Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Martedì 17 Gennaio 2017 - Ore 16:08


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
IL DATO
Goletta

Goletta dei laghi di Legambiente, nel Sebino le più alte concentrazioni di microplastiche

La plastica minaccia le acque dei nostri laghi. A rivelarlo sono i risultati dei campionamenti effettuati nel mese di luglio dall’equipaggio di Goletta dei laghi, la campagna itinerante di Legambiente - realizzata in collaborazione con COOU, consorzio obbligatorio degli oli esausti e Novamont - che da 11 edizioni denuncia le principali criticità che minacciano i bacini lacustri italiani. Nel Sebino, Lario, Verbano e Benaco *per la prima volta in Italia*, accanto al monitoraggio della presenza di inquinamento da batteri di origine fecale,* è stato condotto anche un campionamento di microplastiche.* I campioni prelevati dell’equipaggio di Goletta dei laghi nei principali laghi del nord Italia sono stati sottoposti a indagini di laboratorio e hanno rivelato la presenza di microparticelle plastiche in tutti i prelievi effettuati.

*I laghi in cui sono state trovate più particelle sono l'Iseo e il Maggiore*, con valori medi di densità di 40.396 e 39.368 particelle su chilometro quadrato di superficie campionata, seguiti dal lago di Garda con 25.259 particelle su chilometro quadrato. La sezione lacustre a maggiore densità di microlitter è risultata la porzione del Verbano che va da Arona (No) ad Angera (Va), zona in cui confluiscono le correnti verso l'uscita. Mancano all’appello i risultati relativi all’indagine effettuata sul Lario, ma fattori inficianti hanno reso impossibile l’utilizzo in laboratorio dei campioni raccolti nell’estate 2016.

*“È con grande soddisfazione che presentiamo i risultati di questo lavoro che per la prima volta aggiunge alle analisi microbiologiche un’indagine mirata a rilevare la presenza di questi rifiuti molto pericolosi per l’equilibrio degli ecosistemi lacustri **– *sottolinea* Barbara Meggetto, presidente di Legambiente Lombardia** –** Purtroppo **i corsi d’acqua continuano ad essere incessantemente sul banco degli imputati: l’Oglio sul Sebino, l’Adda sul Lario, i torrenti Bardello, Acquanegra e Boesio sul Verbano, il Bolletta sul Ceresio e per finire il Maguzzano sul Benaco. Quasi sempre pesano la mancanza di infrastrutture fognarie dei comuni dell’entroterra o l’inadeguatezza dei depuratori per il troppo carico antropico*”.

L'intero progetto è stato possibile grazie alla collaborazione scientifica di Enea (l'Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile) e dell'Università Ca' Foscari di Venezia, con le quali Legambiente ha studiato un protocollo specifico per i laghi, adattando il modello fino ad oggi impiegato solo nei mari, utilizzando una particolare strumentazione dotata di una rete a maglia ultrafine in grado di catturare le microparticelle. Una novità importante che ha consentito di costruire un’attenta analisi delle microlitter presenti nell’acqua e realizzare il primo studio sullo stato d’inquinamento dei laghi italiani per quanto riguarda questa tipologia di sostanze.

Contestualmente alla conta numerica sono stati raccolti anche i dati sulla forma delle particelle, che fornisce indicazioni sulla possibile natura delle microplastiche trovate, nella maggior parte dei casi di *origine secondaria, in quanto provenienti dalla disgregazione dei rifiuti di maggiori dimensioni* come packaging, cordame, fibre tessili sintetiche, imballaggi. Tra quelli di origine primaria invece troviamo I *pellet*, microparticelle di forma sferica, che rappresentano la materia prima per tutte le aziende che producono oggetti di plastica.

*“La presenza di microplastiche nei laghi è la dimostrazione che innanzitutto manca anche una cultura della gestione dei rifiuti. Troppo spesso vengono gettati negli scarichi oggetti che andrebbero smaltiti nella spazzatura. Il cambiamento passa soprattutto attraverso la maggiore consapevolezza dei singoli che i propri comportamenti quotidiani hanno effetti globali. Inoltre in molti casi nei porti sulle sponde dei laghi mancano servizi di raccolta e smaltimento dei rifiuti dei diportisti. I dati dello studio di Legambiente rappresentano uno stimolo per le amministrazioni locali anche per intervenire sulla sensibilizzazione di residenti e turisti verso l’adozione di buone pratiche”*, conclude Barbara Meggetto.


*I RISULTATI DEL MONITORAGGIO*

*SEBINO*

Il lago d'Iseo presenta una densità di media di oltre 40mila particelle per chilometro quadrato. La maggiore concentrazione di microplastiche è stata riscontrata in corrispondenza del transetto più a nord, che ha intercettato molto probabilmente i materiali portati attraverso il fiume Oglio dalla Val Camonica e dallo sfioratore comunale di Pisogne, due punti risultati cronici per quanto riguarda l’inquinamento da mancata depurazione.

*VERBANO*

II campionamenti sul lago Maggiore si sono concentrati nella parte meridionale del bacino. La densità media delle microparticelle presenti è pari a oltre 39mila per chilometro quadrato. La maggiore densità di particelle su chilometro quadro è stata riscontrata nel transetto che intercetta la foce del torrente Vevera e la zona ad alta densità antropica di Arona e Dormelletto che, come individuato dai monitoraggi di Goletta dei laghi, presentano problemi di depurazione.

*BENACO*

Il lago di Garda presenta una densità di media di oltre 25mila particelle per chilometro quadrato. Le stazioni a maggiore densità di particelle su chilometro quadro sono due: quella che intercetta la porzione a nord più stretta del bacino, che subisce l'influenza degli apporti del fiume Sarca e dei torrenti Varone e Arbola e quella posta a sud nell’area più prossima alla costa bresciana, sulla quale insistono zone in cui la Goletta dei Laghi riscontra da anni presenza di scarichi non depurati (Padenghe sul Garda e Desenzano del Garda).



Fonte: Comunicato stampa ven 11 nov 2016, ore 11.58
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
15:29 PAOLO
17 gen - Vai alla news »
Secondo me, ciò che Max73 intendeva dire è che la legge è assurda, in quanto questi personaggi vengono puniti per motivi estranei alla fede
15:28 a 15.16
17 gen - Vai alla news »
Fanatico a chi? Penso che sapere con chiarezza cosa significhi libertà di religione sia il minimo che ci possiamo chiedere, visto che nessun
15:20 cretini
17 gen - Vai alla news »
I cretini ci sono già, sono quelli che sono appena stati condannati al DASPO perché hanno insultato con offese e saluti nazisti il corteo de
15:16 @??
17 gen - Vai alla news »
Stando a quello che dici bisognerebbe perseguirti per legge, visto che sostieni che i musulmani non dovrebbero avere il diritto di pregare.
15:14 Testa per testa
17 gen - Vai alla news »
Beh, allora la testa di Rolfi, visto il suo attuale ruolo in Regione, per il caso Stamina e il su endorsment frettoloso (video tuttora prese
15:06 @Max73
17 gen - Vai alla news »
Se capisci quello che leggi è scritto chiaro chiaro nell'articolo. Se poi ancora non capisci parlane con il Questore.
14:59 @GrandeEmilio
17 gen - Vai alla news »
Ora, via col tram: facciamolo partorire da Fermi, così andiamo sul sicuro. Nel senso di costi di progettazione ed esecuzione raddoppiati, mu
14:43 sgtegfsrhvs
17 gen - Vai alla news »
Evidentemente un corteo di musulmani è più civile di quattro disadattati bresciani: chissà come sarebbe finita a parti
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...