Primi risultati dello screening

    0

    Tre anni fa in Valle Camonica partì un progetto per lo screening della salute tramite le analisi del sangue di alcune categorie di persone appartenenti a diverse fasce d\’età.

    Lo studio effettuato dall\’Università statale di Brescia è stato varato grazie al contributo di 600mila euro ricevuto dalla Comunità Europea che voleva vederci chiaro sull\’incidenza dell\’inquinamento da metalli nel sangue dei giovani camuni e capire l\’eventuale correlazione con l\’insorgenza di alcune patologie come il parkinson, particolarmente presenti in Valle, addirittura in percentuali di 4/5 volte superiori rispetto alla media europea.

    A due anni dalla conclusione del progetto sono stati diffusi i primi dati riguardanti i giovani di età compresa tra gli 11 e i 13 anni. Nel sangue dei ragazzi è stata riscontrata la presenza di piombo e manganese decisamente più alta rispetto a loro coetanei residenti, ad esempio, sul Garda. Lo studio mette in relazione l\’inquinamento da metalli pesanti con le lavorazioni industriali molto presenti in Valle soprattutto fino a qualche anno fa ma ora quasi del tutto abbandonate. Nessun allarmismo, la situazione lentamente sta migliorando grazie alla maggiore consapevolezza dei rischi correlati all\’inquinamento, ma purtroppo l\’aria e l\’acqua rimarranno compromesse per molto tempo ancora. Lo screening prosegue, ancora due anni per i risultati completi.

    close
    La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome