Violenza fra le mura domestiche

    0

    Madre e figlia, rispettivamente di 49 e 9 anni,  di origine pakistana, sono state vittime di maltrattamenti fisici e violenze psicologiche da parte del capo famiglia. Stanche del comportamento violento si sono rivolte ai carabinieri di Gardone Val Trompia per denunciarlo. L’uomo, 49 anni, incensurato e con regolare permesso di soggiorno, molto probabilmente non accettava il comportamento “all’occidentale” delle due donne  che non rispettavano le regole comportamentali del loro paese di origine. Per questo motivo,  il pakistano spesso minacciava la moglie e la figlia di morte usando un coltello da cucina. La moglie non ha voluto subire passivamente il comportamento del marito e insieme alla figlia si è rivolta alle forze dell’ordine. A suffragare il racconto delle due donne sia i numerosi ematomi riscontrati durante la visita in ospedale, sia le testimonianze raccolte presso i vicini di casa. L’uomo è stato arrestato e portato nel carcere di Canton Mombello.

    close
    La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome