01 Febbraio 2015 - Ore 22:04


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal Camonica
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
LA POLEMICA

Incubatore di Cividate, Invernici (Pdl) all'attacco: se non entra capitale privato la Provincia deve andarsene

I commissari provinciali appartenenti ai gruppi consiliari del Pdl, dell’Udc e del Gruppo Misto, non hanno partecipato alla commissione provinciale prima, convocata per lunedì 18 a Cividate Camuno per visitare l'incubatore gestito dalla Società Impresa e Territorio Scarl. Una decisione che Diego Invernici - capogruppo del Pdl in Broletto – motiva sottolineando che “a distanza di un anno dalla sua costituzione, la società non ha ancora visto l'entrata di soggetti privati nel capitale sociale” e domandando – così si intitola significativamente la nota - se l'incubatore sia “opportunità o occupazione di potere?”

 

"Lo scorso anno – continua Invernici - il nostro gruppo ha sostenuto la costituzione della società perché da altri convinto che era l'unico strumento per permettere l'entrata nel capitale dei privati. Rassicurati dall'assessore Mario Maisetti, abbiamo ritenuto che la Provincia doveva partecipare direttamente e non tramite altre Società che svolgevano il medesimo ruolo. La nostra volontà - continua l'esponente del Pdl - non era e non è quella di costituire l'ennesima società per creare nuove poltrone: per questo motivo, abbiamo ritenuto che alla carica di Presidente del Cda dovesse essere indicato un imprenditore e non il solito politico del territorio: abbiamo apprezzato in tal senso la nomina del presidente dell'associazione di imprenditori camuni. Oggi però ci rammarichiamo nel verificare come il capitale sociale resta interamente in mani al pubblico. Allo stesso tempo”, incalza Invernici, “non si comprende come, in occasione della visita dell'assessore regionale Andrea Gibelli di giovedì 14, non siano stati coinvolti tutti i consiglieri provinciali che rappresentano il territorio in Broletto".


"La politica valligiana”, conclude Invernici, “ha perso troppo tempo nell'appagare le ambizioni di pochi, distraendo le energie mentali che servono per attivare progetti di rilancio economico del territorio. Oggi che il 75% del capitale della società è rappresentato da una sola persona, ci aspettiamo che l'uomo 'unico' al comando della Vallecamonica, onori gli impegni e coinvolga il privato nel capitale sociale. Società costituite per creare nuovi posti ai politici non servono”, chiosa , “quindi Impresa e Territorio Scarl resta uno strumento valido se vede all'interno il capitale privato, diversamente la Provincia deve rivedere le proprie decisioni".



Fonte: Redazione lun 18 lug 2011, ore 15.31
Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

COMMENTO MODERATO
Messaggio cancellato dalla redazione perché conteneva una o più delle seguenti violazioni alla politica del sito. 1) Insulti o volgarità 2) Affermazioni razziste 3) Spam 4) Denial of service 5) Violazione del Copyright 6) Considerazioni che necessitano di approfondimento legale 7) Considerazioni passibili di denuncia verso terzi 8) Utilizzo di nickname con nome e cognome senza registrazione verificata. Invitiamo l'interessato ad attenersi alle regole del buon senso, della netiquette e alle leggi dello Stato. In caso di gravi e/o ripetute violazioni saremo costretti a segnalare l'identificativo della connessione a chi di dovere. Non si aprono dibattiti pubblici sulle cancellazioni. Chi volesse spiegazioni scriva a: info@bsnews.it
lun 18 lug 2011, ore 22.30
Immagine profilo
(UTENTE NON REGISTRATO)
Parlare a nuora perché suocera intenda...
lun 18 lug 2011, ore 20.16
Immagine profilo
basta sprechi di denaro pubblico
(UTENTE NON REGISTRATO)
Il PDL è contrario alla nascita di nuove società a capitale publlico solo per creare posti nei cda e nei collegi sindacali. Se la società non è un contenuitore valido per attirare capitali privati è ovvio che la gestione dell'incubaore si possa fare attraverso società già presenti e partecipate....posizione condivisa!!!
lun 18 lug 2011, ore 17.26
Immagine profilo
Padanus
(UTENTE REGISTRATO)
LEZIONI DI OCCUPAZIONE DI POTERE DA PARTE DEL PDL?
lun 18 lug 2011, ore 16.09
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo
9

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
La Mille Miglia 2015 deve passare anche dalla Franciacorta?

No
Non so

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
21:01 auguri
01 feb - Vai alla news »
Auguri Presidente !
19:35 Ale
01 feb - Vai alla news »
Sempre così gli imbecilli ci sono sempre però se li prendono e gli fanno pagare i danni sarebbe una lezione anche per chi li v
18:18 stradivarius brixiensis
01 feb - Vai alla news »
Giusto ricordare la politica, così ai 140 miliardi di evasione fiscale aggiungiamo pure i 40 miliardi all'anno che, molto per difetto
17:47 Precedenze
01 feb - Vai alla news »
Va bene prendersela con gli evasori, a patto di non scordarsi i politici e i loro sottopanza che si sono divorati l' Italia. Vedere mille pe
14:55 nes
01 feb - Vai alla news »
a salò il sindaco ha emesso un ordinanza che i cani devono portare la museruola,,,,,ne vedessi uno,,,e i vigili intenti ai parchimetr
14:32 @sindacalisti a braccetto con treu
01 feb - Vai alla news »
Sono contento per te che hai una Ramge Rover Sport, ed è giusto che tu ce l'abbia se fai un lavoro che rende, a me non interessa cono
14:00 APE
01 feb - Vai alla news »
Al gA fat be
13:57 jejdekfnv
01 feb - Vai alla news »
Ha fatto bene.
Commenti in evidenza
16:54 Aldo Rebecchi
18 lug - Vai alla news »
Rispetto ai commenti letti, circa l’ipotesi che abbia a coordinare lo staff in via di formazione del Sindaco, non per replicare a chi legitt
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
A Brescia arriva la rivoluzione della ceretta con Go Wax
A Milano e in altre capitali mondiali è ormai una “moda” inarrestabile. E da inizio giugno fa tendenza anche a Brescia. Si tratta della ceretta brasiliana, pratica che ha già conquistato dive e donne “normali” in tutto il mondo perché basata su una tecnica che ha quasi del "rivoluzionario" rispetto a quella tradizionale. La "new ceretta" wax è una applicazione a caldo di cera d'api e miele che ha la caratteristica di
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook


       
EDIZIONI 12 | PUBBLICITA' | PI/CF 03327790980 | REA (4) 524873 | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008