Iniziativa davvero lodevole

    0

    Rapporti tra direzione aziendale e sindacati: tra tante notizie negative che si leggono e si sentono ne giunge una tanto inaspettata quanto gradita: l’industria di vernici Franchi&Kim di Castenedolo ha deciso di istituire delle “borse di studio” aziendali per i figli dei propri dipendenti. E sotto la notizia non c’è nessun trucco, nessuna media scolastica da piccolo genio da raggiungere, nessun iter burocratico fantozziano: è sufficiente essere dipendente a tempo indeterminato e autocertificare l’appartenenza del figlio a carico a un istituto scolastico senza bocciatura per l’anno preso in esame. L’iniziativa è stata prontamente accolta dai vertici dell’industria sollecitati in tal direzione dalle rappresentanze sindacali, legittimamente soddisfatte dell’accordo raggiunto. L’idea di fondo è innovativa e arriva in un momento di sincera difficoltà per tante famiglie alle prese con i cronici problemi ad arrivare a fine mese ai quali si aggiungono le spese per l’istruzione dei figli: acquisto libri, acquisto del materiale di cancelleria, abbonamento all’autobus, pasti fuori casa ecc. L’importo dei bonus elargiti: 100 euro per l’ultimo anno del ciclo elementare e le prime due classi della media inferiore; 150 per chi ha ottenuto la licenza media e per gli studenti delle medie superiori; 200 euro per i neomaturi e gli universitari in corso.
    A.C.

    close
    La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome