Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalitā illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di pių o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



Mercoledì 18 Gennaio 2017 - Ore 15:03


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
L'OPINIONE
Bragaglio

La Tintoretto impacchettata

di Claudio Bragaglio - La vicenda esplosa sulla stampa, che coinvolge alcuni Fondi immobiliari per il deprezzamento delle loro quote fino all’80%, purtroppo parla anche di Brescia. Il riferimento è alla società Investire SGR che sta ipotizzando un’operazione immobiliare per 30 milioni per la vicenda della Torre Tintoretto.

Per dire della gravità della questione basti citare l’incipit d’un articolo di Walter Galbiati (la Repubblica, 6.1.17), in cui si afferma che “c’è un caso di risparmio tradito che ha fatto meno scalpore del Monte dei Paschi o dell’Etruria, ma che sta per deflagrare con numeri da capogiro…”. Si tratta delle quote vendute da Poste italiane per quattro Fondi immobiliari. Ebbene due di questi Fondi - Obelisco e Invest Real Security - riguardano appunto Investire SGR. Con una caduta di valore delle quote dei due Fondi che passano dai 2500 euro iniziali, rispettivamente a 390 e 216. Al punto che con il 31 dicembre 2016 Invest Real Security ha dovuto pure chiudere i battenti. Per rilevare l’importanza che questi due Fondi ricoprono in Investire SGR basti segnalare che essi rappresentano il 55% dell’attività globale. Il tutto in attesa di smentite – finora non pervenute – in merito a questi dati forniti dalla stampa.

La ricaduta su Brescia è evidente in quanto può riguardare l’affidabilità dell’interlocutore che è da tempo coinvolto nella vicenda della Tintoretto. A partire dalla Delibera del giugno del 2015 che stabiliva percorso ed incarico ad Investire SGR per una “riqualificazione della Torre in alternativa alla demolizione”. Ma che, cammin facendo, pur non essendo cambiati né Delibera, né Protocollo sottoscritto, ha registrato un’inversione di 180°, diventando, per iniziativa (o, meglio dire, per un aut…aut...) di Investire SGR una “demolizione della Torre in alternativa alla riqualificazione”. Da tempo alcune vicende problematiche erano già state messe a fuoco. Il carattere privato dell’intera operazione; cosa per nulla disdicevole, se resa però funzionale anche agli interessi della città, e non già ai soli Fondi immobiliari. Il mutamento privatistico della nuova Cassa Depositi e Prestiti – il “business model di CDP”, come l’ha definito l’on. Franco Bassanini - rispetto a quello “pubblicistico” degli anni che furono. Il ruolo poco chiaro (come si desume dalla stampa economica) della Banca Finnat (nonché della famiglia Nattino) che detiene la maggioranza assoluta di Investire SGR. Non si è mai trattato, almeno da parte mia, di coltivare pregiudizi. Ma neppure l’illusione di trovarsi di fronte a Fondi pubblici (e “generosi”, come in passato con CDP) al servizio di Enti locali. Un sentore che qualcosa non quadrava lo si è avuto anche nella Commissione Consiliare del 19.10.16 dove - tra slides e la diversa esposizione orale dei rappresentanti di Investire SGR - si son fatti “ballare”, tra il dare e l’avere per Comune ed Aler, ben 2,8 mln di euro (500 mila per il valore della Torre e 2,3 mln euro come contributo a fondo perduto).

Da parte mia ritengo che vi siano per la città e per la stessa Amministrazione troppi rischi per poter evitare un serio riesame dell’intera vicenda. Cosa finora non fatta. Non è dato di poter aggirare problemi che sappiamo essere complessi, sia sotto il profilo finanziario, che delle politiche abitative ed urbanistiche. Non ho nascosto la mia opinione critica anche sulla Perizia dell’Agenzia delle Entrate che, così come formulata, appare un modo per aggirare i problemi. Infatti non ha senso richiedere, come ha proposto il presidente Aler, Ettore Isacchini, una Perizia dell’Agenzia “sul compendio immobiliare denominato Torre Tintoretto”, ma da cui è fatta sparire la valutazione economica della Torre stessa. Mentre si richiederebbe una valutazione di congruità (anche “sociale e abitativa”, alla Agenzia delle Entrate!) del progetto edificatorio di Investire SGR. Ma che mai nessuno ha ritenuto necessaria. Non saprei dire se l’intento di Isacchini sia poi quello di voler aggirare un eventuale ricorso alla Corte dei Conti, che già nel 2012 lo ha bloccato sulla strada rovinosa della demolizione.

Se così fosse, sarei sorpreso non tanto dalla sua coerenza, avendo sostenuto tutte le più diverse ed opposte soluzioni per la Tintoretto. In realtà lui, impelagato come Aler da anni, non sa come venirsene fuori dalla vicenda Tintoretto, se non - con compulsiva scaltrezza e confidando nell’altrui ingenuità - mettendo nei guai Sindaci ed Assessori del momento: ieri Paroli-Bianchini, oggi provandoci con Del Bono-Fenaroli. Con lui sempre indenne! Chapeau! Ma non c’è alcun gioco di magia – anche appellandosi all’Agenzia - che possa far sparire la Torre e la Perizia di 15 milioni, formulata tre anni fa da Probrixia proprio per l’Aler, né il valore catastale dei 7 mln messi a bilancio dall’Aler stesso. Insomma un “impacchettamento” della Torre non è dato neppure ad Isacchini, se non a mo’ del Christo apprezzato anche a Montisola, che impacchetta sì gli edifici, ma per renderli – con la loro apparente assenza – ancor più evidenti anche...nel loro valore. In tal caso mi sentirei pure di ringraziarlo.

* Ex assessore Comune di Brescia



Fonte: Opinione lun 09 gen 2017, ore 20.19
L'editore si riserva la possibilitā di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
Isachini chi?
(UTENTE NON REGISTRATO)
A me non sembra molto credibile che Isachini abbia tutto questo ruolo che dice Bragaglio nelle decisioni del comune come se i sindaci non capiscono come risolvere il problema della Tintoretto.
gio 12 gen 2017, ore 22.00
Immagine profilo
Claudio Bragaglio
(UTENTE REGISTRATO)
Pericle: la Tintoretto č dell’Aler. I progetti di riqualificazione o di ristrutturazione che conosco all’incirca vanno (a secondo del tipo di intervento, quindi di costo) dai 12 ai 25 milioni, per 190 alloggi, con possibilitā di costruire nella zona antistante la Torre altri 20/30 alloggi. Chi paga? La cosa č cambiata nel tempo. Nel progetto della Giunta Corsini, concordato allora con la Giunta regionale (assessore Scotti), nel 2007, sui 36 milioni previsti per le due Torri (Tintoretto e Cimabue, quindi 18 mln per torre) la Regione interveniva con 30 milioni. Da quando, con la Giunta Paroli, si č imboccata la strada della demolizione, alla Regione non č parso vero dirottare altrove le risorse (allora su Milano, governato dalla destra) lasciando Aler e Comune di Brescia con il rubinetto praticamente chiuso. Direi proprio un gran capolavoro del centro destra locale!
mer 11 gen 2017, ore 11.50
Immagine profilo
Interrogativo
(UTENTE NON REGISTRATO)
Ma l'assessore Fenaroli che dice su tutto questo?
mar 10 gen 2017, ore 22.14
Immagine profilo
favolette
(UTENTE NON REGISTRATO)
la societā che ha tanti soldi da investire... e pure sembra che ci faccia un piacere.... ci vogliamo ricordare che nell'edilizia succedono le peggio cose? dai fondi immobiliari č partito tutto nel 2006.... e ci ricordiamo magari anche del progetto "autocostruzione" che dopo avere "creato problemi" a Milano ed in altre cittā č alfine approdato anche a Brescia, mettendo in grossa difficoltā le famiglie che ci avevano creduto... e Aler?
mar 10 gen 2017, ore 21.39
Immagine profilo
Patussi
(UTENTE NON REGISTRATO)
Bella l'idea di coinvolgere Christo.... forse potremmo trovare i soldi per la ristrutturazione!
mar 10 gen 2017, ore 21.32
Immagine profilo
pericle
(UTENTE NON REGISTRATO)
Giā. Mi ricordate a chi appartiene la Torre? e quanto costerā una ristrutturazione? e chi ci mette i soldi nel caso? Grazie.
mar 10 gen 2017, ore 21.25
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
14:57 Sergio P.
18 gen - Vai alla news »
Il Sole 24 Ore ??? Mica č il Vangelo !!! E basta chiedere alla gente in giro : LA GENTE E' CONTENTA DEL NOSTRO SINDACO ....
14:42 @Minculpop
18 gen - Vai alla news »
Chi č fascista non appartiene ai democratici, ma a coloro che amano ed auspicano una dittatura nč pių nč meno dei comunisti. Quindi, ringraz
14:29 Piddino
18 gen - Vai alla news »
Vero un passaggio: i sondaggi non misurano pių un emerito niente!!!!!!
14:07 @1303
18 gen - Vai alla news »
Invece tu tifi per tutti basta che non siano bresciani.
13:55 bah?!
18 gen - Vai alla news »
Mi pareva strano che fosse in carcere... Che leggi di M...
13:26 giusto
18 gen - Vai alla news »
Se razzisti stupidi si comportano cosí, e sono pure pregiudicati, bene ha fatto la Questura ad impedire a questi figuri di andare a fare cas
13:22 grigio
18 gen - Vai alla news »
Se tu fossi un vero moralista coerent potresti tenerla in casa tua perché no!!!
13:03 @questore
18 gen - Vai alla news »
Mentre tu tifi per i fascisti.
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La pių grande comunitā italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...