Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Mercoledì 18 Gennaio 2017 - Ore 02:53


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
L'ANALISI
Io

La vittoria di Mottinelli, la città e la sfida delle periferie

(a.tortelli) Rosso vince, nero perde. Per molti, alla vigilia, le elezioni provinciali erano una partita alla roulette. Ma non per il presidente Pier Luigi Mottinelli che – raccontano le voci – durante un pranzo aveva previsto tutto: il successo del Pd, il calo di Forza Italia e anche quello dei cosiddetti dissidenti peroniani. Aveva ragione. Ed è lui, Mottinelli, il vero vincitore di queste votazioni.

Con il voto, infatti, Mottinelli ha scongiurato il rischio anatra zoppa (cioè di fare il presidente come espressione di una minoranza politica), ma ha anche allargato notevolmente il proprio bacino di sostegno. Con lui c'è innanzitutto il Pd, che da solo potrebbe bastargli. Ma rimangono anche, al confine dell'alleanza, quattro consiglieri con cui dialogare su ogni tema: i tre di Forza Italia (a partire da Alessandro Mattinzoli) e, Mariateresa Vivaldini (che già lo sosteneva). Sul bordo, ma non tra i nemici, si colloca anche l'eletto della lista che unisce sinistra e ambientalisti, che peraltro alle urne ha goduto anche del sostegno interessato di porzioni del Pd. Mentre l'opposizione dura contro di lui - e soprattutto contro i suoi alleati forzisti - ha perso un pezzo importante, anche in vista dell'imminente resa dei conti negli Azzurri bresciani.

Ma il voto suggerisce anche altro. Ad esempio che per Mottinelli rimane decisivo l'asse con la cosiddetta città estesa, da sempre uno dei feudi elettorali del centrosinistra. La Loggia è il maggiore azionista del Broletto, se la si guarda in ottica di città metropolitana (aggregazione, peraltro, ben lungi dal venire dal punto di vista politico). E la vera sfida di Mottinelli - che nei primi due anni di mandato ha raccolto consensi superiori alle più rosee attese - sarà quella di continuare a giocare su più tavoli: mantenendo buoni rapporti con la città (il tema più scottante rimane quello ambientale), ma anche facendo in modo che il Broletto diventi davvero la “casa dei Comuni”: cioè dando risposte soprattutto alla periferia di una provincia troppo vasta, che stavolta non è stata in grado di contare.

Basta incrociare i dati degli eletti con le loro residenze per verificarle l'equazione: all'allontanarsi dal capoluogo diminuiscono proporzionalmente le possibilità di essere eletti, e dunque di incidere nelle decisioni. Un errore di sistema, che la buona politica deve correggere. Mottinelli lo sa: non a caso sta già lavorando sulle aggregazioni per area. E sa anche (pur puntando già lo sguardo oltre Brescia) che, nel 2018-2019, con il probabile ritorno all'elezione diretta, alcuni territori – come la sua Valcamonica – torneranno ad acquisire ben altro peso negli assetti dell'ente.  



Fonte: Redazione lun 09 gen 2017, ore 00.35
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
Auguroni
(UTENTE NON REGISTRATO)
Auguri agli eletti dagli eletti per l'eccelsa alchimia politica messa in atto e finalizzata al nulla del nulla, cioè ad un Istituzione di secondo livello con poche competenze e zero risorse nonchè bilanci pesantemente in rosso da risanare possibilmente con nuovi multavelox ? Complimentoni da tutti i bresciani.
mar 10 gen 2017, ore 23.35
Immagine profilo
Claudio Bragaglio
(UTENTE REGISTRATO)
Condivido le valutazioni di Andrea Tortelli che mi paiono molto pertinenti. Mi permetterei di aggiungere un aspetto politico, per me fondamentale. Del tipo: perde una destra divisa e vince un PD bresciano ed una coalizione di centro sinistra e di civismo uniti. Scontato? Per nulla, se solo consideriamo il problematico (per non dire di più…) quadro nazionale del PD e dintorni. A Brescia (così in Lombardia ed a Milano con Sala) ci si è mossi in una direzione ben diversa. E l’unità non è mai una formula, ma è una politica. Anche la stessa vicenda del Referendum, pur combattuta, a Brescia non è stata deflagrante. Scontato? Anche questo per nulla. Infatti la dialettica non è andata oltre certi limiti di contrapposizione. Merito indubbio di chi ha condotto la propria battaglia per il sì. Ma, ritengo, anche di chi, come il sen. Paolo Corsini , si è schierato in un certo modo e con un riconosciuto equilibrio per il no. Gli ultrà delle opposte tifoserie ( e financo di certi circoli PD) forse non se ne sono accorti, ma…pazienza. Intanto parlano di questo i buoni risultati anche delle Provinciali. Questo conta. Un sincero augurio al già-neo presidente Mottinelli ed agli eletti.
mar 10 gen 2017, ore 23.17
Immagine profilo
gei acs
(UTENTE NON REGISTRATO)
ma quale vittoria elettorale? non hanno votato i cittadini
mar 10 gen 2017, ore 10.50
Immagine profilo
stradivarius
(UTENTE NON REGISTRATO)
Sembra il sofisticato commento di un esperto politologo ad una tornata elettorale dove i cittadini sono stati chiamati alle urne per eleggere i loro rappresentanti, ma in realtà è solo l'analisi di una partita a scacchi giocata tra politici di mestiere che hanno impiegato giorni e mesi in dispute, accordi, negoziazioni finalizzate solo (e risulta ben chiaro nell'analisi) alla dimensione nela gestione del potere e dei suoi equilibri. Desolante, pertanto, il richiamo...alla buona politica difronte ad una montagna di incongruenze quasi surreali mentre il pensiero va alla sovranità popolare, al consenso, all'esercizio democratico nella gestione della cosa pubblica.
lun 09 gen 2017, ore 18.11
Immagine profilo
bruna
(UTENTE NON REGISTRATO)
Sarà che qualcuno aveva avanzato la candidatura di Vigilio Bettinsoli..... e allora son suonate le trombe e sè fatto di tutto per perdere.
lun 09 gen 2017, ore 17.29
Immagine profilo
Errate voi...
(UTENTE NON REGISTRATO)
Il centrodestra se si fosse presentato unito avrebbe preso 7 seggi su 16 (17 considerando che il presidente è Pd e quello sarebbe rimasto in carica)...
lun 09 gen 2017, ore 11.41
Immagine profilo
previsioni
(UTENTE NON REGISTRATO)
forse errate visto che il centrodestra se si fosse presentato unito avrebbe vinto, ma FI ha deciso con il suo segretario Mattinzoli, di regalare la maggioranza al PD,,, chissà il perché.....
lun 09 gen 2017, ore 10.09
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
02:16 Credit Solution
18 gen - Vai alla news »
Ciao! Hai bisogno di sostegno finanziario? Seguire il denaro e si ottiene tutti i tipi di credito subito! € 1.000 a € 10.000.000,00
00:45 Baffone
18 gen - Vai alla news »
'Sto pubblicista(?) voleva zittire un giornalista? E poi dicono che uno va a Predappio...
00:13 Incredibile !
18 gen - Vai alla news »
Incredibile Fabius ! I dilettanti allo sbaraglo furono dal 2008 al 2013 il duo Parolfi (Paroli e Rolfi) e la loro Giunta di "giovani di stud
21:54 Gino
17 gen - Vai alla news »
Per fortuna che ci sono persone serie che sanno cosa devono fare.Questo candidato avrebbe portato alla sconfitta certa come il precedente Ca
21:25 considerazione
17 gen - Vai alla news »
Vero. Infatti sia la chiesa che i musulmani combattono la modernità, il laicismo, il diritto di scegliere consapevolmente e non costretti da
21:17 klero
17 gen - Vai alla news »
Questi non distruggono la chiesa, che sarà sempre più ricca, ma distruggono noi e le nostre tradizioni. Bisogna assolutamente togliere l'8 p
20:20 Beluhinlgailm
17 gen - Vai alla news »
мос ;квk 2;Бе 83;ух 080;н Дми ;трl 0;
20:10 a 19.52
17 gen - Vai alla news »
Se questo dovesse succedere come ci ha già peraltro detto Gabrielli, significa che o siamo già pieni di terroristi, oppure anche quelli che
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...