Sabato 30 Maggio 2015 - Ore 10:10


Cronaca Nera Politica Società Economia Mobilità Ambiente Cultura Sport Curiose Interviste
Citta' ed hinterlandBassa brescianaFranciacorta e SebinoGarda e ValtenesiVal SabbiaVal TrompiaVal Camonica
Diminuisci il carattere Aumenta il carattere StampaInvia tramite mail
LA POLEMICA

Incubatore di Cividate, Invernici (Pdl) all'attacco: se non entra capitale privato la Provincia deve andarsene

I commissari provinciali appartenenti ai gruppi consiliari del Pdl, dell’Udc e del Gruppo Misto, non hanno partecipato alla commissione provinciale prima, convocata per lunedì 18 a Cividate Camuno per visitare l'incubatore gestito dalla Società Impresa e Territorio Scarl. Una decisione che Diego Invernici - capogruppo del Pdl in Broletto – motiva sottolineando che “a distanza di un anno dalla sua costituzione, la società non ha ancora visto l'entrata di soggetti privati nel capitale sociale” e domandando – così si intitola significativamente la nota - se l'incubatore sia “opportunità o occupazione di potere?”

 

"Lo scorso anno – continua Invernici - il nostro gruppo ha sostenuto la costituzione della società perché da altri convinto che era l'unico strumento per permettere l'entrata nel capitale dei privati. Rassicurati dall'assessore Mario Maisetti, abbiamo ritenuto che la Provincia doveva partecipare direttamente e non tramite altre Società che svolgevano il medesimo ruolo. La nostra volontà - continua l'esponente del Pdl - non era e non è quella di costituire l'ennesima società per creare nuove poltrone: per questo motivo, abbiamo ritenuto che alla carica di Presidente del Cda dovesse essere indicato un imprenditore e non il solito politico del territorio: abbiamo apprezzato in tal senso la nomina del presidente dell'associazione di imprenditori camuni. Oggi però ci rammarichiamo nel verificare come il capitale sociale resta interamente in mani al pubblico. Allo stesso tempo”, incalza Invernici, “non si comprende come, in occasione della visita dell'assessore regionale Andrea Gibelli di giovedì 14, non siano stati coinvolti tutti i consiglieri provinciali che rappresentano il territorio in Broletto".


"La politica valligiana”, conclude Invernici, “ha perso troppo tempo nell'appagare le ambizioni di pochi, distraendo le energie mentali che servono per attivare progetti di rilancio economico del territorio. Oggi che il 75% del capitale della società è rappresentato da una sola persona, ci aspettiamo che l'uomo 'unico' al comando della Vallecamonica, onori gli impegni e coinvolga il privato nel capitale sociale. Società costituite per creare nuovi posti ai politici non servono”, chiosa , “quindi Impresa e Territorio Scarl resta uno strumento valido se vede all'interno il capitale privato, diversamente la Provincia deve rivedere le proprie decisioni".



Fonte: Redazione lun 18 lug 2011, ore 15.31
Lascia il tuo commento a questa notizia

Nome
Testo del commento
Per inserire il tuo commento copia le lettere e i numeri che trovi qui a sinistra nella casella vuota che trovi qui a destra

Non riesce a leggere il codice? Aggiorna


   

   
Lascia il tuo commento con Facebook

COMMENTI

COMMENTO MODERATO
lun 18 lug 2011, ore 22.30
Immagine profilo
(UTENTE NON REGISTRATO)
Parlare a nuora perché suocera intenda...
lun 18 lug 2011, ore 20.16
Immagine profilo
basta sprechi d
(UTENTE NON REGISTRATO)
Il PDL è contrario alla nascita di nuove società a capitale publlico solo per creare posti nei cda e nei collegi sindacali. Se la società non è un contenuitore valido per attirare capitali privati è ovvio che la gestione dell'incubaore si possa fare attraverso società già presenti e partecipate....posizione condivisa!!!
lun 18 lug 2011, ore 17.26
Immagine profilo
Padanus
(UTENTE REGISTRATO)
LEZIONI DI OCCUPAZIONE DI POTERE DA PARTE DEL PDL?
lun 18 lug 2011, ore 16.09
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Fai di bsnews.it la tua pagina iniziale Feed Rss Contatti Chi Siamo
18

Registrazione | Cosa puoi fare col sito
Sondaggio
Chi è il miglior artista musicale bresciano?
Omar Pedrini
Mauro Pagani (Pfm)
Francesco Renga
Fausto Leali
Luisa Corna
Charlie Cinelli
Irene Fargo
L'Aura
Ettore Giuradei
Plan de fuga
Don Turbolento
Altri (suggerite i nomi a info@bsnews.it)

Chi è il miglior calciatore passato da Brescia?
George Hagi
Roberto Baggio
Joseph Guardiola
Andrea Pirlo
Luca Toni

Sondaggi del mese

Ultimi commenti
10:03 @09.21
30 mag - Vai alla news »
Genialità invece è indurli ad occupare le case altrui: l'importante è che non diano disturbo alle proprietàa chi li induce a fare ciò. Peral
09:22 @901
30 mag - Vai alla news »
Ecco un esempio di stupidità sociale" non é un problema delle singole persone e nemmeno di diritti per tutti. É un problema dell'intera coll
09:19 NO BAGNI
30 mag - Vai alla news »
Ma ci stanno prendendo per il xxxx ? A parte chi ha la barca, c'è qualcuno che fa il bagno a 100 metri dalla riva ? Perchè non fanno i con
09:01 ad esempio
30 mag - Vai alla news »
Potrebbero dormire a casa dei militanti di diritti per tutti: occupare le case loro e dell'ereditiere.
07:48 dove
30 mag - Vai alla news »
Dove avrebbero dormito le 50 persone se non avessero occupato? Non é solo un loro problema, ma anche della collettività. Discutibile il modo
06:05 @camuno22,35
30 mag - Vai alla news »
caspita che ragionamento, complimenti per la sagace similitudine con le ronde felpate ! sei tu quello che viaggia in treno con il famoso sa
05:59 alì babà
30 mag - Vai alla news »
credeva di essere alì babà ...! tanto tra poco vi imbarchiamo tutti per i vostri lidi , dove sarete liberi di delinquere a piacimento nel vo
05:56 @bha?! 20,49
30 mag - Vai alla news »
fammi capire ...ti ritieni " offeso " nella tua libertà di cittadino perchè in caso di controllo , devi sottoporti all'alcool test e al drog
Commenti in evidenza
16:54 Aldo Rebecchi
18 lug - Vai alla news »
Rispetto ai commenti letti, circa l’ipotesi che abbia a coordinare lo staff in via di formazione del Sindaco, non per replicare a chi legitt
Pubblicità elettorale


Twitta usando @bsnewsit

IN EVIDENZA
A Brescia arriva la rivoluzione della ceretta con Go Wax
A Milano e in altre capitali mondiali è ormai una “moda” inarrestabile. E da inizio giugno fa tendenza anche a Brescia. Si tratta della ceretta brasiliana, pratica che ha già conquistato dive e donne “normali” in tutto il mondo perché basata su una tecnica che ha quasi del "rivoluzionario" rispetto a quella tradizionale. La "new ceretta" wax è una applicazione a caldo di cera d'api e miele che ha la caratteristica di
Entra nella rubrica
12 News - Il Mensile
12 Mesi - Il Mensile
Fan Facebook


       
EDIZIONI 12 | PUBBLICITA' | PI/CF 03327790980 | REA (4) 524873 | REG. TRIB. BRESCIA 41/2008 DEL 15 SETTEMBRE 2008