Pit bull sbrana il meticcio Furia

0

Domenica sera come suo solito Paolo Martinelli, 62 enne, stava passeggiando lungo via Sabotino in compagnia del meticcio di piccola taglia di nome Furia quando un pit bull fuoriuscito dalla recinzione guasta che delimita la zona cani del parco "Zarz" ha attaccato il cagnolino, ferendolo a morte. Tutto si è svolto in pochi minuti. Il pit bull ha azzannato Furia al collo e il suo padrone all’interno del parco non ha fatto in tempo ad impedirlo; il proprietario di Furia invece è cascato a terra sbattendo violentemente la spalla. Nemmeno il tempo di rialzarsi e il padrone del pit bull ha caricato il suo mastino in auto ed è partito. Fortuna ha voluto che alcuni passanti accorsi per rialzare Paolo Martinelli abbiano preso il numero di targa. Un parente dell’uomo ferito ha anche portato Furia in una clinica veterinaria, ma il meticcio vi è giunto ormai privo di vita.
Inqualificabile il comportamento del proprietario del pit bull sul quale ora pende una denuncia inoltrata ai carabinieri da parte del povero Martinelli, che dovrà anche sottoporsi a un intervento chirurgico per ricomporre una frattura al braccio.
a.c.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

1 COMMENT

  1. Sono sempre più convinta che quando un cane attacca è sempre x’ il padrone in precedenza o l’ha addestrato male o non ha avuto nei confronti dell’animale un comportamento coerente – per cui il cane tendenzialmente più potente fisicamente di altri puo’ diventare anche aggressivo

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome