Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Martedì 17 Gennaio 2017 - Ore 16:07


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
CEDEGOLO
Paolo Crepet

Educare alla responsabilità, appuntamento il 24 con Paolo Crepet

“Educare alla responsabilità”. E' questo il titolo dell'evento che avrà come protagonista lo psichiatra Paolo Crepet, in dialogo con Eletta Flocchini, nell'ambito dell'EticaFestival. L'appuntamento giovedì 24 novembre alle 20.30 al Musil, Museo dell’energia idroelettrica di ValCamonica, in via Roma, 48 a Cedegolo.


Cosa significa educare? Per Paolo Crepet, psichiatra e sociologo torinese, autore di numerosi saggi sul tema del rapporto tra genitori e figli, significa innanzitutto preparare le nuove generazioni alle difficili, ma anche meravigliose sfide del futuro. Eticafestival dedica l’incontro di giovedì 24 novembre alle ore 20,30 al Museo dell’energia idroelettrica di Cedegolo al tema della responsabilità e quindi della legalità e della libertà nell’educazione dei figli.

Un tema caro a Crepet, affrontato anche nell’ultimo suo libro, nel quale viene indagato sotto la doppia lente: la responsabilità necessaria ai genitori per educare e ai figli per crescere. Scrive, rivolgendosi agli adolescenti: “L'esistenza non è una corsa di cento metri, ma una maratona meravigliosa e per arrivare alla fine occorre merito, non furbizia; voglia di essere disponibili a meravigliarsi, non infruttuose ricette alchemiche: "un uomo libero agisce sempre in buona fede e non ricorre all'astuzia", diceva Spinoza. Non dare retta a chi ti indica le scorciatoie, prova ad osare strade difficili, evita tutto ciò che è comodo e diffida di chi te lo propone. Fa' crescere dentro di te rabbia e sete per l'inquietudine. Non buttarti via, impara a dannarti senza perderti”.

La prima edizione di EticaFestival, “Testimoni, memorie, idee per il bene comune” organizzato da Fondazione Provincia di Brescia Eventi ha preso il via 29 settembre scorso. Il festival animerà fino al 3 dicembre la provincia di Brescia attraverso incontri, spettacoli teatrali, dialoghi e convegni che indagheranno il tema dell’etica in modo trasversale e multidisciplinare, con una particolare attenzione all’aspetto della responsabilità personale, della costruzione del bene comune e della gestione della libertà nel rispetto degli altri. Un cartellone ricco, stimolante, aperto all’approfondimento e al confronto, che si articola in 19 tappe che andranno a toccare altrettanti punti della provincia di Brescia, dalla Valle Camonica alla Valtenesi, dalla Bassa alla Valle Sabbia.

Paolo Crepet nasce a Torino nel 1951. Dopo l’internato presso l’Istituto di biochimica dell’università di Padova e alla Clinica delle malattie nervose e mentali dell’università di Padova, consegue la laurea in Medicina e Chirurgia a cui successivamente si aggiunge quella in Sociologia. “Mi piace l’umanità, l’uomo, per questo da ragazzo ho guardato la facoltà di medicina come un modo per avvicinarlo. Poi la psichiatria è arrivata come scelta estrema in una grande stagione culturale. Se guardo più in profondità posso dire che c’è anche un’altra radice nella scelta di fare lo psichiatra, che affonda nel clima respirato da bambino grazie ai miei nonni, entrambi artisti. Quello paterno, pittore veneziano, era un intellettuale dell’arte, quello materno, ceramista marchigiano, era un artigiano dell’arte. Con loro ho passato tanto tempo, tempo che ha voluto dire una lunga infanzia felice, un periodo in cui ho immagazzinato sensazioni, emozioni, potenzialità. La mia famiglia mi ha insegnato il valore della creatività, dell’immaginazione, del “bello”. Tutto parte dalla ricerca della felicità e per questo credo che la psichiatria sia l’arte di rimuovere gli ostacoli alla felicità. Sono convinto che la psichiatria abbia più a vedere con l’arte che con altro”.




Fonte: Comunicato stampa mer 23 nov 2016, ore 15.46
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
15:29 PAOLO
17 gen - Vai alla news »
Secondo me, ciò che Max73 intendeva dire è che la legge è assurda, in quanto questi personaggi vengono puniti per motivi estranei alla fede
15:28 a 15.16
17 gen - Vai alla news »
Fanatico a chi? Penso che sapere con chiarezza cosa significhi libertà di religione sia il minimo che ci possiamo chiedere, visto che nessun
15:20 cretini
17 gen - Vai alla news »
I cretini ci sono già, sono quelli che sono appena stati condannati al DASPO perché hanno insultato con offese e saluti nazisti il corteo de
15:16 @??
17 gen - Vai alla news »
Stando a quello che dici bisognerebbe perseguirti per legge, visto che sostieni che i musulmani non dovrebbero avere il diritto di pregare.
15:14 Testa per testa
17 gen - Vai alla news »
Beh, allora la testa di Rolfi, visto il suo attuale ruolo in Regione, per il caso Stamina e il su endorsment frettoloso (video tuttora prese
15:06 @Max73
17 gen - Vai alla news »
Se capisci quello che leggi è scritto chiaro chiaro nell'articolo. Se poi ancora non capisci parlane con il Questore.
14:59 @GrandeEmilio
17 gen - Vai alla news »
Ora, via col tram: facciamolo partorire da Fermi, così andiamo sul sicuro. Nel senso di costi di progettazione ed esecuzione raddoppiati, mu
14:43 sgtegfsrhvs
17 gen - Vai alla news »
Evidentemente un corteo di musulmani è più civile di quattro disadattati bresciani: chissà come sarebbe finita a parti
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...