Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Mercoledì 18 Gennaio 2017 - Ore 04:57


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
LE REAZIONI
Lacquaniti

Lacquaniti (Pd): il popolo si è espresso, ma ora temo vuoto di potere e intolleranza

“Ha vinto il no. Il popolo si è espresso”. E' del deputato Pd Luigi Lacquaniti la prima nota a caldo sul referendum costituzionale: un'analisi impietosa sugli effetti pratici del risultato elettorale. Così conclude la nota, di cui riportiamo il testo integrale: “Vuoti di potere, ingovernabilità sono ostacoli al superamento definitivo della crisi economica che ci stavamo lasciando alle spalle e possono esser premesse per il prevalere in Europa delle forze dell’austerity e dell’intolleranza”.

ECCO IL TESTO INTEGRALE

Il popolo si è espresso: ha vinto il NO alle riforme costituzionali, nulla cambia. Nessuna riduzione al numero dei parlamentari. Nessuna riduzione dei tempi dell’attività legislativa. Nessuna riduzione dei costi della politica. Nessuna introduzione nella Costituzione della parità di genere. Nessuna abolizione del CNEL, ente inutile e costoso. Nessuna semplificazione nella giungla di competenze di Stato e Regioni, e di conseguenza nessuna riduzione delle relative controversie davanti alla Corte Costituzionale. Coloro che volevano conservare l’esistente hanno prevalso sui tanti di noi che proponevano di adeguare e migliorare una parte della Costituzione italiana. Ne prendiamo atto. Il voto popolare in democrazia non si discute, si accetta. Ed è comunque un dato positivo l’alta affluenza.

Oggi vi è la necessità di lasciarsi alle spalle una lunga ed esasperata campagna referendaria che per alcuni tratti si è trasformata in rissa politica. E’ necessario per il bene del Paese recuperare toni più sobri.

La vittoria del No ha molti Padri. Una coalizione di partiti, di minoranze di partiti, di movimenti e associazioni, le più disparate, che hanno strategie molto differenti, talora opposte l’una all’altra. Una coalizione molto eterogenea, unita solo dall’esser contro. E nessun vantaggio politico per i vari Fassina, Bersani, D’Alema: tutti loro in realtà hanno lavorato per il ritorno delle forze della destra populista che dappertutto in Occidente stanno conquistando il potere.

Il Paese continua ad aver necessità di un Governo. Vi è la legge elettorale da adeguare, vi sono importanti impegni economici, finanziari, internazionali. Tocca al Presidente Mattarella adesso risolvere la crisi al buio che dopo il risultato referendario si apre. Vuoti di potere, ingovernabilità sono ostacoli al superamento definitivo della crisi economica che ci stavamo lasciando alle spalle e possono esser premesse per il prevalere in Europa delle forze dell’austerity e dell’intolleranza.



Fonte: Comunicato stampa lun 05 dic 2016, ore 10.51
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
stradivarius
(UTENTE NON REGISTRATO)
Un testo, quello dell'Onorevole tansfuga, fatto solo di ovviomi ma dettato in realtà solo dall'ansia di riposizionarsi rapidamente sul fronte renziano, cosa più ardua vista la provenienza parlamentare vendoliana. Ma il personaggio è storicamente avvezzo al mestiere "saltaquagliesco": lasciatelo parlare oggi di austerity o intolleranza e magari tra un annetto, al mutare della legge elettorale, ci dirà esattamente il contrario...
dom 11 dic 2016, ore 10.06
Immagine profilo
???????????????
(UTENTE NON REGISTRATO)
Spero che almeno possa servire ad emarginare politicamente i voltaggabbana. Certo che ce ne è voluta tutta per fare il salto della quaglia dalla sinistra al PD con a capo uno come Renzi che definirlo di destra è solo un eufemismo!
dom 11 dic 2016, ore 09.50
Immagine profilo
@Laquaniti
(UTENTE NON REGISTRATO)
Ma va là........sento or ora in strada sferragliare i cingoli dei carri armati pieni dei suoi conterranei che vanno ad occupare la RAI, ecc..............ah già....la RAI l'avete già occupata voi
lun 05 dic 2016, ore 17.40
Immagine profilo
Scusa, Luigi
(UTENTE NON REGISTRATO)
L'amico Gennarino Migliore l'hai già sentito? Chiedo perché l'ho visto parecchio abbacchiato e preoccupato dopo la scoppola referendaria. Magari potete iniziare cercare lavoro insieme perché potrebbe capitare che dopo le prossime elezioni non ci sia più una sedia piddina per voi e l'ennesimo salto della quaglia non è detto che riesca: gli altri partiti potrebbero pensare che portate un po' di scalogna...
lun 05 dic 2016, ore 16.06
Immagine profilo
Annacquato
(UTENTE NON REGISTRATO)
Ma questo Lacquaniti (eletto nelle fila di "Sinistra, Ecologia, Libertà" del compagno Vendola) come transfuga e doppiocasacchista passato nel PD, pontifica oggi contro i compagni Bersani, D'Alema e Fassina ? Parla di molti Padri della vittoria del NO, ma non parla di sconfitta del SI che ha un solo padre e protagonista: il giovane avanguardista toscano, altezzoso e supponente, convinto di poter fare e disfare a proprio piacimento giocando con la Costituzione, che ha preteso di personalizzare un referendum confermativo finendo col bruciarsi tutti i ponti alle spalle. Ben gli sta: a lui, ai suoi boys ed alle sue girls.
lun 05 dic 2016, ore 15.04
Immagine profilo
acasa
(UTENTE NON REGISTRATO)
Vai a casa anche Tu insieme al tuo padrone che avete stufato con la storia dell'intolleranza e dei muri.
lun 05 dic 2016, ore 12.16
Immagine profilo
@PensieroLibero
(UTENTE NON REGISTRATO)
Una parte certamente. Una grandissima parte manco sa cos'è una riforma costituzionale.
lun 05 dic 2016, ore 11.45
Immagine profilo
PensieroLibero
(UTENTE NON REGISTRATO)
Ma se la gente avesse detto NO solo perché era una riforma scritta male!
lun 05 dic 2016, ore 11.44
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
03:18 radko mladic
18 gen - Vai alla news »
Gia' proprio come Bruxelles...miopi ipocriti responsabili della disfatta etnica di un popolo debole e privo di identita', come gli italiani
02:16 Credit Solution
18 gen - Vai alla news »
Ciao! Hai bisogno di sostegno finanziario? Seguire il denaro e si ottiene tutti i tipi di credito subito! € 1.000 a € 10.000.000,00
00:45 Baffone
18 gen - Vai alla news »
'Sto pubblicista(?) voleva zittire un giornalista? E poi dicono che uno va a Predappio...
00:13 Incredibile !
18 gen - Vai alla news »
Incredibile Fabius ! I dilettanti allo sbaraglo furono dal 2008 al 2013 il duo Parolfi (Paroli e Rolfi) e la loro Giunta di "giovani di stud
21:54 Gino
17 gen - Vai alla news »
Per fortuna che ci sono persone serie che sanno cosa devono fare.Questo candidato avrebbe portato alla sconfitta certa come il precedente Ca
21:25 considerazione
17 gen - Vai alla news »
Vero. Infatti sia la chiesa che i musulmani combattono la modernità, il laicismo, il diritto di scegliere consapevolmente e non costretti da
21:17 klero
17 gen - Vai alla news »
Questi non distruggono la chiesa, che sarà sempre più ricca, ma distruggono noi e le nostre tradizioni. Bisogna assolutamente togliere l'8 p
20:20 Beluhinlgailm
17 gen - Vai alla news »
мос ;квk 2;Бе 83;ух 080;н Дми ;трl 0;
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...