Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Mercoledì 18 Gennaio 2017 - Ore 15:05


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
L'OPINIONE
Benevolo

Tintoretto, attenzione a non ripetere lo stesso errore

di Alessandro Benevolo* - Premetto che non ho nessun interesse a difendere la presenza della torre Tintoretto o delle altre torri a San Polo, né per scelta ideologica e nemmeno per difesa d’ufficio dell’opera di Leonardo Benevolo. Sono cresciuto a pane e San Polo e ho avuto il privilegio di lavorare nella Cascina Aurora fin da studente tra il 1979 e il 1981. Chiunque abbia partecipato (anche da umile disegnatore) a quella stagione ha ben chiaro quali siano i valori del quartiere da difendere e tra questi non ci sono le torri. Questi edifici, meglio identificabili come case alte, sono infatti un “incidente di percorso”, una soluzione di ripiego derivante dal rifiuto dell’allora IACP a costruire alloggi popolari sparpagliati secondo la prevalente tipologia delle case a schiera e il conseguente desiderio di costruirli in un posto unico e specifico. Aggiungo che il loro progetto avvenne a cura dell’ufficio tecnico dell’IACP con solo una modesta e superficiale supervisione di Benevolo (quello anziano).

A distanza di quasi 40 anni da quei fatti c’è purtroppo ancora chi pensa che il degrado delle case alte dipenda dalla loro tipologia, dal fatto di essere grandi, brutte o colorate e pensa che una volta abbattute e ricostruiti in forma diversa nuovi volumi avremo per incanto la riqualificazione urbana che tutti speriamo. In realtà prevedendo la medesima concentrazione di alloggi popolari (adesso si chiama edilizia sociale) o una concentrazione simile si verrebbero a ricreare le stesse condizioni di degrado che qualche anno fa consigliarono lo spostamento degli inquilini e che possono ancora essere osservate nella casa alta gemella della Tintoretto lì vicino (la Cimabue): condizioni abitative precarie, vandalismo diffuso delle parti comuni e scarsa sicurezza degli utenti. Sia che si decida di ristrutturare la casa alta, sia che si facciano altri edifici al suo posto; non è il contenitore edilizio il problema, ma il suo contenuto. E questo non per disistima delle famiglie con bisogno sociale, ma per la loro concentrazione in un unico luogo: basta un 10% di nuclei famigliari problematici per mandare in tilt il luogo dove convivono.

La prima cosa da fare è scegliere nuove destinazioni per l’area che occupa la torre Tintoretto (oltre 2 ettari) prescindendo dal fatto che si conservi l’edificio esistente o se ne prevedano di nuovi: residenze libere, per categorie speciali, uffici, atelier, presidi pubblici, asili e anche alloggi sociali (in misura minima, se si vuole) secondo un mix adeguato che approfitti anche della presenza della stazione del metrobus.

Poi e solo dopo, raccogliendo l’invito apparso su queste pagine dell’ex assessore Di Mezza, si decida laicamente tra sostituzione o ristrutturazione dell’edificio prendendo in esame le sole circostanze oggettive confrontabili, ovvero i costi per l’adeguamento (sismico, strutturale e impiantistico) a confronto coi costi di demolizione e ricostruzione, da paragonarsi entrambi coi ricavi possibili per le destinazioni scelte.

Si tenga infine conto che la soluzione che si sceglierà per la Tintoretto, augurabilmente nella sequenza corretta prima descritta, deve poi trovare applicazione nelle altre case alte (a cominciare dalla Cimabue). Non può. Deve, visto che stiamo parlando di un elemento seriale che o si mantiene com’è con una successione di edifici alti o si varia con una combinazione di edifici diversi che si ripetono uguali. Nelle altre case alte una complicazione ulteriore deriverà dal fatto che gli edifici non sono vuoti e per garantire il corretto mix necessario solo alcuni inquilini potranno essere riallocati nello stesso posto.

* Architetto




Fonte: Opinione mar 25 ott 2016, ore 15.39
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
Indovino
(UTENTE NON REGISTRATO)
provo ad indovinare il sig. Pincher... non abita a San Polo.... per questo lo ammira!
sab 29 ott 2016, ore 07.57
Immagine profilo
Pincher
(UTENTE NON REGISTRATO)
Benevolo fa ragionamenti seri e non banali.... I nostri politici dovrebbero imparare da lui, vero Bragaglio?
ven 28 ott 2016, ore 11.40
Immagine profilo
Pol Pot
(UTENTE NON REGISTRATO)
il commento di Benevolo è pieno di considerazioni belle e valide, per gli altri! La sua famiglia col fischio che vive li. Il progetto dell'intero comparto è sbagliato in tutto, nella gerarchia dei percorsi, nelle tipologie e molto altro ancora. A volte varrebbe la pena scrivere la verità. Ovvero Elnos è una speculazione pazzesca di un comune (roncadelle) che se ne infischia di tutto pur di fare cassa. San Polo nuovo è un quartiere orrendo DA SEMPRE! Ma capisco che il business sia più forte quindi meglio chiudere gli occhi e scrivere a casaccio. Ottimo affare per Benevolo, ma BSnews cosa ci guadagna, di certo non autorevolezza. Di conseguenza una domanda per la redazione sarebbe opportuna… "non è meglio scrivere cose interessanti? anche quelle generano ottimi risultati…."
ven 28 ott 2016, ore 07.42
Immagine profilo
b.
(UTENTE NON REGISTRATO)
Un postaccio solo a vederlo: pareti di cemento armato (e adesso scopriamo che non è nemmeno adeguato sismicamente), gli appartamenti all'interno sono orrendi (anche quando erano nuovi), i corridoi ai piani ricordano Alcatraz (la almeno essendo più piccolo era più vivibile)...poi riempiti non certo con il fior fiore della società di allora, e di ora. Non bisogna mantenere tutto ciò che è vecchio...ABBATTERE.
gio 27 ott 2016, ore 18.35
Immagine profilo
Minculpop
(UTENTE NON REGISTRATO)
La colpa è sempre del popolo bue, questo è il succo del ragionamento di questo signore, casualmente omonimo del signore che si prestò solo per una " modesta e superficiale supervisione". P.S. Presumo che la supervisione, in quanto modesta e superficiale non venne retribuita o lo fu in maniera superficiale. O no?
gio 27 ott 2016, ore 14.24
Immagine profilo
qwerty
(UTENTE NON REGISTRATO)
Io ho avuto un giorno la disgrazia di entrare in una delle torri, salendo con l'ascensore (o forse a piedi perché non funzionava, non ricordo bene) ai piani superiori. Sostenere che il problema non è la tipologia (vi invito ad entrarci almeno una volta per farvi un'idea) è almeno singolare. Faccio solo una domanda: coloro che difendono a spada tratta tale porcheria architettonica e abitativa, sono disposti ad andarci ad abitare? Oppure i poveri cristi devono per forza vivere in posti allucinanti solo perché qualche intellettuale ha deciso che quello è il posto migliore per loro?
gio 27 ott 2016, ore 13.58
Immagine profilo
@fa strano
(UTENTE NON REGISTRATO)
Prima a difendere (per quanto possibile e chissà mai il perché...) Elnoss, ora a difendere i progetti di San Polo (mentre si vive in collina). Fa davvero strano. La testata giornalistica online dovrebbe forse pensare ad un altro editorialista...
gio 27 ott 2016, ore 13.53
Immagine profilo
orendi
(UTENTE NON REGISTRATO)
indipendentemente da tutto ciò , erano e restano dei bruttissimi palazzacci inguardabili già allora .
mer 26 ott 2016, ore 15.51
Immagine profilo
a chi piace
(UTENTE NON REGISTRATO)
e bravo a difendere nuovo san polo... però loro vivono altrove.... qui vive chi non può fare altro!
mer 26 ott 2016, ore 13.11
Immagine profilo
fa strano
(UTENTE NON REGISTRATO)
Fa molto strano leggere che il quartiere di Benevolo a San Polo abbia scritto "i valori del quartiere". Perchè mi chiedo come mai l'urbanista Leonardo Benevolo preferì avere casa a Cellatica, sulla collina anzichè nel prodigioso e moderno quartiere da lui progettato. Caro ALessandro, purtroppo quel quartiere è TUTTO sbagliato! Vogliamo parlare della posizione a ridosso dell'Alfa Acciai (già esistente allora..), o dei famosi percorsi pedonali inutilizzabili perchè spesso erano su proprietà non pubbliche e quindi resi inaccessibili (legittimamente) dai residenti, oppure della assoluta mancanza di percorsi ciclopedonali in sicurezza (eppure gli esempi in Europa già allora erano numerosissimi). Lasciamo perdere, è stato un quartiere nato male e la cui vita è tuttora difficile
mer 26 ott 2016, ore 11.51
Immagine profilo
Kattivissimo
(UTENTE NON REGISTRATO)
Il tema appassiona solo Bragaglio.... e Benevolo
mar 25 ott 2016, ore 19.35
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
14:58 Sondaggi
18 gen - Vai alla news »
Vero che i sondaggi sono sempre meno attendibili. Se si prendono però i sette sondaggi èiù autorevoli e si fa una media ponderata, ad esempi
14:57 Sergio P.
18 gen - Vai alla news »
Il Sole 24 Ore ??? Mica è il Vangelo !!! E basta chiedere alla gente in giro : LA GENTE E' CONTENTA DEL NOSTRO SINDACO ....
14:42 @Minculpop
18 gen - Vai alla news »
Chi è fascista non appartiene ai democratici, ma a coloro che amano ed auspicano una dittatura nè più nè meno dei comunisti. Quindi, ringraz
14:29 Piddino
18 gen - Vai alla news »
Vero un passaggio: i sondaggi non misurano più un emerito niente!!!!!!
14:07 @1303
18 gen - Vai alla news »
Invece tu tifi per tutti basta che non siano bresciani.
13:55 bah?!
18 gen - Vai alla news »
Mi pareva strano che fosse in carcere... Che leggi di M...
13:26 giusto
18 gen - Vai alla news »
Se razzisti stupidi si comportano cosí, e sono pure pregiudicati, bene ha fatto la Questura ad impedire a questi figuri di andare a fare cas
13:22 grigio
18 gen - Vai alla news »
Se tu fossi un vero moralista coerent potresti tenerla in casa tua perché no!!!
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...