Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Venerdì 20 Gennaio 2017 - Ore 14:59


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
POLEMICHE
green hill

La Marshall abbandona l'Italia e mette in vendita Green Hill di Montichiari

La Marshall, "costretta a interrompere gli investimenti in Italia", mette in vendita Green Hill di Montichiari. E' la vittoria degli animalisti.
 
COMUNICATO STAMPA ORIGINALE
 
Marshall, multinazionale americana specializzata nella fornitura di prodotti e servizi per la ricerca ad aziende farmaceutiche e Università europee e di tutto il mondo, costretta a interrompere gli investimenti in Italia e mettere in vendita Green Hill di Montichiari (Brescia), allevamento di cani beagle destinati alla ricerca biomedica che ha dovuto sospendere l’attività a causa del recepimento restrittivo da parte dell'Italia della direttiva europea sulla sperimentazione animale.

La sofferta decisione dell'azienda americana di vendere il sito italiano, infatti, è dovuta alle limitazioni che, seguendo la spinta animalista, sono
state introdotte con il Decreto Legislativo 26/2014 all'utilizzo degli animali per scopi scientifici rispetto a quanto viene disposto dalla Direttiva 2010/63/EU, al punto che la Comunità Europea ha avviato una procedura di infrazione contro il nostro Paese. Questa Direttiva europea, frutto di una lunga riflessione e confronto con le principali organizzazioni coinvolte nel campo della Ricerca, incluse le associazioni animaliste europee, con lo scopo di dare a tutti i Paesi uguali opportunità di ricerca e soprattutto di armonizzare l’allevamento e l'utilizzo degli animali garantendone il benessere, esclude espressamente che gli Stati membri adottino misure più restrittive di quanto disposto a meno che queste non fossero già in vigore prima del Novembre 2010, come invece ha fatto il nostro Paese con i divieti su allevamento di cani, gatti e primati, test su sostanze d'abuso e xenotrapianti.

Al momento l’Italia ha già ricevuto da Bruxelles la comunicazione di messa in mora (primo stadio della procedura di infrazione che prevede le sanzioni economiche) e i numerosi appelli provenienti dalla comunità scientifica italiana, che evidenziano come purtroppo non esistano tuttora metodi alternativi alla sperimentazione animale e seriamente preoccupata di vedersi tagliata fuori dallo scenario della ricerca internazionale, sono rimasti disattesi.

Marshall, costretta a sospendere l’attività dell’allevamento e a lasciare a casa i dipendenti di Green Hill, dopo questo recepimento restrittivo ha
atteso pazientemente oltre due anni che l'Italia si allineasse alla normativa europea, come hanno fatto tutti gli altri Stati membri, continuando ad investire anche nel nostro Paese in attesa della dovuta modifica al decreto 26/2014 che, tuttavia, non è ancora stata eseguita. Questa situazione paradossale che penalizza anche tutto il mondo della Ricerca biomedica Made in Italy e per cui, tra l'altro, gli Enti di Ricerca
Italiani per validare i propri studi sono obbligati ad utilizzare gli animali che però non possono essere allevati in Italia rendendo inoltre più
difficile garantirne il benessere, non sembra destinata a risolversi in tempi ragionevoli ed, alla fine, ha convinto il management di Marshall a
vendere Green Hill e ad abbandonare l'Italia.



Fonte: Comunicato stampa mar 22 nov 2016, ore 12.33
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
14:51 @consideraizone
20 gen - Vai alla news »
Sparate a caso. Incompetente ed arrogante Del Bono ? Si vede che lei non lo conosce e non gli ha mai parlato o scritto. Anche questa favola
14:48 a 14.15
20 gen - Vai alla news »
Non credo proprio sai. Mi dispiace per te ma fra un po' arrivano dall'asilo e me le godrò per un po' come tutte le sere: Anzi rinnovo il rin
14:31 Miultascivelox
20 gen - Vai alla news »
E se la Polizia Provinciale mettesse un multavelox anche sulle piste da sci ? Ideona: tutto fa brodo per fare cassa...fare cassa...fare cass
14:15 @NONNA
20 gen - Vai alla news »
Le tue nipotine ti stanno guardando e scuotendo rassegnate la testa.
13:50 a 12.54
20 gen - Vai alla news »
Se sei italiano non sei certo tra quelli che difendono il proprio Paese. A svegliarci al mattino alle 5 sono i nostri vicini cinesi che app
12:57 magari!
20 gen - Vai alla news »
Ahahaha! Ma MAGARI Brescia fosse come Bruxelles! Sarebbe una città ricchissima, bellissima e di grande cultura, piena di turisti e sede di p
12:54 @nonna
20 gen - Vai alla news »
Ossessionata dalla mattina alle 4 fino a mezzanotte, soffocata dalla paura, non pensi ad altro. Proprio vero che l'unica paura che dobbiamo
11:16 a 9.17
20 gen - Vai alla news »
Ti consiglio di guardare in Internet Piazza Pulita che fa dire W I VECCHI. Da non credere. A Firenze persino gli anziani del circolo ARCI c
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...