Gpl: preoccupazione eccessiva?

    0

    Una sosta non programmata di un giorno e mezzo nella stazione "Piccola" di Brescia, a causa di un guasto alla motrice. Alla fine il convoglio è partito, poco dopo la mezzanotte di lunedì, per lasciare spazio alle polemiche, dei cittadini della zona, preoccupati per ciò che è successo, e delle autorità cittadine che nessuno ha pensato di avvisare.

    Ciò che è successo ha destato molta preoccupazione, ma è così strano che a Brescia sostino convogli che trasportano merci infiammabili, esplosive o per latri motivi pericolose? Pare di no, essendo la nostra città punto di scalo sulle rotte commerciali del nord Italia. Il fatto è che la città è proprio al confine tra due macro-zone gestite da due società differenti, VcItalia e FretItalia, che gestiscono il traffico merci sulla rete ferroviaria rispettivamente dalla Francia a Brescia e da Brescia sino al Friuli. Di fatto i convogli sostano in città da ormai più di due mesi, certo non per un giorno e mezzo (necessario per far arrivare dalla Francia un nuovo locomotore) ma per due-tre ore ad ogni passaggio di consegne. La situazione a breve potrebbe mutare, visto che la francese FretItalia ha da poco acquistato VcItalia.    

    Clicca per votare questo post
    [Total: 0 Average: 0]

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. No! non è preoccupazione eccessiva,signori miei.Che le Autorità cittadine non ne sappessero nulla è cosa inaudita.
      Che razza di attività di sicurezza si può organizzare se non si sa cosa bolle sul territorio.Ma TRENITALIA che cosa sta combinando sulla pelle dei Cittadini?

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome