Si prospetta il referendum

    0

    Una consultazione popolare per approvare il piano di espansione dell’Italcementi. Questa la proposta del sindaco di Rezzato Enrico Danesi che da mesi ormai, assieme al sindaco e all’amministrazione di Mazzano, sta portando avanti una trattativa con il gruppo dirigente dell’azienda. Sul piatto della bilancia l’incremento della produzione giornaliera di cemento. La proposta dell’Italcementi è quella di portarla dalle attuali 2 mila e 400 tonnellate ad almeno 3600; di contro il sindaco che vorrebbe si arrivasse a non più di 3 mila. Alla base dell’accordo ci sarebbe l’impegno da parte dell’azienda di installare macchinari tecnologicamente moderni e con un impatto inquinante minore rispetto agli attuali, in funzione ormai da anni. L’obiettivo è quello di diminuire il quantitativo di biossido di carbonio (863 mila tonnellate l’anno) e di biossido di azoto (1690 tonnellate) immesso nell’atmosfera. Le sostanze introdotte nell’aria sono in maniera più o meno diretta responsabili della diminuzione dell’aspettativa di vita della popolazione: proprio perchè c’è di mezzo la salute dei cittadini il sindaco di Rezzato vorrebbe coinvolgere il più possibile gli abitanti del paese e non esclude di ricorrere alla consultazione referendaria. Certo è che nessun
    accordo si può definire vantaggioso se si scende a compromessi sulla salute delle persone.

    close
    La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome