Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Mercoledì 18 Gennaio 2017 - Ore 04:57


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
IL CASO
TINTORETTO

Antagonisti, blitz alla Tintoretto: non abbattetela o occuperemo tutto

Questo pomeriggio, sabato 5 novembre, il Movimento di lotta per la casa di Brescia (Associazione Diritti per tutti, csa Magazzino 47 e Collettivo gardesano autonomo) ha occupato un ex locale commerciale da anni inutilizzato e situato del complesso e nel sedime della maxi Torre Tintoretto, quartiere San Polo, a Brescia.

“L'obiettivo – si legge in una nota - è di farne una base di lotta e di discussione contro lo sciagurato progetto di regalare la Torre ad una società privata (la Investire SGR del gruppo Banca Finnat) che la vuole demolire per costruire alloggi privati di housing sociale con affitti attorno ai 400 euro, assolutamente inaccessibili per molte famiglie vittime della crisi e della precarietà che solo nell'ERP, nell'edilizia residenziale pubblica possono trovare una risposta al proprio bisogno di casa e alla situazione di sfratto”.

Con questa azione – spiegano gli antagonisti - si apre la campagna di mobilitazione contro la “distruzione di una parte importante del patrimonio immobiliare pubblico, 195 case popolari, per privatizzarlo”.

“Chiediamo alla giunta Del Bono – si legge ancora - di essere coerenti con il proprio programma elettorale e di non sottostare al ricatto di Investire SGR, aprendo un dibattito pubblico sul futuro della Torre che deve comunque essere funzionale alla risoluzione delle più urgenti emergenze abitative, come quella sfratti. Chiediamo quindi di riaprire subito alcuni piani della Torre per le famiglie sotto sfratto che sono in graduatoria in attesa di una assegnazione definitiva anche in edifici posti in altri quartieri della città. Se l'amministrazione comunale, l'Aler e la Regione intenderanno invece regalare o svendere la Torre a una società privata – conclude il Movimento di lotta per la casa - ci sentiremo socialmente e politicamente legittimati a procedere con assegnazioni dal basso degli appartamenti della Tintoretto alle famiglie bisognose e non esiteremo a farlo”.



Fonte: Comunicato stampa sab 05 nov 2016, ore 14.37
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
03:18 radko mladic
18 gen - Vai alla news »
Gia' proprio come Bruxelles...miopi ipocriti responsabili della disfatta etnica di un popolo debole e privo di identita', come gli italiani
02:16 Credit Solution
18 gen - Vai alla news »
Ciao! Hai bisogno di sostegno finanziario? Seguire il denaro e si ottiene tutti i tipi di credito subito! € 1.000 a € 10.000.000,00
00:45 Baffone
18 gen - Vai alla news »
'Sto pubblicista(?) voleva zittire un giornalista? E poi dicono che uno va a Predappio...
00:13 Incredibile !
18 gen - Vai alla news »
Incredibile Fabius ! I dilettanti allo sbaraglo furono dal 2008 al 2013 il duo Parolfi (Paroli e Rolfi) e la loro Giunta di "giovani di stud
21:54 Gino
17 gen - Vai alla news »
Per fortuna che ci sono persone serie che sanno cosa devono fare.Questo candidato avrebbe portato alla sconfitta certa come il precedente Ca
21:25 considerazione
17 gen - Vai alla news »
Vero. Infatti sia la chiesa che i musulmani combattono la modernità, il laicismo, il diritto di scegliere consapevolmente e non costretti da
21:17 klero
17 gen - Vai alla news »
Questi non distruggono la chiesa, che sarà sempre più ricca, ma distruggono noi e le nostre tradizioni. Bisogna assolutamente togliere l'8 p
20:20 Beluhinlgailm
17 gen - Vai alla news »
мос ;квk 2;Бе 83;ух 080;н Дми ;трl 0;
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...