Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalitÓ illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Lunedì 16 Gennaio 2017 - Ore 20:12


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
IL CASO
PROFUGHI

Anfo, 26 profughi saranno trasferiti. Bordonali: non basta

"C'è una buona notizia. Oggi abbiamo avuto conferma che 26 richiedenti asilo saranno trasferiti. La cattiva notizia è che ne rimarranno comunque più di 20. È assurdo che in un comune così piccolo si abbia una percentuale di richiedenti asilo così alta". Queste le parole di Simona Bordonali, assessore alla sicurezza, protezione civile e immigrazione della regione Lombardia, che questa mattina ha visitato il residence 'Tre Casali' di Anfo (Bs), una struttura che ospita 47 richiedenti asilo, pari al 10 per cento della popolazione residente sul territorio comunale.

"Sono accolti e mantenuti giovani ragazzi, nessuna donna, provenienti da paesi che non sono in guerra come Bangladesh, Costa d'Avorio o Ghana. Sono immigrati economici, quindi clandestini, come il 75 per cento di quelli che sono ospitati in provincia di Brescia" prosegue l'assessore citando i dati della commissione prefettizia di Brescia.

"È chiaro che la redistribuzione di queste 20 persone non è una soluzione, perché il problema si sposterà in un altro Comune. L'immigrazione di massa va bloccata all'origine e vanno promossi i rimpatri dei clandestini, come la Regione Lombardia dice da tempo e come Maroni ha fatto da ministro degli Interni. Il business faraonico dell'accoglienza frutta 4 miliardi all'anno a cooperative e albergatori falliti, ma sta creando incalcolabili tensioni sociali sul territorio e deve essere fermato" conclude Bordonali.



Fonte: Comunicato stampa gio 03 nov 2016, ore 16.23
L'editore si riserva la possibilitÓ di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
DIRITTO INT.
(UTENTE NON REGISTRATO)
E quelli che ha portato S: Egidio dal Libano dove sono finiti? In Vaticano ? S:Egidio ha detto che non saranno mantenuti dagli italiani ma nessuno ne parla. Non basta S. Egidio e questi che arrivano clandestinamente dall'Africa che andrebbero rispediti in Patria tramite l'ONU che anzichŔ lamentarsi dovrebbe spiegare perchŔ non protegge e non trova asilo in Africa agli Africani, compito che compete all'ONU-UNHCR dalla Convenzione Africana Rifugiati e per quel che concerne la Convenzione di Ginevra del 1951 compito dell'ONU-UNHCR Ŕ quello di verificare che questa Convenzione venga rispettata e in Africa sono solo 2 gli Stati che non l'hannoratificata. Ne consegue che gli africani dovrebbero cercare e trovare asilo in Africa e non venire clandestinamente da noi!! Non basta ancora questo, la Turchia ci sta ricattando minacciando di far saltare gli accordi se l'Europa non concede i visti alla Turchia. Ma come Ŕ possibile che nessuno si prenda la briga di spiegarci il senso dell'art. 31 della Convenzione di Ginevra del 1951 , ratificata anche dalla Turchia e che indica che chi scappa puop' entrare clandestinamente in un altro Paese clandestinamente senza essere punito solo se va immediatamente alle autoritÓ di quel Paese a giustificarsi con motivazioni valide e da li' puo' andare in altri Paesi solo se chiede ed ottiene l'autorizzazione. Ne consegue che a meno che chi scappa non prenda un aereo, puo' entrare clandestinamente solo nei Paesi confinanti. Perci˛ la Turchia Ŕ Paese confinante della Siria che, anche se Ŕ paradossale e da cambiare, la convenzione di Ginevra del 1951 indica alla Turchia di non punirli per l'ingresso illegale ed inoltre dalla Turchia costoro non possono andare in altri Paesi se non chiedono l'autorizzazione e questa autorizzazione viene loro concessa. La turchia perci˛ non ha alcun diritto internazionale di ricattarci mandandoci profughi e nemmeno di pretendere visti che ci islamizzerebbero prima e meglio!! Quandoci sveglieremo!!!
ven 04 nov 2016, ore 08.59
Immagine profilo
GHANA?
(UTENTE NON REGISTRATO)
Proprio ieri sera in TV Ŕ stato detto che il Ghana non Ŕ un Paese in guerra, Un Paese ben classificato a livello mondiale. Basta scambiare per profughi dei clandestini che si prendono gioco di noi furbescamente!!!
gio 03 nov 2016, ore 19.55
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
19:24 HABIBI
16 gen - Vai alla news »
È giusto che ci siano le moschee così come le chiese cristiane sono in territorio islamico
18:43 stradivarius
16 gen - Vai alla news »
La mia era una battuta, appunto, sul "negazionismo": sapendo di come Ŕ stata condotta quell'indagine dell'allora ASL di Scarcella, con quale
18:36 Sole24ore
16 gen - Vai alla news »
Certo che se invece di questi sondaggi il Sole pagasse giornalisti esperti non sarebbe in debito.
18:25 sentieri
16 gen - Vai alla news »
ma veramente l'ineffabile negazionista Carmelo ha giÓ detto e scritto ci˛ che pensa dei tumori dei bresciani: peccato che, tra gli altri, l'
17:58 modellotorino
16 gen - Vai alla news »
Magari il centro destra facesse come a Torino, facendo convergere i propri voti (altrimenti inutili) su un candidato 5S, per fare cambiare a
17:38 Viviano
16 gen - Vai alla news »
Ah, ecco, la Viviana adesso pensa di poter anche individuare delle precise gerarchie ecclesiastiche nell'Islam e persino di controllare tutt
17:28 la foto
16 gen - Vai alla news »
Ŕ volgare
17:14 @Temiamoci DelB
16 gen - Vai alla news »
Una Raggi in salsa bresciana non vuol dire niente, oppure basterebbe replicare una Appendino in salsa bresciana visto che proprio la consigl
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La pi¨ grande comunitÓ italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...