Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Martedì 17 Gennaio 2017 - Ore 16:07


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
ECONOMIA
Bizioli

Banca Valsabbina, il Comitato dei piccoli azionisti: preoccupati per l'andamento del titolo

Con una lunga nota il Comitato Soci di Banca Valsabbina, guidato dal commercialista Aurelio Bizioli, parla di “situazione anomala sulla gestione degli scambi azionari e invita i vertici dell'istituto di credito a ricorrere ove necessario, anche alle opportune segnalazioni alle Autorità di vigilanza e di tutela del risparmio". Dubbi a cui la banca (interpellata da BsNews) potrebbe rispondere nei prossimi giorni. Nel frattempo è stata fissata la prima riunione pubblica del Comitato degli azionisti “ribelli”, che si terrà giovedì 1 dicembre all’Auditorium Comunale di Gavardo di via Quarena 8

DI SEGUITO IL TESTO INTEGRALE DEL COMUNICATO

Abbiamo accolto con soddisfazione la ripresa del valore di scambio delle azioni della Banca con un prezzo fissato, nell’ultima asta del 18/11/2016, in 6,60 euro contro i 4,60 euro di minimo toccato nel corso di ottobre. Si tratta però di una soddisfazione relativa dato che il prezzo di vendita, e di acquisto per i nuovi azionisti, era fino ad aprile determinato in 18 euro.

Verificando settimanalmente l’andamento delle quotazioni emergono alcune considerazioni e dubbi che, in assenza di indicazioni o spiegazioni da parte della Direzione della Banca, ci permettiamo di evidenziare. Dall’inizio della quotazione sul mercato Hi-Mtf, avvenuta il 18/07/2016, sono trascorse 18 settimane in cui solo 9 volte la contrattazione si è svolta determinando un prezzo e un quantitativo di scambio. Per 9 volte l’asta è saltata, in una prima fase per eccesso di ribasso, poi per un eccesso di rialzo (il mercato Hi-Mtf annulla la contrattazione qualora il prezzo teorico d’asta determini uno scostamento inferiore o superiore del 10% rispetto all’asta della settimana precedente).

Nella fase di discesa del prezzo, a fronte del ripetersi di offerte anomale, la stessa Direzione della Banca aveva stigmatizzato l’intento speculativo di queste offerte evidentemente finalizzate a far scendere rapidamente il valore del titolo, ed era più volte intervenuta sollecitando i soci a non vendere in presenza di prezzo del titolo “totalmente avulso dal valore e dalla reale consistenza patrimoniale della banca”. Analoga situazione, ma di segno opposto, si sta ripetendo in queste settimane, con l’asta del 4 novembre annullata a fronte di un valore teorico d’asta superiore al massimo consentito.

Situazione che si sarebbe potuta ripresentare nelle ultime due aste in quanto il prezzo teorico d’asta dei primi giorni risultava superiore al massimo consentito; solo successivi interventi nella formulazione delle offerte (con dinamiche non rilevabili da semplici osservatori esterni alle variazioni quotidiane del mercato Hi-Mtf) hanno ricondotto rispettivamente a 6,0 e 6,6 i valori d’asta permettendo la conclusione delle transazioni.

L’andamento del prezzo rischia di essere oggetto di oscillazioni controproducenti per la quasi totalità degli azionisti che hanno sottoscritto il titolo in una logica di risparmio e di conservazione del valore. In una prospettiva di tutela degli azionisti-risparmiatori il Comitato chiede quindi agli organi direttivi della Banca di rilevare puntualmente, dove possibile, le cause di queste offerte anomale ricorrendo, ove necessario, anche alle opportune segnalazioni alle Autorità di vigilanza e di tutela del risparmio.

E’ infatti evidente che se l’attuale situazione di quotazione ufficiale non risponde alla situazione patrimoniale della Banca (come emerge dai bilanci sottoposti all’approvazione dei soci e come affermato dai vertici aziendali) i soci-risparmiatori hanno il diritto di verificare che le azioni della banca siano finalizzate alla rivalutazione del titolo.

Se è vero che la diffusione del titolo azionario ha obbligato la società a quotarsi su un mercato regolamentato e trasparente è altresì evidente che la scelta del mercato HI-MTF SPA ha evidenziato notevoli criticità. Si tratta infatti di un mercato sul quale risultano quotati 6 titoli azionari di cui solo 2 (Banca Valsabbina e Banca Sella) oggetto di compravendita negli ultimi tre mesi; un mercato regolamentato certo che però non ha portato alcun ampliamento del mercato di riferimento del titolo aumentandone, come era auspicabile, la maggior liquidabilità.

Infatti nelle 19 settimane di gestione risultano scambiate solo 741 mila azioni (se non ricordiamo male c’è stato un momento, prima dell’assemblea di aprile di riduzione del valore del titolo e di quotazione sul mercato Hi-Mtf, in cui erano presenti ordini di vendita per circa 3 milioni di pezzi) a fronte però di acquisti per 200 mila (nella fase iniziale di discesa) e vendite per 135 mila pezzi (nelle tre settimane di risalita) direttamente effettuati, come precisato sul suo sito, dalla Banca stessa.

Riteniamo pienamente condivisibile l’intervento in acquisto in fase di contenimento dei prezzi che ha permesso di fermare la fase di discesa del prezzo, fermato a 4.60 euro proprio con acquisti di azioni proprie nella misura del 45% dei pezzi scambiati. Difficile comprendere, e quindi condividere, questa recente fase in cui la banca ha proceduto, a fronte di contratti conclusi per 315 mila pezzi, ad immettere sul mercato 135 mila azioni prelevate dal fondo azioni proprie.

Abitualmente l’utilizzo del fondo azioni proprie da parte delle società emittenti viene effettuato con l’obiettivo di calmierare le variazioni eccessive, sia in aumento che in diminuzione, del mercato. In questa specifica situazione, se l’obiettivo condiviso è superare il “panic selling” generato dalla liberalizzazione della quotazione immediatamente successiva ad un periodo di blocco sostanziale, riteniamo di poter esprimere il nostro dissenso rispetto alla gestione rilevata.

Non possiamo quindi che ribadire la necessità che gli organismi dirigenziali della Banca avviino un percorso di confronto con tutta la base societaria, per individuare consapevolmente quali siano le proposte e le soluzioni di interesse dell’intera compagine societaria. Ed è indubbio, considerate le dimensioni del gruppo soci, che tale confronto richiede la convocazione a breve dell’assemblea societaria che è, fino a prova contraria, l’unico momento di emersione della volontà della maggioranza dei soci.

Nel frattempo il Comitato Soci ha programmato per giovedì 1 dicembre 2016 - alle 20.30, nell’Auditorium Comunale di Gavardo in Via Quarena 8 (vicinanze del Municipio) - una riunione aperta alla libera partecipazione degli azionisti interessati ad un confronto costruttivo e propositivo sul futuro della Banca.



Fonte: Comunicato stampa mer 23 nov 2016, ore 13.32
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
Bizoli e il Bra
(UTENTE NON REGISTRATO)
Il Bramante ha lasciato delle belle opere. Un po' meno il Bizioli, bramante di sedie!
lun 28 nov 2016, ore 14.51
Immagine profilo
Atavico (per @A
(UTENTE NON REGISTRATO)
Parla di mancanza di dinamicità e sviluppo della Valsabbina, oltre che di "incapacità e staticità della nelle persone degli amministratori e del management".. ma si rende conto di quali sono gli scenari attuali? Questa banca è solida a differenza di altre ed il passaggio all'Hi-Mtf era obbligato. Saprebbe indicarmi casi in cui, a parità di condizioni, gli sviluppi sono stati differenti? Da quel che ne so, la Valsabbina (al netto del discorso azioni) si sta aprendo e sta investendo, anziché chiudersi a riccio e attendere che il peggio passi...
lun 28 nov 2016, ore 13.04
Immagine profilo
@Atavico
(UTENTE NON REGISTRATO)
Ma quale dinamicità e sviluppo della Valsabbina ? Qui si parla proprio di incapacità e staticità della Valsabbina nelle persone degli amministratori e del management attuali, cioè le cause della debacle del titolo.lasciato in balìa di se stesso, una volta collocato su un mercato con negoziazioni "normali". Le soluzioni sono semplici: provvedere ad un ricambio rapido dei responsabili, sia strategici sia operativi, voltare pagina e guardare al futuro con la formulazione di un piano industriale che contempli un nuovo modello di servizio centrato sull'acquisizione di quote di mercato dalla concorrente che più è e sarà in difficoltà a servire il territorio bresciano come qualità del servizio e competizione sulla consulenza alal clientela, cioè Ubi Banca.
lun 28 nov 2016, ore 10.09
Immagine profilo
Atavico
(UTENTE NON REGISTRATO)
Questo "comitato", che si lamenta se il prezzo delle azioni sale e si lamenta se il prezzo delle azioni scende, non ha ancora proposto soluzioni concrete o valutazioni ex ante accettabili. Probabilmente continuano a guardare al dito (le azioni), perdendo di vista la luna (la dinamicità e lo sviluppo di Banca Valsabbina). L'unica cosa a cui Bizioli & Co. guardano con brama sono le poltrone nel CdA della banca...
lun 28 nov 2016, ore 09.47
Immagine profilo
Nebbia
(UTENTE NON REGISTRATO)
Il comunicato, ampio e dettagliato, fa pensare che sia a monte (quotazione sul mercato HI-MTF spa) sia a valle (interventi sul mercato con il fondo acquisto azioni proprie) i vertici operativi della Valsabbina navighino un po' a vista e nella nebbia. Non una bella notizia per chi (purtroppo spesso male o poco informato) ha destinato i propri risparmi all'acquisto di azioni in una logica da "cassettista".
ven 25 nov 2016, ore 18.54
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
15:29 PAOLO
17 gen - Vai alla news »
Secondo me, ciò che Max73 intendeva dire è che la legge è assurda, in quanto questi personaggi vengono puniti per motivi estranei alla fede
15:28 a 15.16
17 gen - Vai alla news »
Fanatico a chi? Penso che sapere con chiarezza cosa significhi libertà di religione sia il minimo che ci possiamo chiedere, visto che nessun
15:20 cretini
17 gen - Vai alla news »
I cretini ci sono già, sono quelli che sono appena stati condannati al DASPO perché hanno insultato con offese e saluti nazisti il corteo de
15:16 @??
17 gen - Vai alla news »
Stando a quello che dici bisognerebbe perseguirti per legge, visto che sostieni che i musulmani non dovrebbero avere il diritto di pregare.
15:14 Testa per testa
17 gen - Vai alla news »
Beh, allora la testa di Rolfi, visto il suo attuale ruolo in Regione, per il caso Stamina e il su endorsment frettoloso (video tuttora prese
15:06 @Max73
17 gen - Vai alla news »
Se capisci quello che leggi è scritto chiaro chiaro nell'articolo. Se poi ancora non capisci parlane con il Questore.
14:59 @GrandeEmilio
17 gen - Vai alla news »
Ora, via col tram: facciamolo partorire da Fermi, così andiamo sul sicuro. Nel senso di costi di progettazione ed esecuzione raddoppiati, mu
14:43 sgtegfsrhvs
17 gen - Vai alla news »
Evidentemente un corteo di musulmani è più civile di quattro disadattati bresciani: chissà come sarebbe finita a parti
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...