I primi giorni senza motovedetta

    0

    Lo si sapeva da tempo che la motovedetta sul Sebino aveva i giorni contati, ma la speranza di impedire la smobilitazione dei carabinieri in servizio sulle acque del Lago d’Iseo non era mai venuta meno. Dal primo luglio invece il lago non è più presidiato, e la preoccupazione aumenta. Sedici comuni hanno spedito ieri al Ministero della Difesa un fax urgente con cui chiedono di far ripartire la vigilanza dei carabinieri che hanno spento i motori dell’imbarcazione ormeggiata a Iseo in un periodo dell’anno in cui ci sarebbe estremo bisogno di controlli. I comuni si potrebbero addirittura impegnare a compartecipare ai costi della gestione, se di problema economico si tratta, pur di avere garantita la sicurezza in acqua, fondamentale per la tutela dei turisti e la tranquillità dei residenti (seppur solo con una imbarcazione in tutto il lago, decisamente insufficiente).
    L’appello lanciato al ministro la Russa è partito da Sarnico dove si sono riuniti i 16 sindaci, che chiedono al più presto l’attivazione di un tavolo per le trattative, tavolo a cui si siederebbero anche carabinieri e Regione Lombardia. E’ quantomeno strano che su 18 motovedette in servizio sui laghi sia stata smobilitata solo quella sul Sebino.
    Au.Bi.

    Leggi qui la notizia dello scorso 4 maggio.

    close
    La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome