Cinque in cinque giorni

    0

    Le raccomandazioni non mancano, sui giornali, sulle tv locali, sicuramente anche i familiari delle persone anziane che vivono sole hanno più volte invitato a non far entrare in casa nessuno, seppur provvisto di tesserino. Eppure nei giorni scorsi una coppia di truffatori ha messo a segno cinque colpi che hanno fruttato un bottino davvero ricco, purtroppo.
    I primi colpi lo scorso 25 settembre: con la scusa di dover leggere il contatore sono entrati in casa di tre anziane pensionate di 79, 83 e 90 anni, residenti in via Serra, via Biseo e via Cremona. Solo una breve visita alla casa e poi, a breve distanza, si presenta alla porta un falso poliziotto che dice di dover controllare se tutto è a posto perchè ci sono in circolazione ladri e truffatori (appunto). Le signore controllano i cassetti dove tengono soldi o prezioni e inavvertitamente rivelano il nascondiglio da svaligiare: un attimo di distrazione e i soldi spariscono. Gli altri due colpi ieri: vittime due signore di 79 e 92 anni in via Menotti e via Montesanto. Questa volta il primo dei due complici si è spacciato per "garante delle corretta differenziazione dei rifiuti".
    A.C.

    Comments

    comments

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome