«Riprendiamoci il parco»

    0

    Tra i vari parchi cittadini quello di via Nullo, nei pressi di via Milano, è certamente uno dei meno utilizzati dai bresciani. Il parco fino a poco fa era frequentato quasi esclusivamente da tossicodipendenti e spacciatori, quartier generale per i loro traffici. L’amministrazione comunale, con il vicensindaco e assessore alla Sicurezza Fabio Rolfi, ha intenzione di riappropriarsi del parco e renderlo un luogo sicuro per le famiglie della zona. Diverse operazioni repressive sono state compiute nei mesi scorsi ed hanno portato all’arresto di 22 persone incriminate di spaccio o di uso di sostanze stupefacenti. Rolfi esprime soddisfazione per quanto è stato fatto finora: «Per noi è fondamentale favorire e sostenere la partecipazione dei cittadini nelle aree problematiche e il parco Nullo è diventato negli anni un vero e proprio ‘tossic park’ in cui è fortemente radicata la criminalità. Molti abitanti del quartiere si sono lamentati per la presenza di spacciatori, tossicodipendenti, bivacchi e siringhe, condizioni che rendono davvero invivibile la zona». Stretta la collaborazione tra l’amministrazione comunale e la circoscrizione Ovest, alla quale diversi cittadini si sono rivolti per segnalare i problemi di sicurezza nel parco. Il primo passo per allontanare i malviventi è stato quello di togliere le panchine sulle quali stazionavano ed estirpare, provvisoriamente, le siepi che fornivano loro un riparo da occhi indagatori. Il secondo passo sarà quello di portarci la gente: le prime iniziative sono in programma sabato alle ore 19 e domenica alle 18, quando spettacoli teatrali e musicali allieteranno la giornata.
    A.C.

    close
    La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome