Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Lunedì 16 Gennaio 2017 - Ore 22:58


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
IL PUNTO
MOTTINELLI

Mottinelli: il referendum ci lascia una Provincia più forte

“La Provincia? L'esito di questo referendum ci lascia un ente più forte”. Con queste parole il presidente del Broletto Pier Luigi Mottinelli ha aperto oggi la conferenza stampa per il bilancio di fine legislatura. “Come noto io ero a favore della riforma Renzi e il mio è uno dei soli cinque Comuni bresciani in cui ha vinto il Sì”, ha sottolineato Mottinelli, “ma il risultato del voto dice che le Province rimangono enti costituzionali e come tali devono disporre di risorse proprie adeguate. Se il governo non interverrà sui tagli previsti, nessuno dei nostri enti sarà in grado di chiudere un bilancio: ho fiducia nel fatto che tutto si risolverà”.

Quindi, Mottinelli ha evidenziato come l'esito del voto debba necessariamente portare anche a una revisione dei piani regionali di ridefinizione dei confini provinciali (l'ipotesi di più eclatante era l'”autonomia” della Valcamonica). “E' plausibile una riperimetrazione che aggrega più province, non un progetto che scorpori porzioni di territorio”, ha detto. Per poi sottolineare che il nuovo biennio che lo aspetta (anche se il voto potrebbe essere accorpato con le amministrative della primavera 2019) sarà caratterizzato da un maggiore coinvolgimento delle aggregazioni territoriali dei Comuni, a partire dalle Comunità montane (quella dell'Alto Garda potrebbe presto estendersi a tutto il lago), passando dalla Franciacorta, per arrivare a nuove aggregazioni - “in una, due o tre realtà” - di tutti gli enti della Bassa.

Ma l'ambizione resta quella di uscire dai confini della Leonessa: “Tengo molto al rapporto con le Province vicine”, ha spiegato il presidente, “l'idea che si possa valorizzare la Lombardia Orientale come realtà affiancata a Milano è una grande carta da giocare per lo sviluppo dei territori. Le Province di Bergamo, Cremona e Mantova, con i Comuni capoluogo, hanno già iniziato a lavorare su questo fronte”.

Mottinelli, ancora, ha sottolineato la sinergia con il primo azionista del Broletto, la Loggia, e – interrogato dai giornalisti sul proprio futuro – ha sottolineato di non guardare a Roma. “Non sappiamo quando si voterà, ma comunque mi pare che la legge preveda per i presidenti delle Province l'ineleggibilità in enti superiori e io sono convinto che sia per me doveroso portare a termine il mandato qui”.

Un'ultima nota, il presidente del Broletto l'ha quindi riservata alla scottante questione delle migliaia di multe piovute sulla Goitese. “Avevamo tre strade: confermare tutto, ritirare l'atto (confermando le multe passate ed evitandone di nuove) oppure percorrere la strada dell'annullamento. Noi abbiamo preso quest'ultima, la più coraggiosa, perché la politica deve assumersi la responsabilità dei propri errori (anche se quest'atto l'ha firmato il mio predecessore). Ora”, ha concluso, “seguiamo con interesse la partita dei ricorsi”.



Fonte: Redazione ven 30 dic 2016, ore 16.13
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
veritas
(UTENTE NON REGISTRATO)
Da abolire sono ke regioni che centralizzano le risorse e sperperano il controllo dei cittadini si ha sul territorio piccolo certo non può essere che vi siano provincie con 200000 abitanti come non devono esistere comuni con 100 abitanti tutto deve essere riorganizzato con buon senso già ma chi ????
gio 05 gen 2017, ore 19.22
Immagine profilo
storia
(UTENTE NON REGISTRATO)
questa storia o meglio anche questa storia delle province italiane e' a dir poco vergognosa. Non e' colpa di nessuno ma nel frattempo tutti ai posti di comando con i vari benefit che ne conseguono maaahh
mer 04 gen 2017, ore 10.01
Immagine profilo
ztkbwujwjos
(UTENTE NON REGISTRATO)
Incredibili e basta le parole di costui
mar 03 gen 2017, ore 10.46
Immagine profilo
Inquietante
(UTENTE NON REGISTRATO)
Un'elucubrazione, anzi una serie di elucubrazioni che lascia allibiti per come i politici siano capaci di dire e non dire, affermare una cosa e pensarne un'altra, mostrarsi convinti e smentirsi di brutto. Uno schifo, cui bisognerebbe rispondere, come cittadini, con una serie di bordate in stile referendum sino a convincerli che siamo arcistufi di vederli e sentirli parlare a vuoto e di nullità assolute distanti anni luce dal riguardare il bene comune e gli interessi veri delle comunità. A casa.
dom 01 gen 2017, ore 21.11
Immagine profilo
Che schifo
(UTENTE NON REGISTRATO)
Ha difeso la legge del rio ha fatto campagna elettorale per il si ovvero ha fatto di tutto per cancellare o ridurre ai minimi termini la Provincia ora gioisce ..... Per cortesia Dimetti.
dom 01 gen 2017, ore 20.05
Immagine profilo
:della serie:
(UTENTE NON REGISTRATO)
Ero d'accordo, ma anche no. Non mi piace ma mi fa comodo. Veltroni de noalter.
sab 31 dic 2016, ore 17.55
Immagine profilo
semplificazz
(UTENTE NON REGISTRATO)
Correva l'estate 2013 e il sig. Ministro Delrio con il suo ddl svuotava le province di legittimazione e di mezzi in vista di una semplificazione istituzionale verso un rafforzamento delle unioni tra comuni e citta' metropolitane ... 2017 tutto ricomincia! Le province di allora (anno 2013) esclusivamente capro espiatorio politico sociale del paesello che gridava "via le poltrone"! Ahahah. Referendum costituzionale NO secco e le province rinasceranno. Ahahah Nuove risorse e nuove poltrone e auto blu in arrivo. Il tutto con delle belle decisioni tra 4 amici al bar senza ovviamente elezioni democratiche ahaha che bravi !!!! Poi si riempivano la bocca e ci riempivano le "scatole" raccontandoci della nostra o meglio della loro costituzione mavaaaaa
sab 31 dic 2016, ore 17.30
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
21:40 Mi piace
16 gen - Vai alla news »
A mio avviso la Appendino, che è intima di Gamba, ma non il judoka amico di Putin, che telefona a Trump amico di Briatore, ma l'avvocata nos
20:56 20.54
16 gen - Vai alla news »
Tutti contro Del Bono, intanto erano trent'anni che aspettavamo il palazzetto e se fa anche lo Stadio sindaco d'Italia dobbiamo farlo!
20:55 20.54
16 gen - Vai alla news »
Tutti contro Del Bono, intanto erano trent'anni che aspettavamo il palazzetto e se fa anche lo Stadio sindaco d'Italia dobbiamo farlo!
20:55 Palazzetto
16 gen - Vai alla news »
Tutti contro Del Bono, intanto erano trent'anni che aspettavamo il palazzetto e se fa anche lo Stadio sindaco d'Italia dobbiamo farlo!
20:55 Palazzetto
16 gen - Vai alla news »
Tutti contro Del Bono, intanto erano trent'anni che aspettavamo il palazzetto e se fa anche lo Stadio sindaco d'Italia dobbiamo farlo!
20:55 Palazzetto
16 gen - Vai alla news »
Tutti contro Del Bono, intanto erano trent'anni che aspettavamo il palazzetto e se fa anche lo Stadio sindaco d'Italia dobbiamo farlo!
20:54 Palazzetto
16 gen - Vai alla news »
Tutti contro Del Bono, intanto erano trent'anni che aspettavamo il palazzetto e se fa anche lo Stadio sindaco d'Italia dobbiamo farlo!
20:49 centrods
16 gen - Vai alla news »
Diviso il centro destra? Inesistente in 5anni di amministrazione pd.
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...