita`, o la terranno nascosta o la cambieranno. E, purtroppo, come vedo, le hanno detto che la colpa e' del corano. Il corano non c'entra nulla. La verita' che le hanno nascosto e' la seguente: quando una regione come il Medioriente è stata tenuta per un secolo nella repressione e nella miseria, nella guerra e nelle stragi, a causa sia degli interessi occidentali sia degli interessi di altre potenze; che quando una regione come il Medioriente è stata per decenni affidata da USA, Gran Bretagna e Francia a dittatori abominevoli e sanguinari che però erano i pupazzi di noi occidentali, ma che hanno trattato i propri soggetti con una brutalità da medioevo… non si può oggi pretendere di trovarsi con un bel lenzuolo diviso chiaramente fra ‘buoni’ e ‘cattivi’ su cui fare scelte. E non si può pretendere che in due minuti questo caos mortale che è il Medioriente si trasformi a colpi di bombe in una democrazia svedese.
ven 21 ott 2016, ore 13.21
Immagine profilo
a 11.56
(UTENTE NON REGISTRATO)
Ma quelli che arrivano da noi provengono tutti dall'Africa che non confina con noi e quindi in base alla Convenzione di Ginevra del 1951 che solo 2 stati africani non hanno ratificato, possono andare clandestinamente solo nel Paese confinante senza essere puniti per l'ingresso illegale e da li' possono andare in altri Paesi solo se chiedono l'autorizzazione. Perciò nessun Africano potrebbe arrivare clandestinamente da noi ma solo se prima chiede l'autorizzazione. Anche i Siriani che sono in guerra e io non ho capito ancora perchè, forse a causa del loro Corano che insegna ad odiare, possono andare clandestinamente nei Paesi vicini, secondo il diritto internazionale e non come hanno fatti raggiungere l'Europa che non confina con la Siria. Perciò quelli che arrivavano dalla Turchia in Grecia, la Grecia avrebbe avuto il diritto di rimandarli in Turchia che secondo la Convenzione di Ginevra del 1951 è Paese confinante alla Siria. Comunque questa regola sull'asilo andrebbe rivista immediatamente perchè sarebbe doveroso che il diritto all'asilo e alla protezione internazionale venisse esercitato in campi ONU E A SPESE INTERNAZIONALI, UNICO MODO PER TUTELARE CHI SCAPPA DALLA GUERRA MA ANCHE I DIRITTI DI CHI NON E' GIUSTO VENGA INVASO E PER GIUNTA VEDERSI COSTRETTO A MANTENERE POPOLI CHE SI VOGLIONO FARE LA GUERRA ANCHE PER MOTIVI ANCHE RELIGIOSI. Questa legge poteva andar bene nel 1951, ma non certo oggi che ne stiamo subendo le conseguenze sia per l'insicurezza che economiche. La furba America ha fatto prima, i siriani non li vuole nel proprio territorio e nessuno fa sentire la propria voce, mentre si grida allo scandalo per i muri che giustamente tanti Paesi Europei alzano per proteggere i propri cittadini. A casa i clandestini e in campi ONU nei loro continenti i profughi o falsi tali, cosi' si risolve una volta per tutte questa invasione vergognosa e ingiusta. E l'ONU che ha 2 compiti importanti, quello di verificare che la Convenzione di Ginevra del 1951 venga rispettata anche in Africa quindi dove solo 2 stati non l'hanno ratificata e anche il compito di aiutare con l'Unione Africana a trovare asilo agli africana in Africa come prevede la Carta aFRICANA rIFUGIATI, non ci ha ancora spiegato come mai non si è ancora attivata per risolvere questi problemi di sua competenza!!!???
ven 21 ott 2016, ore 12.42
Immagine profilo
@ASSURDO
(UTENTE NON REGISTRATO)
Non scappano da nessuna guerra? Io mi vergognerei. SIRIA: I NUMERI DELLA TRAGEDIA: Dopo cinque anni di guerra le vittime sono ormai 270mila, tra cui moltissimi civili. Nelle zone rurali a nord di Homs e ad Aleppo, 500mila persone sono bloccate tra fronti di combattimento attivi. Due milioni di persone vivono in aree controllate dall’Isis. Quasi 5 milioni i rifugiati e 7 milioni gli sfollati interni. Almeno 250mila bambini vivono nelle aree assediate della Siria, il 46,6% delle vittime in queste zone sono bambini al di sotto dei 14 anni. Secondo un rapporto della Ong “Save the children”, negli ultimi quattro anni una scuola su quattro è stata attaccata (per un totale di 4mila scuole attaccate) e un insegnante su cinque è stato ucciso. Sono 2,8 milioni i bambini che non vanno a scuola, eppure prima del conflitto la Siria aveva un tasso di iscrizione a scuola del 99 per cento. Sempre secondo “Save the children” meno dell'1% della popolazione delle aree assediate riceve aiuti alimentari dalle Nazioni Unite e solo il 3% ha ricevuto assistenza sanitaria. «A dicembre dello scorso anno gli unici aiuti che le Nazioni Unite sono state in grado di consegnare sono stati libri di testo per 2.661 bambini. L'ingresso alle aree assediate dopo il via libera del febbraio 2016 ha consentito alle popolazioni di ricevere solo una piccola parte degli aiuti di cui avrebbero bisogno, poiché di fatto alcune medicine vitali, carburante e alimenti ad alto contenuto nutrizionale non possono ancora entrare con i convogli».
ven 21 ott 2016, ore 11.55
Immagine profilo
a 9.52
(UTENTE NON REGISTRATO)
Il principale problema è il lavoro che una certa politica aiutata da ambientalisti ed ecologisti hanno contribuito a far scappare disintegrando il nostro tessuto produttivo. La conseguenza è che di lavoro non ce n'è piu' nemmeno per gli italiani quindi questi baldi giovani che non scappano da nessuna guerra ma che sono molto ben informati ed aiutati a venire a farsi mantenere in Italia per una bella vacanza pagata dagli italiani, soprattutto pesando sulle tasse dei poveri pensionati al minimo, se ne dovrebbero tornare con l'aiuto del Fondo Europeo Rimpatri e la direttiva rimpatri 2008/115/CE, nei loro Paesi e rimboccarsi le maniche, dato che l'Africa è un continente ricco e potrebbe diventare un giardino rigoglioso se solo lo volessero. Dove è scritto poi che noi dobbiamo subire le conseguenze delle guerre fratricide tra sunniti e sciiti, che fatichiamo a capire in cosa consistano , e farci islamizzare, perchè è quello che ci succederà con le cittadinanze facili come lo IUS SOLI e l'asilo, e la Francia e il Belgio lo dimostrano ampiamente. Senza poi considerare che è indigeribile aver concesso protezione sussidiaria a un presunto Jhadista a Merano e in Germania poi hanno nientemeno concesso asilo a un terrorista arrivato dalla Siria. E in questa situazione drammatica noi facciamo ancora i buonisti accoglienti, mentre il Congresso Americano ha votato di non volere Siriani sul proprio territorio a dimostrazione che non esiste obbligo di asilo a livello internazionale? In Europa si dovrebbero semmai eliminare quelle protezioni sussidiarie e umanitarie che non esistono nel diritto internazionale che anch'esse causano invasione e prevedere il diritto di asilo in campi ONU ognuno nei propri continenti. Sarebbe ora che qualcuno ci chiarisse come deve essere inteso il diritto di asilo previsto dalla Costituzione che prevale sia sui trattati europei che su quelli internazionali, perchè non è accettabile che la nostra costituzione preveda la lacuna di invaderci clandestinamente e da chi possa pretendere un mantenimento che noi italiani non abbiamo, come sta avvenendo adesso e che viene percepito come una discriminazione verso di noi e un privilegio verso gli invasori che lede il principio di uguaglianza di cui all'art. 3 costituzione. Non sembra nemmeno che nessuna legge preveda che i richiedenti asilo e men che meno i clandestini possano essere collocati in Hotel o case del Comune o case private, ma solo in centri di accoglienza dai quali però non dovrebbero nemmeno uscire fino a che non è accertato chi siano.!?! Quanto alla mafia è demoralizzante che con le intercettazioni telefoiniche con cui hanno dimostrato di poter facilmente distruggere le persone, non siano riusciti a debellare la mafia e la criminalità . O è un fallimento della cosiddetta intelligence o non la si vuole eliminare come del resto non sembra si voglia risolvere l'immigrazione illegale. I mafiosi poi dove li trovano? Tutti a casa loro, nascosti sotto terra come talpe.
ven 21 ott 2016, ore 11.37
Immagine profilo
@ASSURDO
(UTENTE NON REGISTRATO)
Abbiamo una lentezza burocratica, una pressione fiscale altissima e delle infrastrutture così antiquate che teniamo lontani gli investitori esteri. Tutto questo è causato da anni e anni, decenni di cattiva gestione politica del paese, a tanti anni di cattiva autogestione. Sono questi i problemi principali che fanno sprofondare l’Italia nella crisi e non l’arrivo di immigrati. Ci siamo distrutti con le nostre mani e ora stiamo addossando le colpe a delle persone che vivono situazioni più disperate delle nostre. Tutto questo è funzionale a chi vuole sfruttare la guerra tra poveri per avere dei tornaconti personali. Possiamo discutere sui rischi derivanti dal terrorismo, sul come aiutare questi migranti e dove, ma non possiamo accettare che gli immigrati vengano spacciati per dei terroristi che campano sulle nostre spalle, non possiamo abbassare la testa quando sentiamo dire che il principale problema degli italiani è rappresentato dall’immigrazione. Secondo la signora che una volta di firmava ASSURDO, non accogliendo più gli immigrati gli italiani usciranno dalla crisi, la criminalità sparirà dalle nostre strade e quel cancro della mafia non sarà più presente nel nostro tessuto sociale?
ven 21 ott 2016, ore 09.52
Immagine profilo
IPOCRISIA
(UTENTE NON REGISTRATO)
Non si è ancora capito bene ma Renzi ha preso un bel no in Europa sulla distribuzione dei clandestini?? Meno male speriamo sia la volta buona che rispetti i diritti dei cittadini italiani e cominci a rimpatriare questa marea di furbi del mondo ma anche di profughi che hanno diritto di andare clandestinamente solo nel porimoPaese vicino e non dove pare a loro come prevede l'art.31 della Convenzione di Ginevra del 1951. In Europa Renzi dovrebbe attivare la direttiva rimpatri 2008/115/CE che prevede voli congiunti di clandestini da piu' stati membri e anche un Fondo Europeo per rimpatriare i clandestini. Poi ci dovrebbe spiegare perchè non pretende dall'ONU e dall'UNIONE africana DI SPIEGARCI COME MAI NON OTTEMPERANO AI PROPRI DOVERI DI TROVARE ASILO AGLI aFRICANI IN aFRICA COME prevede la Carta Africana Rifugiati depositata alle Nazioni Unite, anzi potrebbe interpellare le Nazioni Unite per sapere se sono previste sanzioni per l'organizzazione che si occupa di rifugiati e che non li protegge in Africa come dovrebbe e sembra quasi ce li voglia mandare tutti in Europa. Anche stamattina si scandalizzano per i muri europei e non dicono nulla che lìAmerica ha votato di non volere siriani sul proprio territorio a dimostrazione che non esiste obbligo di asilo internazionale!!! Quanta ipocrisia
ven 21 ott 2016, ore 09.43
Immagine profilo
a 20.27
(UTENTE NON REGISTRATO)
Li sentiamo tutti i giorni in TV gli esperti, sociologi, psicologi. esperti di immigrazione, tutti a favore di questa invasione e che tralasciano un fatto importante il rispetto delle leggi e della Costituzione. Ci sono sentenze che dichiarano che lo Stato non puo' abdicare al compito ineludibile di presidiare le proprie frontiere e che le regole per una corretta immigrazione e adeguata accoglienza vanno rispettate e non eluse. C'è una sentenza che dichiara che il reato di clandestinità è costituzionale perchè posto a difesa di valori di rango costituzionale come la difesa dei confini, sicurezza, sanità e ordine pubblico, ecc. e nessuno ci spiega perchè non viene applicato a chi sbarca irregolarmente se come è stato dichiarato dal 2013 ad oggi sono arrivate in Italia 512mila persone e di queste solo 260mila hanno avanzato richiesta di asilo, perchè alle altre non è stato applicato il reato di clandestinità eds il relativo rimpatrio anche attraverso i consolati e le Ambasciate l'ONU e l'Unione Africana. C'0è poi una sentenza della Corte Europea che ordina ai Magistrati di disapplicare il carcere per i clandstini che con foglio di rimpatrio in mano vengono scoperti di non aver lasciato l'Italia, perchè metterli in carcere compromette la realizzazione dell'obiettivo perseguito dalla direttiva rimpatri 2008/115/CE ossia l'instaurazione di una politica efficace di allontanamento e di rimpatrio dei cittadini dei Paesi Terzi il cui soggiorno sia irregolare. Gli Stati Membri devono invece continuare ad adoperarsi per dare esecuzione alla decisione di rimpatrio che continua a produrre i suoi effetti. Quindi non solo non vengono rispettate le leggi e le sentenze italiane ma nemmeno le direttive europee, tra le quali oltre a Schengen, quella sui rimpatri la 2008/115/CE. Rimpatriare i clandestini, oltre che ai terroristi e criminali è un dovere che gli Stati Membri hanno verso tutti i propri cittadini. Quanti di questi 250mila che non hanno fatto domanda di asilo sono stati rimpatriati? Le ultime navi poi arrivano dalla Tunisia ed è una vergogna che non vengano riportati in Tunisia che sono obbligati a riprenderli. E' solo ignoranza delle leggi o come viene il dubbio che sia è tutto programmato a tavolino. In questi giorni non lo dicono ma sembra ne siano arrivati altri 12000?
ven 21 ott 2016, ore 09.33
Immagine profilo
@mvb+13,47
(UTENTE NON REGISTRATO)
Altre sciocchezze: sia il Comitato scientifico che lo staff dei ricercatori del CERP sono formati da insigni studiosi di universita' italiane e straniere. Il Cerp di Torino e' riconosciuto come un'eccellenza in campo internazionale. Per 13,47: Il sistema di accoglienza ordinario incide in modo molto limitato sul complesso della spesa pubblica nel nostro paese. Facendo un rapporto tra quanto viene speso annualmente per le politiche di accoglienza e inclusione sociale e gli ultimi dati ISTAT disponibili sulla spesa pubblica al netto degli interessi per l’anno 2011, che è pari a 719 miliardi e 746 milioni, si ottiene un valore pari allo 0,017%. E’ questa la percentuale della spesa pubblica destinata all’accoglienza e all’inclusione dei cittadini di origine straniera. Le politiche di accoglienza, di inclusione sociale dei migranti, dei richiedenti asilo e dei rifugiati sono evidentemente lasciate in secondo piano nell’agenda politica nazionale.
gio 20 ott 2016, ore 20.27
Immagine profilo
mvb
(UTENTE NON REGISTRATO)
Compagnia di San Paolo che fra i suoi presidenti ha avuto Chiamparino (sindaco di Torino e governatore del Piemonte P.D.), come Vicepresidente la signora Elsa Fornero. Adesso ha tutti personaggi nominati da Fassino (P.D.), appena prima di mollare la poltrona da sindaco. Si conferma quanto ho scritto. Studi foraggiati da chi sui clandestini ci guadagna!!
gio 20 ott 2016, ore 14.26
Immagine profilo
a 9.40
(UTENTE NON REGISTRATO)
Oggi su un giornale è scritto a lettere cubitali che i profughi ci sono già costati 12 miliardi e i tanto sbandierati fondi europei sono di 110milioni l'anno. I buonisti, quelli che sostenevano che gli invasori venivano mantenuti con soldi europei non ci hanno raccontato la verità, li stiamo vergognosamente mantenendo noi italiani a nostre spese, anche dei poveri pensionati al minimo questi baldi giovani che peraltro non scappano da nessuna guerra. Oggi peraltro si andrà in Europa non per attivare il Fondo Europeo Rimpatri o voli congiunti europei da 2 o piu' stati membri, come prevede la direttiva europea 2008/115/CE, bensi' la possibilità di non mettere a bilancio le spese per gli invasori, quindi per fare una sorta di bilancio falso. E tacciono persino i 5 Stelle che invece erano i paladini degli evasori fiscali. Cosa stanno facendo i parlamentari 5 stelle in Europa se nemmeno citano mai le direttive che andrebbero a nostra tutela come quella sui rimpatri?
gio 20 ott 2016, ore 13.47
Immagine profilo
@mvb
(UTENTE NON REGISTRATO)
Quante sciocchezze! ll CeRP è nato nel 1999 dalla collaborazione tra l’Università di Torino e la Compagnia di San Paolo. Il centro è il primo in Italia (e uno dei primi in Europa) specificamente dedicato allo studio dell’economia delle pensioni e dell’invecchiamento. Il Comitato Scientifico è composto da studiosi di Università italiane e straniere. Vi operano ricercatori junior e senior, a cui si aggiungono visiting fellows provenienti da altri istituti di ricerca.
gio 20 ott 2016, ore 11.51
Immagine profilo
mvb
(UTENTE NON REGISTRATO)
Ma non l'avete ancora capito che questi studi sono commissionati ad arte da chi sui clandestini ci lucra? Se la sanità costa 114 miliardi, e gli stranieri sono il % della popolazione, vuol dire che 10 miliardi sono un costo attribuibile a loro, non i 2 sbandierati da tanti pseudo-studi. E sto ancora stretto visto che ai pronto soccorso vi canno per ogni scemata. Se gli studenti stranieri sono il 15% del totale, il 15% dei costi per l'istruzione va attribuito a loro!!! Idem sui costi di funzionamento dello Stato, Regioni, Province, Comuni. Ergo. Da conteggi che ho fatto su ogni singola voce della spesa pubblica italiana emerge che l'immigrazione costa circa 22 miliardi annui - l'1,3% del PIL. Del resto, da quanto l'Italia è diventato un paese di immigrazione (e senza trascurare l'effetto euro), il tasso di crescita si è quasi azzerato. E non va molto meglio nel resto dell'Europa.
gio 20 ott 2016, ore 09.40
Immagine profilo
burqalavoro
(UTENTE NON REGISTRATO)
Ricerca del CERP di Torino sul tema: "flussi di migranti e impatto sul mercato del lavoro dei Paesi ospitanti". I risultati potrebbero stupire qualcuno. Primo: non c’è alcun effetto negativo dovuto alla presenza degli immigrati né sugli stipendi né sul tasso di occupazione degli italiani. Consultando i dati dell’archivio Inps sui lavoratori dipendenti, si evince che «immigrati» e «nativi» non competono per lo stesso tipo di occupazione ma sono in qualche modo complementari. Insomma, il vecchio luogo comune dei «lavori che gli italiani non vogliono più fare» è, semplicemente, una realtà. Il buonismo non c’entra: gli stranieri non ci rubano i posti di lavoro, non sono responsabili del dimagrimento delle nostre buste paga e rispondono a una precisa domanda di lavoro che tra gli italiani non trova risposta. In secondo luogo, si certifica un altro fatto incontrovertibile: il fatto che gli immigrati contribuiscano ai lavori di cura degli anziani ha ridotto in modo decisivo il costo di questi servizi. Con una conseguenza importante: il posticipare la pensione di lavoratrici più o meno vicine all’addio al mondo del lavoro. Insomma: le badanti straniere permettono alle italiane di lavorare più a lungo perché sono loro ad occuparsi degli anziani di famiglia e perché, in termini di costi e diffusione, il servizio statale del welfare nostrano è molto scarso.
gio 20 ott 2016, ore 09.17
Immagine profilo
a 8.23
(UTENTE NON REGISTRATO)
Anche la Bonino è rimasta un po' indietro con le informazioni. Anzi da lei che in passato aveva espresso contrarietà ai burqa, ci saremmo aspettati che rendesse noto che lasciar circolare i burqa e niqab in Italia e in Europa lede i nostri diritti umani e i valori minimi di uno Stato democratico come riporta nero su bianco la sentenza della Corte Europea dei diritti dell'uomo del 2014 verso la Francia, invece anche ieri sera e NEMO su RAI2 , si è espressa solo a favore dei poveri immigrati di cui l'Europa avrebbe tanto bisogno. Se l'Europa ha bisogno di immigrati allora li faccia arrivare secondo le regole previste dalle leggi. L'Italia poi se la nostra Costituzione ha ancora valore non ne dovrebbe far arrivare nemmeno uno fino a che, come prevede l'art. 4, non siano stati collocati prima gli italiani e tolti gli italiani dalla disoccupazione, altro che immigrati!! Ma a quanto pare, al nostro Stato degli italiani non importa nulla visto che tanti italiani vivono nelle macchine senzxa lavoro e le nostre pensioni sono aumentate zero. Gli immigrati possono invece stare tranquilli perchè per le loro sciocchezze, ossia attività cultiurali e cinematografiche i soldi lo Stato li trova e stanzierà per il 2017 e 2018 euro 1.500.000 . Questo fondo era nel 2016 di 800.000, cosi' mentre le nostre pensioni sono cresciute zero questo fondo raddoppierà gettando soldi preziosi in cose futili. Benissimo. Questo abbiamo appreso ieri al Question Time fortunatamente trasmesso in TV
gio 20 ott 2016, ore 08.59
Immagine profilo
rimb. spese
(UTENTE NON REGISTRATO)
I costi complessivi dell’immigrazione, tra welfare e settore della sicurezza, sono inferiori al 2% della spesa pubblica. Dopodiché, gli stranieri sono soprattutto contribuenti: nel 2014 i loro contributi previdenziali hanno raggiunto quota 11 miliardi, e si può calcolare che equivalgono a 640mila pensioni italiane.
gio 20 ott 2016, ore 08.23
Immagine profilo
0,7%
(UTENTE NON REGISTRATO)
Dei 16 milioni di rifugiati complessivi solo 1,3 milioni sono ospitati nei 28 Paesi dell’Unione europea (8,3%), tra cui l’Italia (118mila, pari allo 0,7%). I Paesi che ospitano il maggior numero di rifugiati nel 2015 sono la Turchia (2,5 milioni), il Pakistan (1,6 milioni), il Libano (1,1 milioni) e la Giordania (664 mila)".
gio 20 ott 2016, ore 08.15
Immagine profilo
sinergia
(UTENTE NON REGISTRATO)
solo 4 ? apperò , il bilancio è in rosso...ne raccogliamo migliaia di " nonsisachi " e li piazziamo come monnezza a dx e sx , dopo faranno le verifiche...dopo , dopo ...e intanto l' italia scoppia di clandestini e il disagio degli italiani cresce ! chiedetevi come faranno un domani a raccattare tutti quelli che non han diritto all' asilo e rispedirli a casa loro...come ? CE LI TERREMO TUTTI PURTROPPO , GRAZIE A MR AL-FANO E AL GOVERNO che resta il giullare di corte e vassallo della UE dove non contiamo un emerito caxxo !
gio 20 ott 2016, ore 07.55
Immagine profilo
a 20.50
(UTENTE NON REGISTRATO)
Bravissimo, sono d'accordo. Aggiungerei che sarebbero da farci rimbiorsare anche le spese sanitarie che gravano sulle nostre tasche per dare assistenza ai clandestini e ai falsi profughi, visto che a noi tagliano i servizi tanto che stanno chiudendo i reparti maternità degli ospedali provinciali, cosi' i bambini che tantoi ci accusano di non mettere piu' al mondo, adesso anzichè nascere nei confortevoli ospedali di provincia, nascono per strade, nelle ambulanze o nei pronto soccorso, perchè dalle zone montane non fanno in tempo a raggiungere gli ospedali cittadini. I soldi però per le attività sportive e altro anche ieri nel question time vengono comunque assicurate per gli immigrati. Ma che bel razzismo al contrario!!!
gio 20 ott 2016, ore 07.45
Immagine profilo
Sandro
(UTENTE NON REGISTRATO)
Leggo che sei detenuti su dieci sono stranieri. È ragionevole e internazionalmente civile e corretto che le spese di detenzione oltre a quelle sostenute per l'arresto siano rimborsate dagli Stati i cui cittadini hanno creato disagi,crimini e danni vari. Si diano da fare le nostre diplomazie e il governo !!
mer 19 ott 2016, ore 20.50
Immagine profilo
RIMPATRIARE
(UTENTE NON REGISTRATO)
Meno male, era ora che si cominciasse a rispettare la direttiva rimpatri 2008/115/CE che prevede l'obbligo di rimpatriare i clandestini presenti nel territorio degli Stati Membri, con la possibilità anche di attivare il Fondo Europeo Rimpatri. Soprattutto dopo che la Corte Europea nel caso El Dridi ha imposto alla Magistratura di disattivare il carcere per chi non ha lasciato il Paese nei termini previsti, perchè metterli in carcere compromette la realizzazione dell'obiettivo perseguito dalla direttiva, ossia l'instaurazione di una politica efficace di allontanamento e di rimpatrio dei cittadini dei Paesi Terzi il cui soggiorno sia irregolare. Gli Stati Membri, dice la Corte Europea, devono continuare ad adoperarsi per dare esecuzione alla decisione di rimpatrio che continua a produrre i suoi effetti Perciò l'ordine è di rimpatriare i clandestini .
mer 19 ott 2016, ore 19.53
Immagine profilo
espulsi
(UTENTE NON REGISTRATO)
Sempre pochi rispetto al numero di delinquenti e nullafacenti stranieri in circolazione. Speriamo che almeno le espulsioni siano effettive.
mer 19 ott 2016, ore 17.40
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
23:22 bibi
02 dic - Vai alla news »
VENDUTO
20:56 X 17.43
02 dic - Vai alla news »
Noooo! Addirittura la macchina t'hanno toccato! Proprio a te! Magari è una Golf comprata a rate e da un mese tu paghi le cambiali e l'auto s
20:41 bepi
02 dic - Vai alla news »
Invece di prendersi i calci andava lasciato sfogare (senza coltelli) da solo nella stanza......mica si sarebbe ucciso...si stancava il furbo
20:36 RAPPER
02 dic - Vai alla news »
Fantastico il rapper di colore che ieri sera a Dalla Vostra Parte ha praticamente evidenziato tutti i benefici di cui godono i profughi o fa
20:02 maria kollo
02 dic - Vai alla news »
Avete bisogno di un prestito facile e veloce? Offriamo sia prestiti personali e di business a ogni persona interessata o di aziende che vann
19:49 io
02 dic - Vai alla news »
Si certo stava lavorando per portare a casa uno stipendio! Ma va......non vado oltre ma ne avrei da dire....
19:47 a 11.34
02 dic - Vai alla news »
A che titolo S: Egidio ci porta musulmani che sono al sicuro in Libanio, vista l'invasione che stiamo subendo e che potrebbero trovare asilo
19:36 EVASORI?
02 dic - Vai alla news »
Che la Guardia di Finanza trovi gli evasori è nei suoi compiti, dato che per scoprirli ci vogliono le prove. Ma che chi arriva clandestiname
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...