Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalitÓ illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Lunedì 16 Gennaio 2017 - Ore 20:11


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
IL CASO
Testa agnello

Testa mozzata con minacce di morte al comandante della Forestale di Vobarno

Brutto episodio intimidatorio a Vobarno, in Valsabbia. Martedì scorso, infatti, il comandante della Forestale, Cesare Scatamacchia è stato minacciato di morte da anonimi con modalità davvero inquietanti. Fuori dal paese, tra le frazioni di Degnagna e di Eno, è stata ritrovata la testa mozzata di una pecora avvolta in un lenzuolo intriso di sangue. Ancora più allarmante il messaggio, che rcitava: Farai la stessa fine, Cesare. A fare la macabra scoperta un passante. Sul caso stanno indagando le forze dell'ordine, che ipotizzano la mano di un bracconiere.

In serata è arrivata la solidarietà dei rappresentanti del Movimento 5 Stelle (Dino Alberti, Tatiana Basilio, Claudio Cominardi, Vito Crimi, Giampietro Maccabiani e Girgis Giorgio Sorial) in Parlamento e in Consiglio regionale. “In seguito al gravissimo atto intimidatorio rivolto al comandante del Corpo Forestale di Vobarno e del quale la stampa locale ha dato notizia in data odierna – si legge in una nota - desideriamo esprimere la più sincera e generosa solidarietà sia nei confronti del comandante Cesare Scatamacchia sia, indirettamente, dei suoi uomini e di tutto il Corpo Forestale bresciano. Solo tre giorni fa, domenica 16 ottobre, alcuni di noi hanno avuto modo di partecipare in incognito alle attività antibracconaggio svolte dal Cfs in collaborazione con gli attivisti del Cabs. Un atto dovuto per conoscere da vicino uno dei fenomeni illegali che – dai reati ambientali all'abusivismo – infettano e danneggiano il territorio bresciano. In attesa di conoscere l'autore e il movente del gesto - conclude il comunicato - ribadiamo la nostra assoluta solidarietà e offriamo la nostra totale disponibilità per condurre, a ogni livello istituzionale, iniziative che permettano al nostro territorio di diventare esempio di legalità e vero motivo di orgoglio”. 



Fonte: Comunicato stampa mer 19 ott 2016, ore 17.17
L'editore si riserva la possibilitÓ di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
19:24 HABIBI
16 gen - Vai alla news »
È giusto che ci siano le moschee così come le chiese cristiane sono in territorio islamico
18:43 stradivarius
16 gen - Vai alla news »
La mia era una battuta, appunto, sul "negazionismo": sapendo di come Ŕ stata condotta quell'indagine dell'allora ASL di Scarcella, con quale
18:36 Sole24ore
16 gen - Vai alla news »
Certo che se invece di questi sondaggi il Sole pagasse giornalisti esperti non sarebbe in debito.
18:25 sentieri
16 gen - Vai alla news »
ma veramente l'ineffabile negazionista Carmelo ha giÓ detto e scritto ci˛ che pensa dei tumori dei bresciani: peccato che, tra gli altri, l'
17:58 modellotorino
16 gen - Vai alla news »
Magari il centro destra facesse come a Torino, facendo convergere i propri voti (altrimenti inutili) su un candidato 5S, per fare cambiare a
17:38 Viviano
16 gen - Vai alla news »
Ah, ecco, la Viviana adesso pensa di poter anche individuare delle precise gerarchie ecclesiastiche nell'Islam e persino di controllare tutt
17:28 la foto
16 gen - Vai alla news »
Ŕ volgare
17:14 @Temiamoci DelB
16 gen - Vai alla news »
Una Raggi in salsa bresciana non vuol dire niente, oppure basterebbe replicare una Appendino in salsa bresciana visto che proprio la consigl
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La pi¨ grande comunitÓ italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...