Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Martedì 17 Gennaio 2017 - Ore 16:08


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
VERSO IL VOTO
acli

Referendum, le Acli bresciane si schierano per il sì

Con una lunga nota il direttivo provinciale delle Acli annuncia il suo “sì per un processo costruttivo” in vista del referendum del 4 dicembre.

ECCO IL TESTO INTEGRALE DEL COMUNICATO

In vista del referendum costituzionale, riassumendo il lavoro fatto in questi mesi per approfondire i contenuti della riforma, il Consiglio provinciale delle Acli bresciane sottolinea il valore della parte- cipazione consapevole al voto, occasione per vincere l’immobilismo del nostro Paese. Qualunque sarà l’esito della consultazione referendaria sulla riforma della Costituzione del prossimo 4 dicembre, questa costituisce un passaggio importante per la vita civile, po- litica e istituzionale dell’Italia. Le Acli bresciane, nel riconoscere un sano pluralismo di idee, hanno animato un’opera di pedagogia costituzionale con oltre quaranta incontri di approfondi- mento e confronto nelle comunità, con la finalità di contribuire a rifondare la cultura politica del nostro Paese attorno ai principi e ai valori della Costituzione. La scadenza referendaria è stata un’occasione per attivare fermenti vivi e vitali nella no- stra società, uscendo dalla logica binaria in cui troppo spesso il dibattito resta intrappola- to, cogliendo per le realtà ecclesiali e della società civile un segnale di speranza per incontrarsi e dialogare anche dopo il referendum. Il discernimento delle Acli si è giocato rispetto all’esercizio della democrazia nel nostro Paese, sul rapporto e l’articolazione tra i poteri, sulla partecipazione dei cittadini alla vita pubblica, sul bilanciamento tra autonomie locali e unità nazionale. Soprattutto sul futuro e il bene comune da costruire per l’Italia. Le Acli invitano i cittadini a partecipare al voto in modo informato. Lo spirito riformista del- le Acli e una moderna cultura della manutenzione costituzionale consentono di non cedere alla tentazione dell’immobilismo, che tradisce lo spirito costituente, sacralizzando il testo e san- cendo la distanza del testo dalla realtà vissuta. Modificare il testo costituzionale non è certo la panacea di tutti problemi del nostro Paese ma, dopo trent’anni di discussioni sulle riforme costi- tuzionali, è un tassello necessario nel quadro di un insieme più ampio di interventi, primo su tut- ti la riforma dei partiti. Guardando alla storia del nostro Paese e ancor più al suo domani, approvare la riforma, pur con i suoi limiti, ci appare come il passo da compiere in questo momento, perché può me- glio accompagnare e sostenere quanto fin qui è emerso nella società civile.



Fonte: Comunicato stampa ven 25 nov 2016, ore 15.19
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
x Patato
(UTENTE NON REGISTRATO)
ti rode eh???
sab 26 nov 2016, ore 00.12
Immagine profilo
Patato
(UTENTE NON REGISTRATO)
E sticazzi non ce lo metti?
ven 25 nov 2016, ore 23.22
Immagine profilo
Patato
(UTENTE NON REGISTRATO)
E sticazzi non ce lo metti?
ven 25 nov 2016, ore 23.21
Immagine profilo
Invece NO!
(UTENTE NON REGISTRATO)
No, perché perché le condizioni di vita di chi oggi è precario, studente, disoccupato, operaio, dopo tutte le riforme che ci sono state non sono affatto cambiate. Noi siamo sempre quelli che vanno a lavorare in nero, che hanno contratti precari, che guadagnano poche centinaia di euro al mese, che hanno problemi a curarsi e a pagare l'affitto, siamo quelli che lavorano 8-10 ore al giorno nelle fabbriche, nei call center, nei centri commerciali, che non hanno diritti, che non hanno garanzie, che sono ricattabili perché non ci sono prospettive e ora questa stessa classe politica, che è responsabile del fallimento sociale, vuole cambiare anche la Costituzione, vuole farci credere che le nostre condizioni di vita dipendono da questa o quella norma della Costituzione e che modificandola avremo un paese più moderno, più efficiente. Io invece credo che questo sia l'ennesimo passaggio da cui la classe operaia, la classe degli sfruttati e degli oppressi di questa società resta con ancora meno diritti e poteri e che l'unico vantaggio lo trarranno, ancora una volta, i padroni e i burocrati che con le loro politiche di austerità hanno creato un impoverimento generale. Un impoverimento generale mentre le banche continuano ad arricchirsi, gli stipendi dei manager aumentano e questa classe politica è ancora lì, da trent'anni. Ci hanno affamato e loro adesso pensano di voler cambiare anche il quadro costituzionale. Siamo noi, invece, gli sfruttati, a dovere riprendere parola, a decidere come riprendersi la propri dignità, uniti per un cambiamento reale che non è quello dei gruppi di potere, delle segreterie di partito, delle holding finanziarie e dei grandi padroni come Marchionne che mandano per strada migliaia di famiglie. Un cambiamento reale, che parte dalla lotta di chi non ha più niente o ha troppo poco, e sa che delegando ad altri non otterrà mai nulla. Voi che vi dite LAVORATORI e CRISTIANI dovreste sapere da che parte stare, ma avete scelto di schierarvi insieme con Confindustria, J.P. Morgan, Marchionne e un'infinità di soggetti che col cristianesimo non hanno nulla a che spartire e men che meno con i lavoratori. Vergognatevi.
ven 25 nov 2016, ore 20.52
Immagine profilo
???????????????
(UTENTE NON REGISTRATO)
Tanto io VOTO NO e con me tutti quelli che conosco!
ven 25 nov 2016, ore 19.34
Immagine profilo
Economist
(UTENTE NON REGISTRATO)
Un quadro più ampio...primo su tutti la riforma dei partiti ? Ah, bene, se ci vogliamo avviare sulla strada del partito unico la riforma renziboschiana la imbocca alla grande: è esattamente quello di cui è accorto persino un quotidiano non qualsiasi, ma l'Economist, quando afferma: "le modifiche potrebbero creare un uomo forte al comando in un Paese che ha prodotto Mussolini e Berlusconi". Già, gli italiani sono morbosamente attratti dall'uomo del "ci penso io" o in milanese del "ghe pensi mì". Uno stava a Palazzo Venezia, l'altro a Palazzo Grazioli. Il terzo è più pericoloso, perchè sta già a Palazzo Chigi e dice di volerci stare fino al 2023...
ven 25 nov 2016, ore 17.51
Immagine profilo
Minculpop
(UTENTE NON REGISTRATO)
Bla, bla, bla, sul pluralismo delle idee, ma purché si voti sì.
ven 25 nov 2016, ore 16.46
Immagine profilo
MeglioNO
(UTENTE NON REGISTRATO)
Le autonomie locali vengono schiacciate da questa riforma centralista, tranne le solite regioni a statuto sociale che continueranno a fare quello che gli pare a spese degli altri fessi. Alla faccia delle ACLI io voto NO.
ven 25 nov 2016, ore 16.31
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
15:29 PAOLO
17 gen - Vai alla news »
Secondo me, ciò che Max73 intendeva dire è che la legge è assurda, in quanto questi personaggi vengono puniti per motivi estranei alla fede
15:28 a 15.16
17 gen - Vai alla news »
Fanatico a chi? Penso che sapere con chiarezza cosa significhi libertà di religione sia il minimo che ci possiamo chiedere, visto che nessun
15:20 cretini
17 gen - Vai alla news »
I cretini ci sono già, sono quelli che sono appena stati condannati al DASPO perché hanno insultato con offese e saluti nazisti il corteo de
15:16 @??
17 gen - Vai alla news »
Stando a quello che dici bisognerebbe perseguirti per legge, visto che sostieni che i musulmani non dovrebbero avere il diritto di pregare.
15:14 Testa per testa
17 gen - Vai alla news »
Beh, allora la testa di Rolfi, visto il suo attuale ruolo in Regione, per il caso Stamina e il su endorsment frettoloso (video tuttora prese
15:06 @Max73
17 gen - Vai alla news »
Se capisci quello che leggi è scritto chiaro chiaro nell'articolo. Se poi ancora non capisci parlane con il Questore.
14:59 @GrandeEmilio
17 gen - Vai alla news »
Ora, via col tram: facciamolo partorire da Fermi, così andiamo sul sicuro. Nel senso di costi di progettazione ed esecuzione raddoppiati, mu
14:43 sgtegfsrhvs
17 gen - Vai alla news »
Evidentemente un corteo di musulmani è più civile di quattro disadattati bresciani: chissà come sarebbe finita a parti
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...