Omicidio Di Leva: preso il convivente

    0

    E’ durata poco la latitanza di Raffaele Brandi, il principale sospettato per l’omicidio di Rossana Di Leva, scoperto ieri mattina a Marcheno, in Valtrompia. E’ stato lui stesso, dopo una fuga disperata a bordo della Lancia Ypsilon della ex convivente, a costituirsi ai Carabinieri di Rozzano, in provincia di Milano, confessando l’omidicio. Dalla stazione milanese, l’uomo è stato portato a quella di Gardone Valtrompia dove è stato interrogato per alcune ore, alla ricerca di dettagli utili alla ricostruzione dei fatti. All’origine dell’omicidio sembrerebbe esserci l’incapacità, per il 45enne originario di Napoli, di accettare la fine di una lunga storia. Una incapacità che l’avrebbe portato all’estremo gesto, compiuto con un fucile a canne mozze detenuto illegalmente. Subito dopo aver colpito mortalmente la donna all’addome, l’uomo è fuggito, non prima di aver rintracciato il figlio Massimiliano, confessandogli l’accaduto. Ed è stato proprio quest’ultimo ad avvertire i carabinieri di Gardone che sono corsi all’appartamento di Marcheno verificando la veridicità delle dichiarazioni di Brandi. Ora l’omicida, dopo una notte nella cella di sicurezza della stazione dei carabinieri di Gardone, è stato condotto al carcere di Canton Mombello.

    close
    La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

    1 COMMENT

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome