Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.     Ho capito     Maggiori informazioni



22 Gennaio 2017 - Ore 23:28


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal CamonicaRegione Lombardia
Banner A2A
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
POLEMICHE
fabio rolfi

Elezioni provinciali, Rolfi (Lega): Abbiamo perso solo per le divisioni personali

Sulle elezioni provinciali di Brescia si è aperto il dibattito, e anche il consigliere regionale della Lega Fabio Rolfi aggiunge benzina sul fuoco. "Leggo sui giornali toni trionfali da parte di esponenti del Pd sull'esito delle lezioni provinciali, che ricordiamo essere elezioni di secondo livello, cioè dove a votare sono esponenti di partiti, gli amministratori locali e non i cittadini", scrive in una nota. "Al di là di valutazioni sul pasticcio Delrio, ossia la legge che volendo assicurare la guida delle province al Pd, togliendo il diritto di voto dei cittadini, di fatto le ha svuotate di risorse creando non pochi problemi (pensiamo alle scuole senza riscaldamento, ai disabili senza assistenza scolastica, ai ponti che crollano per mancanza di manutenzione o alla condizione delle strade provinciali bresciane) va fatta una analisi concreta sul voto bresciano.
 
Perché, in una provincia dove la maggior parte dei Comuni sono a guida di area centro sinistra, e con un sistema dove conta il voto ponderato (e certamente governando la città il Pd parte avvantaggiato), è interessante notare che il conteggio dei voti vede il centro destra prevalere sul centro sinistra per 41291 su 40351. Il centro destra - continua Rolfi - non è affatto minoranza, ed infatti complessivamente alla conta dei voti ha vinto, ma ha perso politicamente perché diviso in 4 liste, perché lacerato da divisioni personali, perché lascia prevalere frammentazioni che di politico hanno poco su una necessaria e strategica visione di insieme che ci porterebbe a prevalere, che ci avrebbe fatto vincere anche in provincia dove a causa di queste divisioni, nonostante avendo preso più voti, abbiamo conquistato meno consiglieri.
 
Del resto le elezioni amministrative vinte in quasi tutti i comuni bresciani lo scorso anno dove abbiamo costruito programmi e candidati condivisi
avevano già dato una dimostrazione delle strada da intraprendere per tornare a vincere, come lo chiedono i nostri elettori, in un territorio dove il
voto di opinione di centro destra e' storicamente prevalente.  Ma purtroppo non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire...".


Fonte: Comunicato stampa mar 10 gen 2017, ore 12.24
L'editore si riserva la possibilità di ripubblicare in qualsiasi momento i commenti (senza correzioni e mantentendo il riferimento all'articolo citato) anche su altri mezzi e altre testate del gruppo.

Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

Immagine profilo
stradivarius
(UTENTE NON REGISTRATO)
Fatti non parole. 15 Regioni su 20 con Presidente piddino e consiglio saldamente in mano al PD: Lazio, Molise, Campania, Puglia, Toscana, Marche, Umbria, Emilia Romagna, Friuli V.G., Sicilia, Sardegna, Calòbria, Abruzzo, Basilicata, Piemente. Poi ci sono Lombardia e Veneto a guida leghista e Liguria a guida forzista. Resta il Trentino a guida autonomista di centrosinistra (Sudtirolervolkspart ei) e poi la Valle d'Aosta con Rollandin, già parlamentare dell'Union Valdoten, più volte apparentata alle tornate europee con il centrosisnistra. Sintesi: i diabolici Renzi e Boschi l'avevano pensata proprio giusta: il Senato Piddino di nominati più la Camera Piddina (Italicum con premio di maggioranza spropositato al partito vincente. Poi le quindici Regioni Piddine e le Province Piddine di sescondo livello. Ecceziunale veramente !!!
mar 10 gen 2017, ore 17.38
Immagine profilo
@stradivarius
(UTENTE NON REGISTRATO)
Sei stato molto attento a non far notare che con il "nuovo" Senato i consiglieri regionali che sarebbero stati i nuovi senatori erano comunque votati dal consiglio regionale di appartenenza. Secondo il tuo ragionamento il PD avrebbe dovuto essere maggioranza in tutti i consigli regionali d'Italia. Ma che stai dicendo?
mar 10 gen 2017, ore 16.43
Immagine profilo
stradivarius
(UTENTE NON REGISTRATO)
Per la prima volta sono totalmente d'accordo su un pounto fondamentale con Rolfi: la Legge Del Rio pensata e realizzata per assicurare la guida delle Province depotenziate al PD. Esatto, con la fase due che era in fotocopia il Senato della riforma Renzi-Boschi, formato da nominati su base regionale: sarebbe stato un altro feudo e roccaforte istituzioanledel PD. Per fortuna gli italiani li hanno fermati: furbi, furbetti e rottamatori delle altre voci politiche.
mar 10 gen 2017, ore 14.58
Immagine profilo
@Orsobruno
(UTENTE NON REGISTRATO)
Quello che dici è vero le regole sono chiare. Ma non puoi negare che sono veramente una truffa: Qui i cittadini come direbbe il marchese del Grillo "non contano un ...."! Ci sara un motivo se si è passati da una elezione diretta a questa truffa.... Non si era partiti per la cancellazione delle Provincie? La legge Del Rio mostra ancora una volta il suo vero volto. Lasciando perdere lega e pd o fi questa legge impedisce aggregazioni autonome o chiamiamole civiche che in molti casi hanno dato ottimi risultati. Sul centro destra purtroppo è evidente che manca una guida e i segretari provinciali seguono logiche che se le definissimo veramente per come le si vede si finisce in tribunale per aver arrecato offesa grave...!! La Tebaldini (la lista non la signora intendiamoci) è lo specchio di questa politica fatta per qualcosa che non è ben chiaro. Se lei e i suoi seguaci vogliono sostenere la sinistra lo facciano, ma abbiano la dignità di non fare poi la parte di politici di centro destra... Ma alla fine tuto questo riporta a galla due direzioni da intraprendere, o tornare alla elezione VERA o cancelliamo non tanto l'ente ma questi signori così legati al potere
mar 10 gen 2017, ore 14.55
Immagine profilo
OrsoBruno
(UTENTE NON REGISTRATO)
Non capisco le regole valgono per tutti e sono chiare, di che si lamenta Rolfi ? Anche Hilary Clinton ha preso più voti di Donald ma non sarà "The President", poi è proprio sicuro che sia corretto contare i voti di tutto il centro destra? La Lista della Vivaldini era dichiaratamente pro Mottinelli va contata? Infine che cos'è il centro destra bresciano? Quanto è centro e quanto è destra? Il conteggio mi sembra semplicistico, la Lega poi non raccoglie neanche il voto dei suoi consiglieri .........
mar 10 gen 2017, ore 13.30
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Rivolete il Bigio in piazza Vittoria?
SI
NO
NON SO

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
20:28 Paigeunfor
22 gen - Vai alla news »
Hi! Where I can get the XRumer 16.0 for free?.. It's the best software for SEO and SMM. New 2017 release is incredible!...
20:14 @@considerazion
22 gen - Vai alla news »
Ah, perche' martinazzoli era molto presente, riceveva i cittadini, aveva un occhio di riguardo per la citta'... Si' l'occhio l'aveva: per in
20:04 @NONNA
22 gen - Vai alla news »
Ma va?
19:58 @NONNA
22 gen - Vai alla news »
Ma piantala! Hai rotto.
19:57 considerazione
22 gen - Vai alla news »
Bene! E' buona cosa. A quando una postazione al quartiere cesare abba? A folzano? Alla pendolina? In costalunga?
19:04 Gino
22 gen - Vai alla news »
Aria fritta, per dire e far sapere queste cose non serviva un comunicato dei presidenti. Cose dette e ridette niente di nuovo sotto il sole
19:04 Gino
22 gen - Vai alla news »
Aria fritta, per dire e far sapere queste cose non serviva un comunicato dei presidenti. Cose dette e ridette niente di nuovo sotto il sole
15:03 @@@considerazio
22 gen - Vai alla news »
Quello a cui la città non interessava proprio è senza ombra di dubbio Paroli: il numero uno dal dopoguerra, totalmente assente a Brescia ma
Commenti in evidenza
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
Il libro bresciano: una comparsa di successo nell'Italia dei mediocri
Parla di quell'Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati "La Comparsa" (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli (Bsnews.it)e in vendita da febbraio - al prezzo di 10 euro - nelle librerie bresciane*. Un'operetta che fa ridere e fa riflettere, con forti elementi di critica sociale e qualche tocco di teatro, in cui si narra la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook
Link suggerito
- Regione Lombardia - Consiglio
- Regione Lombardia - Consiglieri
- Economia e Finanza a Brescia
Consiglio regionale
- La più grande comunità italiana di giornalisti sui social
- Notizie economiche su Brescia e provincia
- Parco Natura Viva, divertimento in mezzo al verde
- Cerchi un'auto? Ecco l'offerta dell'anno.
- Social network, Facebook, Twitter etc
- Social media, web 2.0, comunicazione, ebook e altro





       
PUBBLICITA' | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008...