Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Giovedì 08 Dicembre 2016 - Ore 15:19


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
ECCELLENZE
cda valtenesi

Dal 2017 in vigore la nuova denominazione Riviera del Garda Classico

Dopo la pubblicazione del decreto in Gazzetta Ufficiale per i 60 giorni canonici, è entrata pienamente in vigore la nuova denominazione Riviera del Garda Classico, che sarà operativa dalla vendemmia del 2017: una doc che punta a superare l’attuale frazionamento della vitivinicoltura della sponda bresciana del lago di Garda, riservando tuttavia al nome Valtènesi il ruolo di “punta di diamante” della produzione.

L’annuncio è stato ufficializzato dal presidente uscente Alessandro Luzzago nel corso dell’assemblea dei soci del Consorzio Valtènesi, riunita nella sede di Villa Galnica a Puegnago per il rinnovo delle cariche: il nuovo consiglio di amministrazione emerso al termine delle votazioni è composto da Giuseppe Avanzi, Francesco Averoldi, Sante Bonomo, Fabio Contato, Igino Dal Cero, Luca Formentini, Giovanni Franzosi, Cristina Inganni, Antonio Lorenzi, Alessandro Luzzago, Paolo Pasini, Giacomo Tincani, Marco Turina, Mattia Vezzola, Lucia Zuliani. Nei prossimi giorni il cda provvederà a riunirsi per indicare il nuovo presidente e i vicepresidenti.

Nel corso della sua relazione, il presidente Luzzago ha ripercorso le tappe più importanti dell’ultimo triennio, dall’apertura della prima sede consortile nel 2013 all’ottenimento dell’incarico Erga Omnes nel 2014, dal rafforzamento della presenza delle aziende del comparto a Vinitaly al debutto a Prowein. Passaggio particolarmente significativo è stato
l’affidamento della direzione nel 2015 a Carlo Alberto Panont la cui esperienza è stata strategica per arrivare alla sottoscrizione del patto di territorio che ha portato al disciplinare unico.

“Unità e identità erano le priorità assolute all’inizio del mio mandato – ha detto Luzzago -. Il patto di territorio e la nuova denominazione hanno dato risposta a queste necessità: ora ci sono le condizioni per fissare l’asticella più in alto. Tutte le nostre risorse ed energie potranno essere convogliate in un’unica direzione, con l’aspettativa di ottenere risultati decisamente più significativi in quanto avremo la possibilità di migliorare la nostra immagine pubblica semplificando la comunicazione”. Il passaggio alla nuova Doc andrà sostanzialmente ad unificare le preesistenti denominazioni Garda Classico e Riviera del Garda Bresciano in un disciplinare nel quale la denominazione Valtènesi rappresenterà il vertice della piramide qualitativa. Questo il presupposto del patto di territorio lanciato all’inizio dell’anno dal Consorzio Valtènesi, al quale ha aderito la stragrande maggioranza dei produttori del territorio, comprese anche le principali aziende dell’area Lugana la cui produzione si estende ai vini della Valtènesi a base Groppello. Il progetto prevede infatti anche il rinnovo dei disciplinari di produzione, con l’ampliamento ad est degli attuali confini del territorio di produzione oltre che variazioni nella base ampelografica.

“C’è uno scenario molto diverso rispetto a tre anni fa – ha detto Luzzago-. Si è formato un gruppo coeso tra tutti coloro che si sono impegnati per raggiungere questo importante traguardo. Ma credo che col tempo questa percezione di unità si tramuterà in un senso di appartenenza molto forte nel segno di un orgoglio comune”. Importanti nel cammino futuro saranno anche i progetti di ricerca come quello sulla caratterizzazione del Chiaretto o sulla selezione clonale del Groppello, che secondo Luzzago “dovranno continuare anche nei prossimi anni per approfondire la conoscenza sulla nostra uva e la nostra identità. Ci vorrà inoltre una condivisione ampia delle conoscenze in modo che tutti i produttori si sentano coinvolti in una progettualità univoca, imparando a parlare un solo linguaggio”.


Fonte: Comunicato stampa mer 30 nov 2016, ore 12.31
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
15:11 @vero
08 dic - Vai alla news »
Che i clienti siano bresciani o extra non cambia nulla. Le vittime invece sono tutte straniere e non a caso: sono le più deboli. Ci vorrebbe
15:11 omen nomen?
08 dic - Vai alla news »
potrebbe essere tutto tranne quello che dice il suo nome d'arte.... ma anche per il resto, per essere uno che "spopola" si nutrono forti dub
15:01 @Sandro Belli
08 dic - Vai alla news »
Bisogna analizzare dove va realmente il Paese, non dove vorrebbe farlo andare per forza qualcuno. Vede, Belli, il fatto che 75% dei giovani
14:56 VERO RAZZISMO
08 dic - Vai alla news »
PUTTANIERI EXTRACOMUNITARI CHE VIOLENTANO POVERE RAGAZZE CINESI NON CONSENZIENTI CHE CONSIDERANO LE DONNE PER DI PIU' STRANIERE COME ESSERI
13:59 BRAVO!!!
08 dic - Vai alla news »
Grazie Bello Figo perchè le tue canzoni dimostrano ai nostri governanti quanto siano stati ingenui e creduloni nel ritenere che tutti color
13:41 a 12.35
08 dic - Vai alla news »
Io ho parlato in senso generale. Ed è dalla somma delle trasmissioni TV e dei TG che emerge che è cresciuta la paura. Se penso poi che per m
13:37 Sandro
08 dic - Vai alla news »
Stiamo a vedere se i " sapienti del No" sapranno ridurre il numero dei parlamentari ( 215 senatori in meno ), dar un segnale di diminuzione
13:02 Scassamento
08 dic - Vai alla news »
Arensi da scasso ? Hanno scassato...loro e chi non sia ccorge dell'escalation della delinquenza e della malavita organizzata in Paese che no
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...