65 anni dal bombardamento

    0

    13 luglio 1944: il più massiccio bombardamento della seconda guerra mondiale sulla nostra città provoca 198 vittime e la distruzione di almeno 300 case, di parte della cupola del Duomo e della copertura della Queriniana. A distanza di 65 anni Brescia non dimentica e si torna a parlare di un monumento commemorativo per i parenti delle numerose vittime. Lo fa anche l’assessore Mario Labolani che "promette" che il monumento verrà realizzato. Già stabilito dove piazzarlo: tra via dei Mille e via Fratelli Ugoni. I ritardi nella realizzazione del monumento sono dovuti ai lavori in corso nella zona.
    a.c.

    close
    La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

    1 COMMENT

    1. tempi indimenticabili perchè vissuti personalmente.
      Sono d’accordo sul monumento perchè la gente non deve dimenticare.
      ricordo la cupola del duomo che bruciava – ricordo la scritta sulle
      pareti delle case diroccate " casa visitata dai liberatori"
      in conclusione: la gente ha imparato poco dalle tragedie.

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome